Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook Ada Lovelace Day 2017

Ada Lovelace - To the Difference Engine
Ada Lovelace, “incantatrice dei numeri” (1815-1852)

10 ottobre, ore 10.15
Ingegneria, Aula Magna
via G. Di Biasio, 43 - Cassino

Per il secondo anno l’Università di Cassino e del Lazio meridionale partecipa alla giornata mondiale in onore di Ada Lovelace (10 ottobre 2017), considerata la prima programmatrice della storia del computer, una giornata che ha come obiettivo ridurre la disparità di genere e il digital divide.

Figlia del celebre poeta Lord George Gordon Noel Byron VI, educata agli studi scientifici dall’età di 17 anni, Ada collaborò con Charles Babbage, professore di matematica a Cambridge, che stava lavorando alla progettazione dell’ ‘Analytical Engine’, una macchina per il calcolo che anticipava molte delle idee alla base degli odierni computer. Notevole è la descrizione che Ada fece della macchina analitica in una sua pubblicazione del 1843, con molte intuizioni originali, tra cui il primo algoritmo espressamente concepito per essere elaborato da una macchina.

Ada Lovelace, "Enchantress of Numbers", come veniva definita, è stata la prima studiosa della storia a concepire la possibilità di realizzare calcoli numerici in veri e propri computer e a ipotizzare la creazione dell’intelligenza artificiale. Il linguaggio di programmazione Ada, finanziato dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, è così chiamato in suo onore.

Il 10 ottobre sarà l’occasione per valorizzare le eccellenze femminili dell’Ateneo di Cassino in campo tecnologico, ingegneristico, matematico e scientifico e per promuovere le cosiddette STEM disciplines nelle scuole del territorio, incoraggiando le ragazze ad avvicinarsi a questi studi e ad investire nelle carriere scientifiche e tecnologiche.

Un obiettivo che può essere realisticamente raggiunto nel nostro territorio, come ha dimostrato il successo del contest Ada Award 2016: 85 ragazzi di 9 istituti di Cassino, Pontecorvo e Frosinone, riuniti in 19 squadre capitanate da studentesse, hanno partecipato alla competizione, presentando lavori scientifici su temi di ingegneria, topografia, efficienza energetica, robotica, idrogeologia, economia e salute.

La giornata sarà dedicata alla memoria di Maryam Mirzakhani, la matematica iraniana, prima donna a vincere la Medaglia Fields, equivalente al Premio Nobel del suo campo, scomparsa il 17 luglio 2017.  


[Ultima modifica: martedì 3 ottobre 2017]