Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook Scheda Insegnamento

LETTERATURA LATINA II (codice 43205)

Curriculum: Moderno del corso di Lettere
Programmazione per l'A.A.: 2020/2021

Appelli d'esame: Calendario - Prenotazioni
Orari del corso di Lettere: apri


Crediti Formativi Universitari (CFU): 12
Settore Scientifico Disciplinare (SSD): L-FIL-LET/04
Ambito disciplinare: Attività formative affini o integrative
Attività: Attività formative affini ed integrative (C)
Ore aula: 72

Canale unico

Obiettivi:
Al termine del corso lo studente:
a) conosce fonetica, morfologia e sintassi della lingua latina
b) conosce la storia e i generi della letteratura latina
c) conduce in autonomia analisi linguistiche, stilistiche e tematiche relative a testi latini;
d) affina le capacità di traduzione dei testi proposti nel corso

Programma:
1. Parte monografica (lezioni in aula)
Le Declamationes minores attribuite a Quintiliano: tra finzione e didattica

2. Parte istituzionale (a cura dello/-a studente/-ssa)
a) 1. Sintassi della lingua latina; 2. Metrica (esametro, distico elegiaco)
b) Istituzioni di storia della letteratura latina: è richiesta – oltre alla periodizzazione e ad un inquadramento storico generale – la conoscenza dei seguenti autori della letteratura latina: Agostino, Apuleio, Catullo, Cesare, Cicerone, Ennio, Giovenale, Girolamo, Livio, Livio Andronico, Lucano, Lucilio, Lucrezio, Marziale, Nevio, Orazio, Ovidio, Petronio, Plauto, Plinio il Vecchio, Properzio, Quintiliano, Sallustio, Seneca, Stazio, Svetonio, Tacito, Terenzio, Tibullo, Virgilio
c) Autori da leggere in latino: 1. Virgilio, Eneide, 4.

Testi:
1. Parte monografica:
1) Le Declamazioni minori da studiare per la parte monografica saranno indicate a lezione, unitamente alle edizioni, i commenti e la bibliografia relativa.
2) Si richiede inoltre lo studio di: a) G. Dimatteo, Audiatur et altera pars. I discorsi doppi nelle Declamationes minores e in Calpurnio Flacco, Pàtron, Bologna 2019; b) E. Berti, Declamazione e poesia, in: M. Lentano, La declamazione latina, Liguori Editore, Napoli 2015, pp. 19-57 (pdf disponibile sul sito del docente); o, in alternativa: F. Citti-L. Pasetti, Declamazione e stilistica, in: M. Lentano, La declamazione latina, Liguori Editore, Napoli 2015, pp. 115-148 (pdf disponibile sul sito del docente).

2. Parte istituzionale:
1) a. Per la sintassi della lingua latina si richiede lo studio di A. Traina – T. Bertotti, Sintassi normativa della lingua latina, Bologna, Pàtron, 2015 (per un ripasso della morfologia si consiglia I. Dionigi - E. Riganti - L. Morisi, Il latino, Bari, Laterza 2011); b. Metrica: L. Ceccarelli, Prosodia e metrica latina classica, Roma, Società Editrice Dante Alighieri, 20042, pp. 1-38; 66-69. Per il concetto di ‘lettura metrica’ si raccomanda inoltre la lettura di S. Boldrini, La prosodia e la metrica dei Romani, Roma, NIS, 1992, pp. 35-38 (pdf disponibile sul sito del docente).
2) Istituzioni di storia della letteratura latina: si può ricorrere a G.B. Conte, Letteratura latina. Manuale storico dalle origini alla fine dell'impero romano, Firenze, Le Monnier, 2002; o in alternativa a P. Fedeli, Storia letteraria di Roma con brani antologici, Fratelli Ferraro Editori, 2004.
3) Autori (le edizioni sono solo consigliate; qualunque edizione economica va bene):
a) Virgilio, Eneide, Libro 4; per una traduzione italiana, vd. ad es. Eneide, introduzione di A. La Penna, traduzione e note di R. Scarcia, Milano, Rizzoli BUR 2002.

n.b.: primo punto di riferimento sono gli appunti dalle lezioni
Informazioni più dettagliate saranno disponibili alla fine del corso

STUDENTI NON FREQUENTANTI
1. Parte monografica
1) Ps.-Quint. Decl. min. 250; 253; 258; 263; 265; 274; 275; 282; 284; 331 (chiedere al docente una dispensa via mail)
2) Si richiede inoltre lo studio di: a) G. Dimatteo, Audiatur et altera pars. I discorsi doppi nelle Declamationes minores e in Calpurnio Flacco, Pàtron, Bologna 2019; b) E. Berti, Declamazione e poesia, in: M. Lentano, La declamazione latina, Liguori Editore, Napoli 2015, pp. 19-57 (pdf disponibile sul sito del docente); o, in alternativa: F. Citti-L.Pasetti, Declamazione e stilistica, in: M. Lentano, La declamazione latina, Liguori Editore, Napoli 2015, pp. 115-148 (pdf disponibile sul sito del docente).

2. Parte istituzionale
1) a. Per la sintassi della lingua latina si richiede lo studio di A. Traina-T. Bertotti, Sintassi normativa della lingua latina, Bologna, Pàtron, 2015 (per un ripasso della morfologia si consiglia I. Dionigi - E. Riganti - L. Morisi, Il latino, Bari, Laterza 2011); b. Metrica: L. Ceccarelli, Prosodia e metrica latina classica, Roma, Società Editrice Dante Alighieri, 20042, pp. 1-38; 66-69. Per il concetto di ‘lettura metrica’ si raccomanda inoltre la lettura di S. Boldrini, La prosodia e la metrica dei Romani, Roma, NIS, 1992, pp. 35-38 (pdf disponibile sul sito del docente).
2) Istituzioni di storia della letteratura latina: si può ricorrere a G.B. Conte, Letteratura latina. Manuale storico dalle origini alla fine dell'impero romano, Firenze, Le Monnier, 2002; o in alternativa a P. Fedeli, Storia letteraria di Roma con brani antologici, Fratelli Ferraro Editori, 2004. È richiesta – oltre alla periodizzazione e ad un inquadramento storico generale – la conoscenza dei seguenti autori della letteratura latina: Agostino, Apuleio, Catullo, Cesare, Cicerone, Ennio, Giovenale, Girolamo, Livio, Livio Andronico, Lucano, Lucilio, Lucrezio, Marziale, Nevio, Orazio, Ovidio, Petronio, Plauto, Plinio il Vecchio, Properzio, Quintiliano, Sallustio, Seneca, Stazio, Svetonio, Tacito, Terenzio, Tibullo, Virgilio.
3) Autori (le edizioni sono solo consigliate; qualunque edizione economica va bene):
a) Virgilio, Eneide, Libro 4; per una traduzione italiana, vd. ad es. Eneide, introduzione di A. La Penna, traduzione e note di R. Scarcia, Milano, Rizzoli BUR 2002.

Obiettivi:
Al termine del corso lo studente:
a) conosce fonetica, morfologia e sintassi della lingua latina
b) conosce la storia e i generi della letteratura latina
c) conduce in autonomia analisi linguistiche, stilistiche e tematiche relative a testi latini;
d) affina le capacità di traduzione dei testi proposti nel corso

Programma:

Testi:


LETTERATURA LATINA II (codice 43205)

Curriculum: Classico del corso di Lettere
Programmazione per l'A.A.: 2020/2021

Appelli d'esame: Calendario - Prenotazioni
Orari del corso di Lettere: apri


Crediti Formativi Universitari (CFU): 12
Settore Scientifico Disciplinare (SSD): L-FIL-LET/04
Ambito disciplinare: Filologia, linguistica e letteratura
Attività: Attività formative caratterizzanti (B)
Ore aula: 72

Canale unico

Obiettivi:
Al termine del corso lo studente:
a) conosce fonetica, morfologia e sintassi della lingua latina
b) conosce la storia e i generi della letteratura latina
c) conduce in autonomia analisi linguistiche, stilistiche e tematiche relative a testi latini;
d) affina le capacità di traduzione dei testi proposti nel corso

Programma:
1. Parte monografica (lezioni in aula)
Le Declamationes minores attribuite a Quintiliano: tra finzione e didattica

2. Parte istituzionale (a cura dello/-a studente/-ssa)
a) 1. Sintassi della lingua latina; 2. Metrica (esametro, distico elegiaco)
b) Istituzioni di storia della letteratura latina: è richiesta – oltre alla periodizzazione e ad un inquadramento storico generale – la conoscenza dei seguenti autori della letteratura latina: Agostino, Apuleio, Catullo, Cesare, Cicerone, Ennio, Giovenale, Girolamo, Livio, Livio Andronico, Lucano, Lucilio, Lucrezio, Marziale, Nevio, Orazio, Ovidio, Petronio, Plauto, Plinio il Vecchio, Properzio, Quintiliano, Sallustio, Seneca, Stazio, Svetonio, Tacito, Terenzio, Tibullo, Virgilio
c) Autori da leggere in latino: 1. Virgilio, Eneide, 4.

Testi:
1. Parte monografica:
1) Le Declamazioni minori da studiare per la parte monografica saranno indicate a lezione, unitamente alle edizioni, i commenti e la bibliografia relativa.
2) Si richiede inoltre lo studio di: a) G. Dimatteo, Audiatur et altera pars. I discorsi doppi nelle Declamationes minores e in Calpurnio Flacco, Pàtron, Bologna 2019; b) E. Berti, Declamazione e poesia, in: M. Lentano, La declamazione latina, Liguori Editore, Napoli 2015, pp. 19-57 (pdf disponibile sul sito del docente); o, in alternativa: F. Citti-L. Pasetti, Declamazione e stilistica, in: M. Lentano, La declamazione latina, Liguori Editore, Napoli 2015, pp. 115-148 (pdf disponibile sul sito del docente).

2. Parte istituzionale:
1) a. Per la sintassi della lingua latina si richiede lo studio di A. Traina – T. Bertotti, Sintassi normativa della lingua latina, Bologna, Pàtron, 2015 (per un ripasso della morfologia si consiglia I. Dionigi - E. Riganti - L. Morisi, Il latino, Bari, Laterza 2011); b. Metrica: L. Ceccarelli, Prosodia e metrica latina classica, Roma, Società Editrice Dante Alighieri, 20042, pp. 1-38; 66-69. Per il concetto di ‘lettura metrica’ si raccomanda inoltre la lettura di S. Boldrini, La prosodia e la metrica dei Romani, Roma, NIS, 1992, pp. 35-38 (pdf disponibile sul sito del docente).
2) Istituzioni di storia della letteratura latina: si può ricorrere a G.B. Conte, Letteratura latina. Manuale storico dalle origini alla fine dell'impero romano, Firenze, Le Monnier, 2002; o in alternativa a P. Fedeli, Storia letteraria di Roma con brani antologici, Fratelli Ferraro Editori, 2004.
3) Autori (le edizioni sono solo consigliate; qualunque edizione economica va bene):
a) Virgilio, Eneide, Libro 4; per una traduzione italiana, vd. ad es. Eneide, introduzione di A. La Penna, traduzione e note di R. Scarcia, Milano, Rizzoli BUR 2002.

n.b.: primo punto di riferimento sono gli appunti dalle lezioni
Informazioni più dettagliate saranno disponibili alla fine del corso

STUDENTI NON FREQUENTANTI
1. Parte monografica
1) Ps.-Quint. Decl. min. 250; 253; 258; 263; 265; 274; 275; 282; 284; 331 (chiedere al docente una dispensa via mail)
2) Si richiede inoltre lo studio di: a) G. Dimatteo, Audiatur et altera pars. I discorsi doppi nelle Declamationes minores e in Calpurnio Flacco, Pàtron, Bologna 2019; b) E. Berti, Declamazione e poesia, in: M. Lentano, La declamazione latina, Liguori Editore, Napoli 2015, pp. 19-57 (pdf disponibile sul sito del docente); o, in alternativa: F. Citti-L.Pasetti, Declamazione e stilistica, in: M. Lentano, La declamazione latina, Liguori Editore, Napoli 2015, pp. 115-148 (pdf disponibile sul sito del docente).

2. Parte istituzionale
1) a. Per la sintassi della lingua latina si richiede lo studio di A. Traina-T. Bertotti, Sintassi normativa della lingua latina, Bologna, Pàtron, 2015 (per un ripasso della morfologia si consiglia I. Dionigi - E. Riganti - L. Morisi, Il latino, Bari, Laterza 2011); b. Metrica: L. Ceccarelli, Prosodia e metrica latina classica, Roma, Società Editrice Dante Alighieri, 20042, pp. 1-38; 66-69. Per il concetto di ‘lettura metrica’ si raccomanda inoltre la lettura di S. Boldrini, La prosodia e la metrica dei Romani, Roma, NIS, 1992, pp. 35-38 (pdf disponibile sul sito del docente).
2) Istituzioni di storia della letteratura latina: si può ricorrere a G.B. Conte, Letteratura latina. Manuale storico dalle origini alla fine dell'impero romano, Firenze, Le Monnier, 2002; o in alternativa a P. Fedeli, Storia letteraria di Roma con brani antologici, Fratelli Ferraro Editori, 2004. È richiesta – oltre alla periodizzazione e ad un inquadramento storico generale – la conoscenza dei seguenti autori della letteratura latina: Agostino, Apuleio, Catullo, Cesare, Cicerone, Ennio, Giovenale, Girolamo, Livio, Livio Andronico, Lucano, Lucilio, Lucrezio, Marziale, Nevio, Orazio, Ovidio, Petronio, Plauto, Plinio il Vecchio, Properzio, Quintiliano, Sallustio, Seneca, Stazio, Svetonio, Tacito, Terenzio, Tibullo, Virgilio.
3) Autori (le edizioni sono solo consigliate; qualunque edizione economica va bene):
a) Virgilio, Eneide, Libro 4; per una traduzione italiana, vd. ad es. Eneide, introduzione di A. La Penna, traduzione e note di R. Scarcia, Milano, Rizzoli BUR 2002.

Obiettivi:
Al termine del corso lo studente:
a) conosce fonetica, morfologia e sintassi della lingua latina
b) conosce la storia e i generi della letteratura latina
c) conduce in autonomia analisi linguistiche, stilistiche e tematiche relative a testi latini;
d) affina le capacità di traduzione dei testi proposti nel corso

Programma:

Testi:


[Ultima modifica: mercoledì 30 novembre 2016]