Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook Scheda Docente

IACOVIELLO FRANCESCO - Professore Ordinario

English version

Afferente a: Dipartimento: Ingegneria Civile e Meccanica

Settore Scientifico Disciplinare: ING-IND/21

Orari di ricevimento: Mercoledì 8.00-10.00 Venerdì 8.00-9.00 Inoltre, durante il periodo della crisi COVID è possibile prenotare un appuntamento online utilizzando il seguente link: https://calendar.google.com/calendar/u/0/selfsched?sstoken=UUQ0MHRyRlZtZkVPfGRlZmF1bHR8MmQwZDFiYmY1YTlhYzEyY2Y1OTkxYzdmZDc4NDFlMWI (è indispensabile utilizzare il proprio account @studentmail.unicas.it)

Recapiti:
E-Mail: iacoviello@unicas.it
Fax: 07762993781
Telefono: +393388075553
Telefono: 07762993681
Web: http://www.metallurgia.unicas.it

  • Insegnamento METALLURGIA II (31400)

    Secondo anno di Ingegneria Meccanica (LM-33), Progettazione meccanica
    Crediti Formativi Universitari (CFU): 9,00

    Programma:
    Leghe a base Cu, Al, Mo, Ti, Ni, Sn, Mg, Pb: fasi e costituenti strutturali; Diagrammi di fase; Trattamenti termici e termomeccanici; principali applicazioni; acciai innovativi. Principali meccanismi di rafforzamento; Criteri di scelta di leghe (ferrose e non): Corrosione : diagrammi di Pourbaix e cinetica elettrochimica; corrosione generalizzata e forme di corrosione localizzata; ossidazione a caldo; Meccanismi di propagazione di cricche di fatica; Meccanismi di infragilimento; Infragilimento da idrogeno; Analisi frattografica mediante microscopio elettronico a scansione; Progettazione ed ottimizzazione di un trattamento termico su manufatto in acciaio mediante simulazione numerica

    Testi:
    Il sito didattico del corso si trova all'indirizzo: https://sites.google.com/unicas.it/metallurgia/
    Il materiale didattico è disponibile nel portale Google Classroom. Il codice di accesso è: 6328hdy
    In aggiunta sono consigliati i seguenti test:'
    Metallurgia' W. Nicodemi, Masson, Milano
    'Struttura e proprieta dei materiali metallici', A. Cigada, CittaStudi, Milano
    "Principes de base des traitement thermiques thermomechaniques et termochimiques des aciers", A. Constant, G. Henry, J.-C. Charbonnier, PYC Edition

  • Insegnamento METALLURGIA I (31424)

    Terzo anno di Ingegneria industriale CASSINO (L-9), Meccanica
    Crediti Formativi Universitari (CFU): 6,00

    Programma:
    Cenni di chimica fisica; comportamento meccanico dei materiali; Reticoli di Bravais, Difetti reticolari; dislocazioni; Prova di trazione (norma UNI, definizione dei meccanismi di danneggiamento); Prove di durezza; prova di resilienza Charpy; Prove di tenacita; resistenza a fatica Wohler; propagazione di cricche di fatica; Scorrimento viscoso; Usura; Controlli non distruttivi; Metallurgia estrattiva; Solidificazione; Diagrammi di fase; Diagrammi Fe-C e Fe-Fe3C ; Diagrammi TTT e CCT; Trasformazioni perlitiche, bainitiche e martensitiche; Trattamenti termici a temperature superiori alle temperature di trasformazione; Ricottura; Normalizzazione; Tempra e temprabilita (prova Jominy); Trattamenti termochimici di diffusione: Nitrurazione e cementazione; Trattamenti post-cementazione; Influenza degli elementi chimici negli acciai; Classificazione e designazione degli acciai; Acciai da costruzione di uso generale; Acciai speciali da costruzione; acciai per utensili; acciai per usi speciali; Acciai inossidabili; ghise; leghe di Al e trattamenti termici; Metallurgia della saldatura.

    Testi:
    Il sito web è disponibile all'indirizzo: https://sites.google.com/unicas.it/metallurgia/
    Il materiale didattico (libro, lucidi e videoregistrazioni) è disponibile nel portale Google Classroom. Il codice di accesso è: h2f079
    Il libro è disponibile:
    - in formato cartaceo: Materiali Metallici' M. Cavallini, F. Iacoviello (Francesco Ciolfi Editore, via E. De Nicola, Cassino),
    - in formato ibook in iTunesU: "Materiali Metallici' M. Cavallini, F. Iacoviello, V. Di Cocco (https://itunes.apple.com/it/book/materiali-metallici/id870366592?mt=11)
    - in formato sfogliabile nel portale Google Classroom
    Per approfondimenti
    'Metallurgia', W. Nicodemi, Masson, Milano
    'Struttura e proprieta dei materiali metallici', A. Cigada, CittaStudi, Milano

Prenotazione appello

E' possibile prenotarsi ad un appello d'esame, collegandosi al portale studenti.

Elenco appelli d'esame disponibili

  • Denominazione insegnamento: 31424 METALLURGIA I - Ingegneria Meccanica 31424 METALLURGIA I NESSUNA CANALIZZAZIONE - Ingegneria industriale 31424 METALLURGIA I - Ingegneria industriale 31424 METALLURGIA I - Ingegneria industriale CASSINO 31424 METALLURGIA I - Ingegneria industriale CASSINO - 31424 METALLURGIA I - Ingegneria industriale CASSINO - via G. Di Biasio 43, 03043 - (2020/2021)
    Data e ora appello: 16/09/2021, ore 09:00
    Luogo: aula da definire è possibile prenotarsi fino a due giorni prima dell'esame
    Tipo prova: prova orale
    Prenotabile: dal 13/11/2020 al 14/09/2021 (prenota l'appello)
  • Denominazione insegnamento: 31400 METALLURGIA II - INGEGNERIA MECCANICA 31400 METALLURGIA II - Ingegneria Meccanica 31400 METALLURGIA II NESSUNA CANALIZZAZIONE - Ingegneria Meccanica - (2020/2021)
    Data e ora appello: 16/09/2021, ore 09:00
    Luogo: aula da definire è possibile prenotarsi fino a due giorni prima dell'esame
    Tipo prova: prova orale
    Prenotabile: dal 14/11/2020 al 14/09/2021 (prenota l'appello)

Nato a Roma nel 1966, si è laureato con lode in Ingegneria Nucleare nel 1989. Ha lavorato per tre anni presso i servizi tecnici della Rai RadioTelevisione Italiana e fra il 1992 ed il 2000 è stato ricercatore in Metallurgia presso l’Università degli Studi di Cassino. Fra il 1994 ed il 1998 ha collaborato con il Laboratorio “Corrosion Fragilisation par l’Hydrogen” dell’Ecole Centrale Paris (Francia), conseguendo il titolo di Dottore di Ricerca in “Corrosion-Metallurgie”. Fra il 2000 ed il 2005 è stato Professore Associato presso l’Università di Cassino. Dal 2005 è Professore Ordinario di Metallurgia presso l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale.
Presso l’Ateneo Cassinate ha ricoperto o ricopre i seguenti ruoli:
- dal 1997 al 2013 è stato responsabile del Laboratorio di Metallurgia;
- dal 2004 al 2006 è stato Coordinatore del Dottorato di Ricerca in Ingegneria Meccanica
- dal 2006 al 2009 è stato Direttore della Scuola di Dottorato in Ingegneria;
- dal 2012 al 2018 è stato Coordinatore dei Corsi di Studio in Ingegneria Industriale; in tale ambito ha attivato un canale YouTube ed iTunesU con oltre 2000 ore di corsi videoregistrati.
- dal 2015 è referente del Rettore per l'innovazione nella Didattica
- dal 2018 è Coordinatore delle attività didattiche dell’area di Ingegneria e componente del Senato Accademico;
- da 2020 è Presidente del CASI (Centro di Ateneo per i Servizi informatici)
E’ autore di circa 200 pubblicazioni su riviste nazionali ed internazionali ed in atti di convegni nazionali ed internazionali e di 2 brevetti. Oltre ad essere revisore per numerose riviste internazionali, membro del Comitato Scientifico di numerosi convegni internazionali, Guest Editor per diversi numeri di alcune riviste internazionali, ha organizzato numerosi convegni nazionali ed internazionali ed ha svolto o svolge le seguenti attività:
- dal 2004 al 2009 è stato Segretario del Gruppo Italiano Frattura – IGF;
- dal 2007, fondatore e Direttore responsabile della rivista on line “Frattura ed Integrità Strutturale” (ISSN 1971-8993, www.gruppofrattura.it).
- dal 2009 è Presidente del Gruppo Italiano Frattura; in questo ruolo ha attivato un canale iTunesU con centinaia di presentazioni e lezioni;
- dal 2010 è membro del Comitato Tecnico AIM (Associazione Italiana Metallurgia) Caratterizzazione e Controllo dei Prodotti;
- dal 2013 al 2017 è stato Direttore dell’ICF, International Congress on Fracture, Webmaster & Website Chair;
- dal 2013 è membro dell’editorial board della rivista internazionale Theoretical and Applied Fracture Mechanics;
- dal 2014 al 2018 è stato Vice Presidente dell’ESIS, European Structural Integrity Society, Webmaster & Website Chair;
- dal 2015 è responsabile scientifico per Procedia Structural Integrity (Elsevier).
- dal 2016 è membro dell'editorial board di Fatigue & Fracture of Engineering Materials & Structures
- dal 2016 è membro dell’editorial board di Integritet i vek konstrukcija – Structural Integrity and Life
- dal 2018 è membro del comitato editoriale di " Material Design & Processing Communications;"
- dal 2017 è Vice Presidente Direttore dell’ICF, International Congress on Fracture, Webmaster & Website Chair;
- dal 2018 è Presidente dell’ESIS, European Structural Integrity Society, Webmaster & Website Chair;
Gli sono stati attribuiti i seguenti premi:
2017: “Constantine Tipper Silver Medal”, International Congress on Fracture (ICF).
2018: "Structural Integrity Award of Merit", Structural Integrity – Series and Springer Publishing.
2020: "Materials Design & Processing Communications" Award of Merit 2020.
La sua attività di ricerca si è sviluppata principalmente nell’ambito della metallurgia meccanica, occupandosi principalmente di tematiche legate al comportamento alla frattura di materiali metallici, considerando sia l'interazione fra la microstruttura e la tipologia di carico applicata, sia l'azione sinergica di ambienti esterni aggressivi. Tali studi hanno riguardato principalmente gli acciai inossidabili, le leghe di Al, le leghe di Ti, i compositi a matrice metallica, le ghise sferoidali. Attualmente i suoi interessi includono la caratterizzazione del comportamento dell'idrogeno negli acciai inossidabili bifasici ed il conseguente infragilimento di tali acciai e l’analisi dell’influenza della microstruttura sulla corrosione localizzata negli acciai inossidabili austeno-ferritici e nelle ghise sferoidali. Inoltre si sta occupando della caratterizzazione dei meccanismi di danneggiamento nelle ghise sferoidali, con particolare riferimento all’influenza della microstruttura della matrice ed al ruolo svolto dagli sferoidi di grafite, all’analisi dei meccanismi di danneggiamento nelle SMA ed all’influenza della composizione chimica dei bagni di zincatura nel comportamento meccanico di acciai zincati.

L’attività di ricerca è stata incentrata sulle seguenti leghe:
Leghe di Al:
- Analisi dell’influenza della composizione chimica e della microstruttura sui meccanismi di avanzamento, con identificazione di modelli di propagazione innovativi. Sono state utilizzate alcune tecniche proprie dell’analisi di immagine quantitativa applicate all’analisi delle superfici di frattura effettuate al microscopio elettronico a scansione, in modo da correlare il micromeccanismo di avanzamento prevalente (formazione di striature) con il comportamento macroscopico (in collaborazione con ricercatori dell’Università di Roma “La Sapienza”, Dip. ICMMPC);
- Analisi dei meccanismi di danneggiamento locale, in cui vengono analizzati i meccanismi di deformazione plastica legati alla formazione di microvuoti, identificando le condizioni critiche di danneggiamento (in collaborazione con ricercatori dell'Università di Roma "La Sapienza", Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale).
Acciai inossidabili duplex e superduplex laminati:
- Analisi dell’influenza della microstruttura (frazioni volumetriche di ferrite e di austenite e presenza di fasi secondarie, carburi e nitruri) sui meccanismi di infragilimento da idrogeno , ed implementazione di una metodologia innovativa per la determinazione del comportamento diffusivo dell’idrogeno ad elevata temperatura (in collaborazione con ricercatori dell’Ecole Centrale Paris – Francia).
- Influenza della microstruttura (precipitazione di fasi intermetalliche, carburi e nitruri), dell’ambiente (aria e condizioni di caricamento catodico di idrogeno) e della composizione chimica sulla resistenza alla propagazione della cricca di fatica. Utilizzo dell’analisi di immagine quantitativa per correlare i micromeccanismi di avanzamento con il comportamento macroscopico (in collaborazione con ricercatori del Politecnico di Milano, dell'Università tecnica di Katowice ed dell'Università di Brescia).
- Influenza della microstruttura sulla resistenza alla corrosione localizzata in differenti ambienti. Mediante l’impiego del test di reattivazione potenziocinetica, normalizzato solo per alcuni acciai inossidabili austenitici, è stata caratterizzata l’influenza della microstruttura e della composizione chimica sulla resistenza alla corrosione intergranulare, identificando in particolare il ruolo svolto dalla fase G e dalla decomposizione spinodale della ferrite (in collaborazione con ricercatori dell’Ecole Central Paris – Francia- e dell’Università di Trento).
Compositi a matrice metallica Al-Si contenenti particelle di SiC:
- Influenza della microstruttura e della presenza di particelle di SiC sul comportamento meccanico; in particolare viene identificato il ruolo svolto dalle particelle di SiC (sia considerando la loro frazione volumetrica che la loro distribuzione) sulla dimensione dei grani e sulla precipitazione di diverse fasi intermetalliche (in collaborazione con ricercatori della Visoka Skola Banska - Rep.Ceca).
- Meccanismi di danneggiamento locale, in cui si identifica nel distacco delle particelle di SiC dalla matrice metallica e dalla conseguente nucleazione di microvuoti i principale meccanismo di danneggiamento.
Leghe di Titanio:
- Si analizza l’influenza della microstruttura e delle modalità di sollecitazione (modo I e modo misto I + II) sulla resistenza alla propagazione della cricca di fatica in aria e si effettua una analisi del danneggiamento locale in condizioni di scorrimento viscoso (in collaborazione con ricercatori dell'Università di Roma "La Sapienza", Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale).
Leghe di Nichel:
- Caratterizzazione del comportamento meccanico di leghe a memoria di forma, [157] (in collaborazione con ricercatori dell'Università di Roma "La Sapienza", DICMA, e dell’Università della Calabria).
Ghise sferoidali ferrito-perlitiche:
- Analisi dell’influenza della microstruttura sulla resistenza alla propagazione della cricca di fatica, in cui vengono identificati i differenti meccanismi di avanzamento conseguenti alla presenza di ferrite, perlite e sferoidi di grafite; viene analizzato il processo di distacco degli sferoidi di grafite, e la sua influenza sull’effetto di chiusura, in funzione della microstruttura della matrice metallica. Sono inoltre state investigate le ghise ADI.
- Resistenza alla corrosione in vari ambienti simulanti sia l’acqua di mare che terreni di varia natura (in collaborazione con ricercatori dell’Ecole Centrale Paris – Francia).
- Caratterizzazione degli elementi di grafite e del grado di danneggiamento mediante l’impiego di reti neurali artificiali ed altre procedure numeriche (in collaborazione con ricercatori dell'Università di Roma "La Sapienza", DIS).
- Micromeccanismi di danneggiamento a trazione.
- Micromeccanismi di danneggiamento a fatica.
Acciai inossidabili austenitici e ferritici:
- Influenza della microstruttura sulla resistenza alla corrosione localizzata. E’ stato implementato di un modello comportamentale basato sull’utilizzo delle reti neurali artificiali che riesce a tenere conto della differente precipitazione dei carburi di cromo a bordo grano e della conseguente variazione nella sensibilizzazione per differenti trattamenti termici (in collaborazione con ricercatori dell’Università di Roma "La Sapienza", DIS).
Acciai inossidabili sinterizzati:
- Analisi dell’influenza della microstruttura sulla resistenza alla propagazione di cricche di fatica in aria ed in condizioni di caricamento catodico di idrogeno di acciai inossidabili sinterizzati ottenuti da polveri premiscelate o prelegate, con matrice austenitica, ferritica, austeno-ferritica ed austeno-ferritico-martensitica (in collaborazione con ricercatori dell’Università di Trento). E’ stato implementato un modello comportamentale basato sull’applicazione delle reti neurali artificiali (in collaborazione con ricercatori dell'Università di Roma "La Sapienza", DIS).
- Influenza della microstruttura sulla resistenza alla corrosione localizzata.
Acciai non legati:
- Analisi dei meccanismi di danneggiamento locale e di avanzamento della cricca di fatica.
- Caratterizzazione della resistenza meccanica di acciai al carbonio zincati ed identificazione dei meccanismi di danneggiamento a flessione e di corrosione (in collaborazione con ricercatori dell'Università di Roma "La Sapienza", ICMMPM).
Leghe a memoria di forma e superelastiche:
- Analisi dei meccanismi di danneggiamento per sollecitazioni a trazione ed a fatica.

E' autore di quasi trecento pubblicazioni tra lavori pubblicati su riviste internazionali e nazioni e atti di convegni.
LINK alla pagina IRIS: https://iris.unicas.it/browse?type=author&order=ASC&rpp=20&authority=rp01628#.YEcf-WhKgaY

[Ultima modifica: mercoledì 30 novembre 2016]