Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook Esplorando l'Universo 3.0

Photo Esplorando l'Universo 3.0

Esplorando l'Universo 3.0. Il mondo dell’astronomia moderna dal 11 al 25 gennaio alla Villa Comunale di Frosinone

Dopo uno sforzo di quasi due anni di lavoro per la raccolta di centinaia di foto e la redazione dei relativi testi è al nastro di partenza la Mostra “ESPLORANDO L’UNIVERSO 3.0” realizzata dall’Osservatorio Astronomico di Campo Catino e finanziata dalla Regione Lazio. 

La mostra sarà allestita presso la Villa Comunale di Frosinone e sarà inaugurata sabato 11 gennaio alle 10.30, alla presenza del Presidente del Consiglio Regionale Mauro Buschini e i rappresentanti degli enti coinvolti. In tale occasione l’astronoma frusinate Sara Turriziani parlerà del “Telescopio Mini EUSO sulla Stazione Spaziale internazionale”, un progetto cui ha lavorato per tre anni in Giappone.

Il titolo della mostra è stato scelto per ricordare il primo evento, organizzato dall’Associazione Astronomica nel settembre del 1984 ad Alatri, con il supporto dell’Amministrazione Provinciale ma anche quello svoltosi a Frosinone nel 2012 per la VI edizione delle Giornate della Scienza. Di qui il 3.0 che conferma finalità e contenuti di questa manifestazione che non si limiterà solo ad una mostra fotografica ma sarà un vero e proprio focus sulle attuali conoscenze dell’Universo. La mostra è costituita da oltre 100 pannelli sul sistema solare, le nebulose, gli ammassi stellari, le galassie e i grandi osservatori astronomici. L’esposizione si arricchirà di una serie di eventi divulgativi disseminati nell’arco delle due settimane quali proiezioni di video, osservazioni diurne del Sole e serali del cielo presso la Villa Comunale di Frosinone, seminari, conferenze e science show, organizzati in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Frosinone, i Dipartimenti di Ingegneria dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, l’Associazione VEPU e l’Associazione ScienzaViva di Calitri

In particolare, l’Associazione VEPU curerà uno stand dedicato al progetto Apollo e alla conquista della Luna, mentre i seminari ed incontri partiranno con un primo appuntamento il 14 gennaio alle 15, presso la sede di Frosinone dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, con Carmine Elvezio Pagliarone e Deborah Lacitignola che parleranno di materia oscura e frattali; si proseguirà poi il 18 alle 10.30 presso la Villa Comunale con Giovanni Isopi e Mario Di Sora dell’Osservatorio Astronomico di Campo Catino e con l’ambientalista Stefano Ceccarelli per conoscere i pianeti extra-solari e il destino della Terra; seguirà il 22 alle 17 presso l’Accademia di Belle Arti di Frosinone una conversazione sul tema “Inseguendo l’infinito”, con Mario Di Sora, Antonio Maffucci dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale e Marcello Carlino dell’Università di Roma Sapienza, moderati dal Direttore dell’Accademia di Belle Arti Loredana Rea, per finire con il 23 alle 16 alla Villa Comunale, con Giorgio Viavattene dell’INAF di Roma che parlerà di evoluzione stellare

La chiusura della manifestazione avrà luogo sabato 25 gennaio alle 10.30, con lo spettacolo della scienza “Sulla terra e nel cielo: pillole di scienza”, a cura di Pietro Cerreta, Vincenzo Favale e Canio L. Toglia di ScienzaViva, Associazione per la divulgazione scientifica di Calitri. 

Oltre ai ricercatori dell’Osservatorio Astronomico di Campo Catino, i visitatori della mostra saranno accompagnati da circa un centinaio di studenti delle scuole partner del progetto che fungeranno da guide scientifiche: l’I.I.S. “Turriziani” di Frosinone, l’I.T.I.S. “Morosini” di Ferentino, il Liceo Scientifico “Da Vinci” di Sora , l’I.I.S. “Sulpicio” di Veroli ed il Liceo Scientifico e Linguistico di Ceccano, presente anche con propri video.

L’evento è anche patrocinato dalla Provincia di Frosinone,  dal Comune di Frosinone e dall’Unione Astrofili Italiani.

Il programma dettagliato è disponibile sul sito: www.campocatinobservatory.org 

Tutti gli eventi sono aperti al pubblico gratuitamente. I gruppi numerosi e le scolaresche sono tuttavia invitati a prenotarsi con una mail a: science@campocatinobservatory.org oppure telefonando allo 0775/833737.  

 

[Ultima modifica: giovedì 9 gennaio 2020]