Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook Scheda Insegnamento

LETTERATURA LATINA I (codice 43204)

Curriculum: Moderno del corso di Lettere
Programmazione per l'A.A.: 2020/2021

Appelli d'esame: Calendario - Prenotazioni
Orari del corso di Lettere: apri


Crediti Formativi Universitari (CFU): 12,00
Settore Scientifico Disciplinare (SSD): L-FIL-LET/04
Ambito disciplinare: Lingue e letterature classiche
Attività: Attività formative di base (A)
Ore aula: 72
Canale: NESSUNA CANALIZZAZIONE

Obiettivi:
conoscenza delle personalità e delle problematiche fondamentali della storia della letteratura latina; acquisizione delle capacità di base per un’analisi linguistica e storico-letteraria di testi prosastici e poetici latini classici

Programma:
1. Storia della letteratura latina
È richiesta – oltre alla periodizzazione e ad un inquadramento storico generale – la conoscenza dei seguenti autori della letteratura latina: Agostino, Apuleio, Catullo, Cesare, Cicerone, Ennio, Giovenale, Girolamo, Livio, Livio Andronico, Lucano, Lucilio, Lucrezio, Marziale, Nevio, Orazio, Ovidio, Petronio, Plauto, Plinio il Vecchio, Properzio, Quintiliano, Sallustio, Seneca, Stazio, Svetonio, Tacito, Terenzio, Tibullo, Virgilio.
2. Cicerone, In Verrem II, 4 (de signis) (lettura, traduzione e commento linguistico e storico letterario)
3. Virgilio, Eneide, libro 1 (lettura metrica, traduzione e commento linguistico e storico letterario)
4. Istituzioni di lingua latina

Testi:
1. P. FEDELI, Storia letteraria di Roma, con brani antologici, Ferraro Editori, Napoli 2004; in alternativa, G. BIAGIO CONTE, Letteratura latina. Manuale storico dalle origini alla fine dell'impero romano, Firenze Le Monnier.

2. - Cicerone, Actio de signis, a cura di P. Rho, Dante Alighieri ed., 1998 (2 ed.); per una traduzione italiana e un commento si consiglia: M. Tulli Ciceronis In C. Verrem actionis secundae liber quartus : (de signis), a cura di G. Baldo, Firenze, Le Monnier, 2004
- A. Cavarzere, Oratoria a Roma. Storia di un genere pragmatico, Carocci, Roma 2000 (limitatamente ai §§ 7- 8: pp. 125-165).

3. - Virgilio, Eneide, libro 1: per una traduzione italiana, vd. ad es. Eneide, introduzione di A. La Penna, traduzione e note di R. Scarcia, Milano, Rizzoli BUR 2002 o qualsiasi edizione economica
- N. Holzberg, Virgilio, Bologna, Il Mulino, 2008, limitatamente ai §§. 1 e 4 (pp. 1-91 e 171-278)

4. Istituzioni di lingua latina: per particolari problemi di fonetica, morfologia, sintassi, si richiede la lettura di A. Traina - G. Bernardi Perini, Propedeutica al latino universitario, Bologna, Pàtron, 2007, limitatamente ai §§ II-VI;
- per la parte metrica, si suggerisce lo studio di: L. Ceccarelli, Prosodia e metrica latina classica. Con cenni di metrica greca, Roma, Società Editrice Dante Alighieri, 2004, pp. 1-45; S. Boldrini, La prosodia e la metrica dei Romani, Roma, NIS, 1992, pp. 35-38


LETTERATURA LATINA I (codice 43204)

Curriculum: Classico del corso di Lettere
Programmazione per l'A.A.: 2020/2021

Appelli d'esame: Calendario - Prenotazioni
Orari del corso di Lettere: apri


Crediti Formativi Universitari (CFU): 12,00
Settore Scientifico Disciplinare (SSD): L-FIL-LET/04
Ambito disciplinare: Lingue e letterature classiche
Attività: Attività formative di base (A)
Ore aula: 72
Canale: NESSUNA CANALIZZAZIONE
  • Docente: CASAVECCHIA ROBERTA Scheda informativa del docente CASAVECCHIA

Obiettivi:
conoscenza delle personalità e delle problematiche fondamentali della storia della letteratura latina; acquisizione delle capacità di base per un’analisi linguistica e storico-letteraria di testi prosastici e poetici latini classici

Programma:
1. Storia della letteratura latina
È richiesta – oltre alla periodizzazione e ad un inquadramento storico generale – la conoscenza dei seguenti autori della letteratura latina: Agostino, Apuleio, Catullo, Cesare, Cicerone, Ennio, Giovenale, Girolamo, Livio, Livio Andronico, Lucano, Lucilio, Lucrezio, Marziale, Nevio, Orazio, Ovidio, Petronio, Plauto, Plinio il Vecchio, Properzio, Quintiliano, Sallustio, Seneca, Stazio, Svetonio, Tacito, Terenzio, Tibullo, Virgilio.
2. Cicerone, In Verrem II, 4 (de signis) (lettura, traduzione e commento linguistico e storico letterario)
3. Virgilio, Eneide, libro 1 (lettura metrica, traduzione e commento linguistico e storico letterario)
4. Istituzioni di lingua latina

Testi:
1. P. FEDELI, Storia letteraria di Roma, con brani antologici, Ferraro Editori, Napoli 2004; in alternativa, G. BIAGIO CONTE, Letteratura latina. Manuale storico dalle origini alla fine dell'impero romano, Firenze Le Monnier.

2. - Cicerone, Actio de signis, a cura di P. Rho, Dante Alighieri ed., 1998 (2 ed.); per una traduzione italiana e un commento si consiglia: M. Tulli Ciceronis In C. Verrem actionis secundae liber quartus : (de signis), a cura di G. Baldo, Firenze, Le Monnier, 2004
- A. Cavarzere, Oratoria a Roma. Storia di un genere pragmatico, Carocci, Roma 2000 (limitatamente ai §§ 7- 8: pp. 125-165).

3. - Virgilio, Eneide, libro 1: per una traduzione italiana, vd. ad es. Eneide, introduzione di A. La Penna, traduzione e note di R. Scarcia, Milano, Rizzoli BUR 2002 o qualsiasi edizione economica
- N. Holzberg, Virgilio, Bologna, Il Mulino, 2008, limitatamente ai §§. 1 e 4 (pp. 1-91 e 171-278)

4. Istituzioni di lingua latina: per particolari problemi di fonetica, morfologia, sintassi, si richiede la lettura di A. Traina - G. Bernardi Perini, Propedeutica al latino universitario, Bologna, Pàtron, 2007, limitatamente ai §§ II-VI;
- per la parte metrica, si suggerisce lo studio di: L. Ceccarelli, Prosodia e metrica latina classica. Con cenni di metrica greca, Roma, Società Editrice Dante Alighieri, 2004, pp. 1-45; S. Boldrini, La prosodia e la metrica dei Romani, Roma, NIS, 1992, pp. 35-38


[Ultima modifica: mercoledì 30 novembre 2016]