Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook Scheda Insegnamento

RESTAURO (codice 90345)

Curriculum: Storico - Artistico del corso di Lettere
Programmazione per l'A.A.: 2020/2021

Appelli d'esame: Calendario - Prenotazioni
Orari del corso di Lettere: apri


Crediti Formativi Universitari (CFU): 6,00
Settore Scientifico Disciplinare (SSD): ICAR/19
Ambito disciplinare: Attività formative affini o integrative
Attività: Attività formative affini ed integrative (C)
Ore aula: 36

Canale unico
  • Docente: PELLICCIO ASSUNTA Scheda informativa del docente PELLICCIO

Obiettivi:
Il corso si propone di fornire nozioni basilari di teoria e storia del restauro.

Programma:
Il concetto di monumento nel rapporto con l’estetica e la storiografia.
Questioni terminologiche: restauro, conservazione, ripristino, recupero, manutenzione.
Inquadramento normativo della tutela dei beni culturali in Italia.
I principi teorici del restauro, dall’antichità ad oggi. L. Crespi; B., J.J. Winckelmann; Ch. Quatremère de Quincy; E.E. Viollet-le-Duc; John Ruskin; Camillo Boito; L. Beltrami; G. Giovannoni; Roberto Pane; Cesare Brandi.
Storie di restauri: alcuni esempi significativi dell’applicazione dei principi teorici del restauro
Il restauro pittorico, archeologico, architettonico e urbanistico.
Le carte del restauro: Carta del 1883; Carta Di Atene (1931); Carta Italiana del restauro (1932); Carta di Venezia (1964); Carta del restauro (1972); Carta di Machu Picchu (1978); Carta di Firenze. Carta dei Giardini storici (1981); Carta di Firenze sui beni culturali europei (1991); Carta di Cracovia (2000).
Convenzioni e Dichiarazioni Internazionali.

Testi:
Testi adottati:
Appunti del corso
Giovanni Carbonara, Teoria e metodi del restauro, in G. CARBONARA (a cura di), Trattato di restauro architettonico, Torino 1996, vol. I, pp.

Testi consigliati:
Giovanni Carbonara, Avvicinamento al restauro. Teoria, storia, monumenti, Napoli, Liguori, 1997.
Giovanni Carbonara, Restauro Architettonico: principi e metodo, m.e. architectural book and Review, Roma 2012.
M. TAFURI, Storia, conservazione, restauro, in “Casabella”, anno LV, n. 580, giugno 1991, pp.
R. Pane, Città antiche edilizia nuova, Napoli, ESI, 1959;

Per maggiori approfondimenti:
J. RUSKIN, The Seven Lamps of Architecture, London 1849, trad. it., Le sette lampade dell’architettura, Milano, Jaca Book, 1982, in particolare, “La lampada della memoria”, pp. 209-230
E. VIOLLET-LE-DUC, L’architettura ragionata, estratti dal Dictionnaire raisonné de l’architecture française du XI e au XVI e siècle, a cura di M.A. CRIPPA, Milano, Jaca Book, 1982, voce “Restauro”, pp. 247-271
C. BOITO, I restauri in architettura. Dialogo primo, in Questioni pratiche di Belle Arti, Milano 1893, ora in Il nuovo e l’antico in architettura, antologia a cura di M.A. CRIPPA, Milano, Jaca Book,1989, in particolare pp. 107-126
G. GIOVANNONI, Restauro dei monumenti, alla voce Restauro in Enciclopedia Italiana di Scienze Lettere e Arti, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana fondato da G. Treccani, 1936, vol. XXIX, pp. 127-130
R. PANE, Il restauro dei monumenti e la chiesa di S. Chiara a Napoli, in “Aretusa”, 1944, 1, ora in R. PANE, Attualità e dialettica del restauro, antologia a cura di M. CIVITA, Chieti, Solfanelli, 1987, pp. 23-37
C. BRANDI, Teoria del restauro, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1963 (II ed. Torino, Einaudi, 1977), in part. pp. 3-61, 77-80, 133-154


[Ultima modifica: mercoledì 30 novembre 2016]