Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook ISEE

ISEE difforme  

“Si avvertono gli studenti che in questi giorni perverrà ad alcuni di essi un messaggio automatico di posta elettronica da parte dell’Ateneo che li informerà di alcune difformità comunicateci dall’INPS circa l’attestazione ISEE.

Il messaggio riferirà anche della necessità di informarne in merito il dichiarante della DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) da parte dello studente destinatario della suddetta comunicazione.

Nella maggior parte dei casi trattasi di DSU della tipologia non conforme al diritto allo studio universitario (Prestazioni per il diritto allo Studio Universitario) che generano una consequenziale ISEE difforme.

Per questi motivi, si invitano gli studenti destinatari della suddetta comunicazione a presentare una DSU di rettifica”.

Come ottenere l'ISEE

La valutazione della condizione economica dallo studente, ai fini della determinazione dell’importo dei contributi (seconda rata), viene determinata in base al sistema regolamentato dalla disciplina di cui all’Art. 4, comma 1 del DPCM 159/2013 (ISEE per le prestazioni agevolate nell’ambito del Diritto allo studio  universitario).

Pertanto lo studente che intende essere collocato in una delle fasce di reddito definite nel Regolamento Tasse e Contributi deve munirsi dell’Attestazione dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE per le prestazioni agevolate nell’ambito del Diritto allo studio  universitario) secondo una delle seguenti modalità:

a)  recarsi presso uno dei CAAF (Centro Autorizzato di Assistenza Fiscale) e presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU);

b)  collegarsi direttamente al sito www.inps.it e, tramite l’accesso all’area riservata dei Servizi Online – Servizi per il cittadino, seguire la procedura guidata per la richiesta dell’attestazione ISEE.

Ottenuta l'Attestazione dopo presentazione della DSU, bisogna concedere il consenso, durante la procedura di immatricolazione e/o iscrizione, alla lettura della stessa direttamente alla banca dati dell'INPS. 

Non si deve consegnare la documentazione cartacea in Segreteria studenti.

 

[Ultima modifica: mercoledì 30 novembre 2016]