Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook Scheda Insegnamento

LETTERATURA LATINA II (codice 43205)

Curriculum: Moderno del corso di Lettere
Programmazione per l'A.A.: 2021/2022

Appelli d'esame: Calendario - Prenotazioni
Orari del corso di Lettere: apri


Crediti Formativi Universitari (CFU): 12
Settore Scientifico Disciplinare (SSD): L-FIL-LET/04
Ambito disciplinare: Attività formative affini o integrative
Attività: Attività formative affini ed integrative (C)
Ore aula: 72

Canale unico

Obiettivi:
Al termine del corso lo studente:
a) conosce fonetica, morfologia e sintassi della lingua latina
b) conosce la storia e i generi della letteratura latina
c) conduce in autonomia analisi linguistiche, stilistiche e tematiche relative a testi latini;
d) affina le capacità di traduzione dei testi proposti nel corso

Programma:
1. Parte monografica (lezioni in aula)
La satira di Giovenale: fra indignatio e ripiegamento diatribico

2. Parte istituzionale (a cura dello/-a studente/-ssa)
a) 1. Sintassi della lingua latina; 2. Metrica (esametro, distico elegiaco)
b) Istituzioni di storia della letteratura latina: è richiesta – oltre alla periodizzazione e ad un inquadramento storico generale – la conoscenza dei seguenti autori della letteratura latina: Agostino, Apuleio, Catullo, Cesare, Cicerone, Ennio, Giovenale, Girolamo, Livio, Livio Andronico, Lucano, Lucilio, Lucrezio, Marziale, Nevio, Orazio, Ovidio, Petronio, Plauto, Plinio il Vecchio, Properzio, Quintiliano, Sallustio, Seneca, Stazio, Svetonio, Tacito, Terenzio, Tibullo, Virgilio
c) Autori da leggere in latino: Cicerone, Pro Archia


Testi:
1. Parte monografica:
I testi da studiare per la parte monografica saranno indicati a lezione, unitamente alle edizioni, i commenti e la bibliografia relativa. Si richiede inoltre la lettura di: a) F. Bellandi, Cronologia e ideologia politica nelle satire di Giovenale, in A. Stramaglia-S. Grazzini-G. Dimatteo, Giovenale tra storia, poesia e ideologia, Berlin-Boston 2016, 5-63; b) G. Dimatteo, In medio venenum: una tipologia di parentesi in Giovenale, in A. Stramaglia-S. Grazzini-G. Dimatteo, Giovenale tra storia, poesia e ideologia, Berlin-Boston 2016, 105-130.
Per le Satire di Giovenale si consiglia l'utilizzo di L. Paolicchi, Persio-Giovenale. Le Satire, Roma, Salerno editrice, 1996; o, in alternativa: Satire, a cura di L. Canali - E. Barelli, Milano, BUR, 1976.

2. Parte istituzionale:
a) 1. Per la sintassi della lingua latina si richiede lo studio di A. Traina-T. Bertotti, Sintassi normativa della lingua latina, Bologna, Pàtron, 2015 (per un ripasso della morfologia si consiglia I. Dionigi - E. Riganti - L. Morisi, Il latino, Bari, Laterza 2011); 2. Metrica: L. Ceccarelli, Prosodia e metrica latina classica, Roma, Società Editrice Dante Alighieri, 20042, pp. 1-38; 66-69. Per il concetto di ‘lettura metrica’ si raccomanda inoltre la lettura di S. Boldrini, La prosodia e la metrica dei Romani, Roma, NIS, 1992, pp. 35-38 (pdf disponibile sul sito del docente).
b) Istituzioni di storia della letteratura latina: si può ricorrere a G.B. Conte, Letteratura latina. Manuale storico dalle origini alla fine dell'impero romano, Firenze, Le Monnier, 2002; o, in alternativa, a P. Fedeli, Storia letteraria di Roma con brani antologici, Fratelli Ferraro Editori, 2004.
c) Autori: Cicerone, Pro Archia: lettura integrale in latino e traduzione in italiano. Si consiglia D. Pellacani, Cicerone, In difesa di Archia (testo latino a fronte). Saggio introduttivo, nuova traduzione e note a cura di Daniele Pellacani, Rusconi Libri, 2020.

n.b.: primo punto di riferimento sono gli appunti dalle lezioni
Informazioni più dettagliate saranno disponibili alla fine del corso

Obiettivi:
Al termine del corso lo studente:
a) conosce fonetica, morfologia e sintassi della lingua latina
b) conosce la storia e i generi della letteratura latina
c) conduce in autonomia analisi linguistiche, stilistiche e tematiche relative a testi latini;
d) affina le capacità di traduzione dei testi proposti nel corso

Programma:

Testi:


LETTERATURA LATINA II (codice 43205)

Curriculum: Classico del corso di Lettere
Programmazione per l'A.A.: 2021/2022

Appelli d'esame: Calendario - Prenotazioni
Orari del corso di Lettere: apri


Crediti Formativi Universitari (CFU): 12
Settore Scientifico Disciplinare (SSD): L-FIL-LET/04
Ambito disciplinare: Filologia, linguistica e letteratura
Attività: Attività formative caratterizzanti (B)
Ore aula: 72

Canale unico

Obiettivi:
Al termine del corso lo studente:
a) conosce fonetica, morfologia e sintassi della lingua latina
b) conosce la storia e i generi della letteratura latina
c) conduce in autonomia analisi linguistiche, stilistiche e tematiche relative a testi latini;
d) affina le capacità di traduzione dei testi proposti nel corso

Programma:
1. Parte monografica (lezioni in aula)
La satira di Giovenale: fra indignatio e ripiegamento diatribico

2. Parte istituzionale (a cura dello/-a studente/-ssa)
a) 1. Sintassi della lingua latina; 2. Metrica (esametro, distico elegiaco)
b) Istituzioni di storia della letteratura latina: è richiesta – oltre alla periodizzazione e ad un inquadramento storico generale – la conoscenza dei seguenti autori della letteratura latina: Agostino, Apuleio, Catullo, Cesare, Cicerone, Ennio, Giovenale, Girolamo, Livio, Livio Andronico, Lucano, Lucilio, Lucrezio, Marziale, Nevio, Orazio, Ovidio, Petronio, Plauto, Plinio il Vecchio, Properzio, Quintiliano, Sallustio, Seneca, Stazio, Svetonio, Tacito, Terenzio, Tibullo, Virgilio
c) Autori da leggere in latino: Cicerone, Pro Archia


Testi:
1. Parte monografica:
I testi da studiare per la parte monografica saranno indicati a lezione, unitamente alle edizioni, i commenti e la bibliografia relativa. Si richiede inoltre la lettura di: a) F. Bellandi, Cronologia e ideologia politica nelle satire di Giovenale, in A. Stramaglia-S. Grazzini-G. Dimatteo, Giovenale tra storia, poesia e ideologia, Berlin-Boston 2016, 5-63; b) G. Dimatteo, In medio venenum: una tipologia di parentesi in Giovenale, in A. Stramaglia-S. Grazzini-G. Dimatteo, Giovenale tra storia, poesia e ideologia, Berlin-Boston 2016, 105-130.
Per le Satire di Giovenale si consiglia l'utilizzo di L. Paolicchi, Persio-Giovenale. Le Satire, Roma, Salerno editrice, 1996; o, in alternativa: Satire, a cura di L. Canali - E. Barelli, Milano, BUR, 1976.

2. Parte istituzionale:
a) 1. Per la sintassi della lingua latina si richiede lo studio di A. Traina-T. Bertotti, Sintassi normativa della lingua latina, Bologna, Pàtron, 2015 (per un ripasso della morfologia si consiglia I. Dionigi - E. Riganti - L. Morisi, Il latino, Bari, Laterza 2011); 2. Metrica: L. Ceccarelli, Prosodia e metrica latina classica, Roma, Società Editrice Dante Alighieri, 20042, pp. 1-38; 66-69. Per il concetto di ‘lettura metrica’ si raccomanda inoltre la lettura di S. Boldrini, La prosodia e la metrica dei Romani, Roma, NIS, 1992, pp. 35-38 (pdf disponibile sul sito del docente).
b) Istituzioni di storia della letteratura latina: si può ricorrere a G.B. Conte, Letteratura latina. Manuale storico dalle origini alla fine dell'impero romano, Firenze, Le Monnier, 2002; o, in alternativa, a P. Fedeli, Storia letteraria di Roma con brani antologici, Fratelli Ferraro Editori, 2004.
c) Autori: Cicerone, Pro Archia: lettura integrale in latino e traduzione in italiano. Si consiglia D. Pellacani, Cicerone, In difesa di Archia (testo latino a fronte). Saggio introduttivo, nuova traduzione e note a cura di Daniele Pellacani, Rusconi Libri, 2020.

n.b.: primo punto di riferimento sono gli appunti dalle lezioni
Informazioni più dettagliate saranno disponibili alla fine del corso

Obiettivi:
Al termine del corso lo studente:
a) conosce fonetica, morfologia e sintassi della lingua latina
b) conosce la storia e i generi della letteratura latina
c) conduce in autonomia analisi linguistiche, stilistiche e tematiche relative a testi latini;
d) affina le capacità di traduzione dei testi proposti nel corso

Programma:

Testi: