Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook Scheda Docente

RACE MARCO - Ricercatore a tempo determinato Legge 240/10

English version

Afferente a: Dipartimento: Ingegneria Civile e Meccanica

Settore Scientifico Disciplinare: ICAR/03

Orari di ricevimento: Lunedi dalle ore 9.00 alle ore 11.00 Martedi dalle ore 12.00 alle ore 14.00 con emergenza sanitaria in corso mediante google meet: meet.google.com/ipc-fiee-nue

  • Insegnamento IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE (31455)

    Secondo anno di Ingegneria Civile (LM-23), Strutture
    Crediti Formativi Universitari (CFU): 9,00

    Programma:

    1. Caratterizzazione delle acque reflue: Caratteri fisici, chimici e biologici. Ciclo del carbonio (BOD, COD) e dell’azoto. Popolazione equivalente. Definizione delle portate di tempo secco e di pioggia. Impostazione generale del ciclo di trattamento per scarichi urbani. LInea acque e linea fanghi. Localizzazione degli impianti: vincoli urbanistici, idraulici ed ambientali.

    2. Stazioni di sollevamento, pompe centrifughe ed altri tipi di pompe. Pretrattamenti: grigliatura, stacciatura, dissabbiatura-disoleatura. Equalizzazione. Separazione a gravità: sedimentazione, coagulazione-flocculazione, flottazione naturale. Sistemi di aerazione: calcolo e verifica della capacità di ossigenazione.

    3. Trattamenti biologici: Principi generali. Crescita batterica, rimozione del substrato, depurazione aerobica, anossica ed anaerobica. Costanti cinetiche e stechiometriche e loro determinazione sperimentale.

    4. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa sospesa per la rimozione dell'inquinamento organico biodegradabile: Tempo di residenza cellulare, carico del fango e carico volumetrico, calcolo della biomassa, concentrazione di biomassa e portate di ricircolo, caratteristiche di sedimentabilità del fango, produzione di fango di supero, fabbisogno di ossigeno.

    5. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa sospesa per la rimozione dell'azoto e del fosforo. Nitrificazione e denitrificazione con biomasse sospese. Batteri autotrofi, ruolo del tempo di residenza cellulare in nitrificazione. Cinetica della nitrificazione, dimensionamento dei reattori, calcolo dei fabbisogni di ossigeno. Denitrificazione (uso di carbonio interno, esterno ed endogeno); processi di pre-denitrificazione: definizione dei ricircoli di miscela aerata e di fango; processi di post-denitrificazione.

    6.Processi chimico-fisici di rimozione del fosforo e dell'azoto: Precipitazione chimica P con processi di pre, post e co-precipitazione. Rimozione biologica del fosforo; ruolo e condizioni di crescita dei batteri fosforo-cumulanti. Rendimenti di rimozione conseguibili con le diverse alternative. Criteri di scelta.

    7. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa adesa. Sistemi innovativi (i.e. MBBR, MBR, SBR etc)

    8. Trattamenti di affinamento: filtrazione su sabbia e su tela, adsorbimento su carbone attivo, ozonizzazione. Disinfezione mediante clorazione, uso di PAA, radiazioni UV. Riuso di acque reflue per usi civili, agricoli ed industriali. Requisiti di qualità.

    9. Linea fanghi: Calcolo dei quantitativi di fango. Caratteristiche chimico-fisiche e reologiche dei fanghi. Requisiti ed obiettivi della linea di trattamento e sua impostazione generale. Dimensionamento dei processi di stabilizzazione biologica del fanghi: Processi aerobici con e senza ispessimento in simultanea; calcolo del volume dei reattori, del fabbisogno di ossigeno e dei quantitativi di fango stabilizzato e di surnatante. Digestione anaerobica mesofila e termofila. Volume dei digestori, processi monostadio e bistadio; produzione ed uso del biogas. Bilancio di massa di fanghi e surnatanti e impatti sulla linea acque.

    10. Condizionamento e disidratazione dei fanghi: filtrabilità, comprimibilità, loro determinazione sperimentale. Letti di essiccamento, filtrazione (filtri a vuoto, filtri pressa a camere, filtri pressa a nastro), centrifugazione.

    11. Normativa sugli inquinamenti idrici: Obbiettivi di qualità dei corpi idrici. Limitazioni in zone sensibili. Sostanza pericolose. Limiti allo scarico nell’ambiente ed all’immissione nelle reti fognarie.

    Testi:
    L. Bonomo –TRATTAMENTI DELLE ACQUE REFLUE – Ed. McGraw-Hill (2008);
    Metcalf & Eddy (curatori edizione italiana: B. Eramo, P. Serini) – Ingegneria delle acque reflue-Trattamento e riuso 4/ed – Ed. McGraw-Hill.

    Valutazione:
    Per accedere alla prova orale è necessario aver ultimato l'elaborato di progetto assegnato in classe.
    La valutazione consiste nella discussione dell'elaborato di progetto assegnato durante il corso e successivamente in una verifica sui temi trattati a lezione ed esercitazione. Tale verifica consiste in una conversazione tecnica volta a far emergere la capacità di affrontare autonomamente un problema di progettazione individuando la migliore applicazione delle conoscenze acquisite.

  • Insegnamento IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE (31455)

    Secondo anno di Ingegneria Civile (LM-23), Geotecnica
    Crediti Formativi Universitari (CFU): 9,00

    Programma:

    1. Caratterizzazione delle acque reflue: Caratteri fisici, chimici e biologici. Ciclo del carbonio (BOD, COD) e dell’azoto. Popolazione equivalente. Definizione delle portate di tempo secco e di pioggia. Impostazione generale del ciclo di trattamento per scarichi urbani. LInea acque e linea fanghi. Localizzazione degli impianti: vincoli urbanistici, idraulici ed ambientali.

    2. Stazioni di sollevamento, pompe centrifughe ed altri tipi di pompe. Pretrattamenti: grigliatura, stacciatura, dissabbiatura-disoleatura. Equalizzazione. Separazione a gravità: sedimentazione, coagulazione-flocculazione, flottazione naturale. Sistemi di aerazione: calcolo e verifica della capacità di ossigenazione.

    3. Trattamenti biologici: Principi generali. Crescita batterica, rimozione del substrato, depurazione aerobica, anossica ed anaerobica. Costanti cinetiche e stechiometriche e loro determinazione sperimentale.

    4. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa sospesa per la rimozione dell'inquinamento organico biodegradabile: Tempo di residenza cellulare, carico del fango e carico volumetrico, calcolo della biomassa, concentrazione di biomassa e portate di ricircolo, caratteristiche di sedimentabilità del fango, produzione di fango di supero, fabbisogno di ossigeno.

    5. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa sospesa per la rimozione dell'azoto e del fosforo. Nitrificazione e denitrificazione con biomasse sospese. Batteri autotrofi, ruolo del tempo di residenza cellulare in nitrificazione. Cinetica della nitrificazione, dimensionamento dei reattori, calcolo dei fabbisogni di ossigeno. Denitrificazione (uso di carbonio interno, esterno ed endogeno); processi di pre-denitrificazione: definizione dei ricircoli di miscela aerata e di fango; processi di post-denitrificazione.

    6.Processi chimico-fisici di rimozione del fosforo e dell'azoto: Precipitazione chimica P con processi di pre, post e co-precipitazione. Rimozione biologica del fosforo; ruolo e condizioni di crescita dei batteri fosforo-cumulanti. Rendimenti di rimozione conseguibili con le diverse alternative. Criteri di scelta.

    7. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa adesa. Sistemi innovativi (i.e. MBBR, MBR, SBR etc)

    8. Trattamenti di affinamento: filtrazione su sabbia e su tela, adsorbimento su carbone attivo, ozonizzazione. Disinfezione mediante clorazione, uso di PAA, radiazioni UV. Riuso di acque reflue per usi civili, agricoli ed industriali. Requisiti di qualità.

    9. Linea fanghi: Calcolo dei quantitativi di fango. Caratteristiche chimico-fisiche e reologiche dei fanghi. Requisiti ed obiettivi della linea di trattamento e sua impostazione generale. Dimensionamento dei processi di stabilizzazione biologica del fanghi: Processi aerobici con e senza ispessimento in simultanea; calcolo del volume dei reattori, del fabbisogno di ossigeno e dei quantitativi di fango stabilizzato e di surnatante. Digestione anaerobica mesofila e termofila. Volume dei digestori, processi monostadio e bistadio; produzione ed uso del biogas. Bilancio di massa di fanghi e surnatanti e impatti sulla linea acque.

    10. Condizionamento e disidratazione dei fanghi: filtrabilità, comprimibilità, loro determinazione sperimentale. Letti di essiccamento, filtrazione (filtri a vuoto, filtri pressa a camere, filtri pressa a nastro), centrifugazione.

    11. Normativa sugli inquinamenti idrici: Obbiettivi di qualità dei corpi idrici. Limitazioni in zone sensibili. Sostanza pericolose. Limiti allo scarico nell’ambiente ed all’immissione nelle reti fognarie.

    Testi:
    L. Bonomo –TRATTAMENTI DELLE ACQUE REFLUE – Ed. McGraw-Hill (2008);
    Metcalf & Eddy (curatori edizione italiana: B. Eramo, P. Serini) – Ingegneria delle acque reflue-Trattamento e riuso 4/ed – Ed. McGraw-Hill.

    Valutazione:
    Per accedere alla prova orale è necessario aver ultimato l'elaborato di progetto assegnato in classe.
    La valutazione consiste nella discussione dell'elaborato di progetto assegnato durante il corso e successivamente in una verifica sui temi trattati a lezione ed esercitazione. Tale verifica consiste in una conversazione tecnica volta a far emergere la capacità di affrontare autonomamente un problema di progettazione individuando la migliore applicazione delle conoscenze acquisite.

  • Insegnamento IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE (31455)

    Secondo anno di Ingegneria dell'ambiente e del territorio (LM-35), Curriculum unico
    Crediti Formativi Universitari (CFU): 9,00

    Programma:

    1. Caratterizzazione delle acque reflue: Caratteri fisici, chimici e biologici. Ciclo del carbonio (BOD, COD) e dell’azoto. Popolazione equivalente. Definizione delle portate di tempo secco e di pioggia. Impostazione generale del ciclo di trattamento per scarichi urbani. LInea acque e linea fanghi. Localizzazione degli impianti: vincoli urbanistici, idraulici ed ambientali.

    2. Stazioni di sollevamento, pompe centrifughe ed altri tipi di pompe. Pretrattamenti: grigliatura, stacciatura, dissabbiatura-disoleatura. Equalizzazione. Separazione a gravità: sedimentazione, coagulazione-flocculazione, flottazione naturale. Sistemi di aerazione: calcolo e verifica della capacità di ossigenazione.

    3. Trattamenti biologici: Principi generali. Crescita batterica, rimozione del substrato, depurazione aerobica, anossica ed anaerobica. Costanti cinetiche e stechiometriche e loro determinazione sperimentale.

    4. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa sospesa per la rimozione dell'inquinamento organico biodegradabile: Tempo di residenza cellulare, carico del fango e carico volumetrico, calcolo della biomassa, concentrazione di biomassa e portate di ricircolo, caratteristiche di sedimentabilità del fango, produzione di fango di supero, fabbisogno di ossigeno.

    5. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa sospesa per la rimozione dell'azoto e del fosforo. Nitrificazione e denitrificazione con biomasse sospese. Batteri autotrofi, ruolo del tempo di residenza cellulare in nitrificazione. Cinetica della nitrificazione, dimensionamento dei reattori, calcolo dei fabbisogni di ossigeno. Denitrificazione (uso di carbonio interno, esterno ed endogeno); processi di pre-denitrificazione: definizione dei ricircoli di miscela aerata e di fango; processi di post-denitrificazione.

    6.Processi chimico-fisici di rimozione del fosforo e dell'azoto: Precipitazione chimica P con processi di pre, post e co-precipitazione. Rimozione biologica del fosforo; ruolo e condizioni di crescita dei batteri fosforo-cumulanti. Rendimenti di rimozione conseguibili con le diverse alternative. Criteri di scelta.

    7. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa adesa. Sistemi innovativi (i.e. MBBR, MBR, SBR etc)

    8. Trattamenti di affinamento: filtrazione su sabbia e su tela, adsorbimento su carbone attivo, ozonizzazione. Disinfezione mediante clorazione, uso di PAA, radiazioni UV. Riuso di acque reflue per usi civili, agricoli ed industriali. Requisiti di qualità.

    9. Linea fanghi: Calcolo dei quantitativi di fango. Caratteristiche chimico-fisiche e reologiche dei fanghi. Requisiti ed obiettivi della linea di trattamento e sua impostazione generale. Dimensionamento dei processi di stabilizzazione biologica del fanghi: Processi aerobici con e senza ispessimento in simultanea; calcolo del volume dei reattori, del fabbisogno di ossigeno e dei quantitativi di fango stabilizzato e di surnatante. Digestione anaerobica mesofila e termofila. Volume dei digestori, processi monostadio e bistadio; produzione ed uso del biogas. Bilancio di massa di fanghi e surnatanti e impatti sulla linea acque.

    10. Condizionamento e disidratazione dei fanghi: filtrabilità, comprimibilità, loro determinazione sperimentale. Letti di essiccamento, filtrazione (filtri a vuoto, filtri pressa a camere, filtri pressa a nastro), centrifugazione.

    11. Normativa sugli inquinamenti idrici: Obbiettivi di qualità dei corpi idrici. Limitazioni in zone sensibili. Sostanza pericolose. Limiti allo scarico nell’ambiente ed all’immissione nelle reti fognarie.

    Testi:
    L. Bonomo –TRATTAMENTI DELLE ACQUE REFLUE – Ed. McGraw-Hill (2008);
    Metcalf & Eddy (curatori edizione italiana: B. Eramo, P. Serini) – Ingegneria delle acque reflue-Trattamento e riuso 4/ed – Ed. McGraw-Hill.

    Valutazione:
    Per accedere alla prova orale è necessario aver ultimato l'elaborato di progetto assegnato in classe.
    La valutazione consiste nella discussione dell'elaborato di progetto assegnato durante il corso e successivamente in una verifica sui temi trattati a lezione ed esercitazione. Tale verifica consiste in una conversazione tecnica volta a far emergere la capacità di affrontare autonomamente un problema di progettazione individuando la migliore applicazione delle conoscenze acquisite.

  • Insegnamento IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE (31455)

    Secondo anno di Ingegneria Civile (LM-23), Idraulica
    Crediti Formativi Universitari (CFU): 9,00

    Programma:

    1. Caratterizzazione delle acque reflue: Caratteri fisici, chimici e biologici. Ciclo del carbonio (BOD, COD) e dell’azoto. Popolazione equivalente. Definizione delle portate di tempo secco e di pioggia. Impostazione generale del ciclo di trattamento per scarichi urbani. LInea acque e linea fanghi. Localizzazione degli impianti: vincoli urbanistici, idraulici ed ambientali.

    2. Stazioni di sollevamento, pompe centrifughe ed altri tipi di pompe. Pretrattamenti: grigliatura, stacciatura, dissabbiatura-disoleatura. Equalizzazione. Separazione a gravità: sedimentazione, coagulazione-flocculazione, flottazione naturale. Sistemi di aerazione: calcolo e verifica della capacità di ossigenazione.

    3. Trattamenti biologici: Principi generali. Crescita batterica, rimozione del substrato, depurazione aerobica, anossica ed anaerobica. Costanti cinetiche e stechiometriche e loro determinazione sperimentale.

    4. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa sospesa per la rimozione dell'inquinamento organico biodegradabile: Tempo di residenza cellulare, carico del fango e carico volumetrico, calcolo della biomassa, concentrazione di biomassa e portate di ricircolo, caratteristiche di sedimentabilità del fango, produzione di fango di supero, fabbisogno di ossigeno.

    5. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa sospesa per la rimozione dell'azoto e del fosforo. Nitrificazione e denitrificazione con biomasse sospese. Batteri autotrofi, ruolo del tempo di residenza cellulare in nitrificazione. Cinetica della nitrificazione, dimensionamento dei reattori, calcolo dei fabbisogni di ossigeno. Denitrificazione (uso di carbonio interno, esterno ed endogeno); processi di pre-denitrificazione: definizione dei ricircoli di miscela aerata e di fango; processi di post-denitrificazione.

    6.Processi chimico-fisici di rimozione del fosforo e dell'azoto: Precipitazione chimica P con processi di pre, post e co-precipitazione. Rimozione biologica del fosforo; ruolo e condizioni di crescita dei batteri fosforo-cumulanti. Rendimenti di rimozione conseguibili con le diverse alternative. Criteri di scelta.

    7. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa adesa. Sistemi innovativi (i.e. MBBR, MBR, SBR etc)

    8. Trattamenti di affinamento: filtrazione su sabbia e su tela, adsorbimento su carbone attivo, ozonizzazione. Disinfezione mediante clorazione, uso di PAA, radiazioni UV. Riuso di acque reflue per usi civili, agricoli ed industriali. Requisiti di qualità.

    9. Linea fanghi: Calcolo dei quantitativi di fango. Caratteristiche chimico-fisiche e reologiche dei fanghi. Requisiti ed obiettivi della linea di trattamento e sua impostazione generale. Dimensionamento dei processi di stabilizzazione biologica del fanghi: Processi aerobici con e senza ispessimento in simultanea; calcolo del volume dei reattori, del fabbisogno di ossigeno e dei quantitativi di fango stabilizzato e di surnatante. Digestione anaerobica mesofila e termofila. Volume dei digestori, processi monostadio e bistadio; produzione ed uso del biogas. Bilancio di massa di fanghi e surnatanti e impatti sulla linea acque.

    10. Condizionamento e disidratazione dei fanghi: filtrabilità, comprimibilità, loro determinazione sperimentale. Letti di essiccamento, filtrazione (filtri a vuoto, filtri pressa a camere, filtri pressa a nastro), centrifugazione.

    11. Normativa sugli inquinamenti idrici: Obbiettivi di qualità dei corpi idrici. Limitazioni in zone sensibili. Sostanza pericolose. Limiti allo scarico nell’ambiente ed all’immissione nelle reti fognarie.

    Testi:
    L. Bonomo –TRATTAMENTI DELLE ACQUE REFLUE – Ed. McGraw-Hill (2008);
    Metcalf & Eddy (curatori edizione italiana: B. Eramo, P. Serini) – Ingegneria delle acque reflue-Trattamento e riuso 4/ed – Ed. McGraw-Hill.

    Valutazione:
    Per accedere alla prova orale è necessario aver ultimato l'elaborato di progetto assegnato in classe.
    La valutazione consiste nella discussione dell'elaborato di progetto assegnato durante il corso e successivamente in una verifica sui temi trattati a lezione ed esercitazione. Tale verifica consiste in una conversazione tecnica volta a far emergere la capacità di affrontare autonomamente un problema di progettazione individuando la migliore applicazione delle conoscenze acquisite.

  • Insegnamento IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE (31455)

    Secondo anno di Civil and Environmental Engineering (LM-23), Geotecnica
    Crediti Formativi Universitari (CFU): 9,00

    Programma:

    1. Caratterizzazione delle acque reflue: Caratteri fisici, chimici e biologici. Ciclo del carbonio (BOD, COD) e dell’azoto. Popolazione equivalente. Definizione delle portate di tempo secco e di pioggia. Impostazione generale del ciclo di trattamento per scarichi urbani. LInea acque e linea fanghi. Localizzazione degli impianti: vincoli urbanistici, idraulici ed ambientali.

    2. Stazioni di sollevamento, pompe centrifughe ed altri tipi di pompe. Pretrattamenti: grigliatura, stacciatura, dissabbiatura-disoleatura. Equalizzazione. Separazione a gravità: sedimentazione, coagulazione-flocculazione, flottazione naturale. Sistemi di aerazione: calcolo e verifica della capacità di ossigenazione.

    3. Trattamenti biologici: Principi generali. Crescita batterica, rimozione del substrato, depurazione aerobica, anossica ed anaerobica. Costanti cinetiche e stechiometriche e loro determinazione sperimentale.

    4. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa sospesa per la rimozione dell'inquinamento organico biodegradabile: Tempo di residenza cellulare, carico del fango e carico volumetrico, calcolo della biomassa, concentrazione di biomassa e portate di ricircolo, caratteristiche di sedimentabilità del fango, produzione di fango di supero, fabbisogno di ossigeno.

    5. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa sospesa per la rimozione dell'azoto e del fosforo. Nitrificazione e denitrificazione con biomasse sospese. Batteri autotrofi, ruolo del tempo di residenza cellulare in nitrificazione. Cinetica della nitrificazione, dimensionamento dei reattori, calcolo dei fabbisogni di ossigeno. Denitrificazione (uso di carbonio interno, esterno ed endogeno); processi di pre-denitrificazione: definizione dei ricircoli di miscela aerata e di fango; processi di post-denitrificazione.

    6.Processi chimico-fisici di rimozione del fosforo e dell'azoto: Precipitazione chimica P con processi di pre, post e co-precipitazione. Rimozione biologica del fosforo; ruolo e condizioni di crescita dei batteri fosforo-cumulanti. Rendimenti di rimozione conseguibili con le diverse alternative. Criteri di scelta.

    7. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa adesa. Sistemi innovativi (i.e. MBBR, MBR, SBR etc)

    8. Trattamenti di affinamento: filtrazione su sabbia e su tela, adsorbimento su carbone attivo, ozonizzazione. Disinfezione mediante clorazione, uso di PAA, radiazioni UV. Riuso di acque reflue per usi civili, agricoli ed industriali. Requisiti di qualità.

    9. Linea fanghi: Calcolo dei quantitativi di fango. Caratteristiche chimico-fisiche e reologiche dei fanghi. Requisiti ed obiettivi della linea di trattamento e sua impostazione generale. Dimensionamento dei processi di stabilizzazione biologica del fanghi: Processi aerobici con e senza ispessimento in simultanea; calcolo del volume dei reattori, del fabbisogno di ossigeno e dei quantitativi di fango stabilizzato e di surnatante. Digestione anaerobica mesofila e termofila. Volume dei digestori, processi monostadio e bistadio; produzione ed uso del biogas. Bilancio di massa di fanghi e surnatanti e impatti sulla linea acque.

    10. Condizionamento e disidratazione dei fanghi: filtrabilità, comprimibilità, loro determinazione sperimentale. Letti di essiccamento, filtrazione (filtri a vuoto, filtri pressa a camere, filtri pressa a nastro), centrifugazione.

    11. Normativa sugli inquinamenti idrici: Obbiettivi di qualità dei corpi idrici. Limitazioni in zone sensibili. Sostanza pericolose. Limiti allo scarico nell’ambiente ed all’immissione nelle reti fognarie.

    Testi:
    L. Bonomo –TRATTAMENTI DELLE ACQUE REFLUE – Ed. McGraw-Hill (2008);
    Metcalf & Eddy (curatori edizione italiana: B. Eramo, P. Serini) – Ingegneria delle acque reflue-Trattamento e riuso 4/ed – Ed. McGraw-Hill.

    Valutazione:
    Per accedere alla prova orale è necessario aver ultimato l'elaborato di progetto assegnato in classe.
    La valutazione consiste nella discussione dell'elaborato di progetto assegnato durante il corso e successivamente in una verifica sui temi trattati a lezione ed esercitazione. Tale verifica consiste in una conversazione tecnica volta a far emergere la capacità di affrontare autonomamente un problema di progettazione individuando la migliore applicazione delle conoscenze acquisite.

  • Insegnamento IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE (31455)

    Secondo anno di Civil and Environmental Engineering (LM-23), Strutture
    Crediti Formativi Universitari (CFU): 9,00

    Programma:

    1. Caratterizzazione delle acque reflue: Caratteri fisici, chimici e biologici. Ciclo del carbonio (BOD, COD) e dell’azoto. Popolazione equivalente. Definizione delle portate di tempo secco e di pioggia. Impostazione generale del ciclo di trattamento per scarichi urbani. LInea acque e linea fanghi. Localizzazione degli impianti: vincoli urbanistici, idraulici ed ambientali.

    2. Stazioni di sollevamento, pompe centrifughe ed altri tipi di pompe. Pretrattamenti: grigliatura, stacciatura, dissabbiatura-disoleatura. Equalizzazione. Separazione a gravità: sedimentazione, coagulazione-flocculazione, flottazione naturale. Sistemi di aerazione: calcolo e verifica della capacità di ossigenazione.

    3. Trattamenti biologici: Principi generali. Crescita batterica, rimozione del substrato, depurazione aerobica, anossica ed anaerobica. Costanti cinetiche e stechiometriche e loro determinazione sperimentale.

    4. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa sospesa per la rimozione dell'inquinamento organico biodegradabile: Tempo di residenza cellulare, carico del fango e carico volumetrico, calcolo della biomassa, concentrazione di biomassa e portate di ricircolo, caratteristiche di sedimentabilità del fango, produzione di fango di supero, fabbisogno di ossigeno.

    5. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa sospesa per la rimozione dell'azoto e del fosforo. Nitrificazione e denitrificazione con biomasse sospese. Batteri autotrofi, ruolo del tempo di residenza cellulare in nitrificazione. Cinetica della nitrificazione, dimensionamento dei reattori, calcolo dei fabbisogni di ossigeno. Denitrificazione (uso di carbonio interno, esterno ed endogeno); processi di pre-denitrificazione: definizione dei ricircoli di miscela aerata e di fango; processi di post-denitrificazione.

    6.Processi chimico-fisici di rimozione del fosforo e dell'azoto: Precipitazione chimica P con processi di pre, post e co-precipitazione. Rimozione biologica del fosforo; ruolo e condizioni di crescita dei batteri fosforo-cumulanti. Rendimenti di rimozione conseguibili con le diverse alternative. Criteri di scelta.

    7. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa adesa. Sistemi innovativi (i.e. MBBR, MBR, SBR etc)

    8. Trattamenti di affinamento: filtrazione su sabbia e su tela, adsorbimento su carbone attivo, ozonizzazione. Disinfezione mediante clorazione, uso di PAA, radiazioni UV. Riuso di acque reflue per usi civili, agricoli ed industriali. Requisiti di qualità.

    9. Linea fanghi: Calcolo dei quantitativi di fango. Caratteristiche chimico-fisiche e reologiche dei fanghi. Requisiti ed obiettivi della linea di trattamento e sua impostazione generale. Dimensionamento dei processi di stabilizzazione biologica del fanghi: Processi aerobici con e senza ispessimento in simultanea; calcolo del volume dei reattori, del fabbisogno di ossigeno e dei quantitativi di fango stabilizzato e di surnatante. Digestione anaerobica mesofila e termofila. Volume dei digestori, processi monostadio e bistadio; produzione ed uso del biogas. Bilancio di massa di fanghi e surnatanti e impatti sulla linea acque.

    10. Condizionamento e disidratazione dei fanghi: filtrabilità, comprimibilità, loro determinazione sperimentale. Letti di essiccamento, filtrazione (filtri a vuoto, filtri pressa a camere, filtri pressa a nastro), centrifugazione.

    11. Normativa sugli inquinamenti idrici: Obbiettivi di qualità dei corpi idrici. Limitazioni in zone sensibili. Sostanza pericolose. Limiti allo scarico nell’ambiente ed all’immissione nelle reti fognarie.

    Testi:
    L. Bonomo –TRATTAMENTI DELLE ACQUE REFLUE – Ed. McGraw-Hill (2008);
    Metcalf & Eddy (curatori edizione italiana: B. Eramo, P. Serini) – Ingegneria delle acque reflue-Trattamento e riuso 4/ed – Ed. McGraw-Hill.

    Valutazione:
    Per accedere alla prova orale è necessario aver ultimato l'elaborato di progetto assegnato in classe.
    La valutazione consiste nella discussione dell'elaborato di progetto assegnato durante il corso e successivamente in una verifica sui temi trattati a lezione ed esercitazione. Tale verifica consiste in una conversazione tecnica volta a far emergere la capacità di affrontare autonomamente un problema di progettazione individuando la migliore applicazione delle conoscenze acquisite.

  • Insegnamento IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE (31455)

    Secondo anno di Ingegneria Civile (LM-23), Generale
    Crediti Formativi Universitari (CFU): 9,00

    Programma:

    1. Caratterizzazione delle acque reflue: Caratteri fisici, chimici e biologici. Ciclo del carbonio (BOD, COD) e dell’azoto. Popolazione equivalente. Definizione delle portate di tempo secco e di pioggia. Impostazione generale del ciclo di trattamento per scarichi urbani. LInea acque e linea fanghi. Localizzazione degli impianti: vincoli urbanistici, idraulici ed ambientali.

    2. Stazioni di sollevamento, pompe centrifughe ed altri tipi di pompe. Pretrattamenti: grigliatura, stacciatura, dissabbiatura-disoleatura. Equalizzazione. Separazione a gravità: sedimentazione, coagulazione-flocculazione, flottazione naturale. Sistemi di aerazione: calcolo e verifica della capacità di ossigenazione.

    3. Trattamenti biologici: Principi generali. Crescita batterica, rimozione del substrato, depurazione aerobica, anossica ed anaerobica. Costanti cinetiche e stechiometriche e loro determinazione sperimentale.

    4. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa sospesa per la rimozione dell'inquinamento organico biodegradabile: Tempo di residenza cellulare, carico del fango e carico volumetrico, calcolo della biomassa, concentrazione di biomassa e portate di ricircolo, caratteristiche di sedimentabilità del fango, produzione di fango di supero, fabbisogno di ossigeno.

    5. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa sospesa per la rimozione dell'azoto e del fosforo. Nitrificazione e denitrificazione con biomasse sospese. Batteri autotrofi, ruolo del tempo di residenza cellulare in nitrificazione. Cinetica della nitrificazione, dimensionamento dei reattori, calcolo dei fabbisogni di ossigeno. Denitrificazione (uso di carbonio interno, esterno ed endogeno); processi di pre-denitrificazione: definizione dei ricircoli di miscela aerata e di fango; processi di post-denitrificazione.

    6.Processi chimico-fisici di rimozione del fosforo e dell'azoto: Precipitazione chimica P con processi di pre, post e co-precipitazione. Rimozione biologica del fosforo; ruolo e condizioni di crescita dei batteri fosforo-cumulanti. Rendimenti di rimozione conseguibili con le diverse alternative. Criteri di scelta.

    7. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa adesa. Sistemi innovativi (i.e. MBBR, MBR, SBR etc)

    8. Trattamenti di affinamento: filtrazione su sabbia e su tela, adsorbimento su carbone attivo, ozonizzazione. Disinfezione mediante clorazione, uso di PAA, radiazioni UV. Riuso di acque reflue per usi civili, agricoli ed industriali. Requisiti di qualità.

    9. Linea fanghi: Calcolo dei quantitativi di fango. Caratteristiche chimico-fisiche e reologiche dei fanghi. Requisiti ed obiettivi della linea di trattamento e sua impostazione generale. Dimensionamento dei processi di stabilizzazione biologica del fanghi: Processi aerobici con e senza ispessimento in simultanea; calcolo del volume dei reattori, del fabbisogno di ossigeno e dei quantitativi di fango stabilizzato e di surnatante. Digestione anaerobica mesofila e termofila. Volume dei digestori, processi monostadio e bistadio; produzione ed uso del biogas. Bilancio di massa di fanghi e surnatanti e impatti sulla linea acque.

    10. Condizionamento e disidratazione dei fanghi: filtrabilità, comprimibilità, loro determinazione sperimentale. Letti di essiccamento, filtrazione (filtri a vuoto, filtri pressa a camere, filtri pressa a nastro), centrifugazione.

    11. Normativa sugli inquinamenti idrici: Obbiettivi di qualità dei corpi idrici. Limitazioni in zone sensibili. Sostanza pericolose. Limiti allo scarico nell’ambiente ed all’immissione nelle reti fognarie.

    Testi:
    L. Bonomo –TRATTAMENTI DELLE ACQUE REFLUE – Ed. McGraw-Hill (2008);
    Metcalf & Eddy (curatori edizione italiana: B. Eramo, P. Serini) – Ingegneria delle acque reflue-Trattamento e riuso 4/ed – Ed. McGraw-Hill.

    Valutazione:
    Per accedere alla prova orale è necessario aver ultimato l'elaborato di progetto assegnato in classe.
    La valutazione consiste nella discussione dell'elaborato di progetto assegnato durante il corso e successivamente in una verifica sui temi trattati a lezione ed esercitazione. Tale verifica consiste in una conversazione tecnica volta a far emergere la capacità di affrontare autonomamente un problema di progettazione individuando la migliore applicazione delle conoscenze acquisite.

  • Insegnamento IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE (31455)

    Secondo anno di Civil and Environmental Engineering (LM-23), Idraulica
    Crediti Formativi Universitari (CFU): 9,00

    Programma:

    1. Caratterizzazione delle acque reflue: Caratteri fisici, chimici e biologici. Ciclo del carbonio (BOD, COD) e dell’azoto. Popolazione equivalente. Definizione delle portate di tempo secco e di pioggia. Impostazione generale del ciclo di trattamento per scarichi urbani. LInea acque e linea fanghi. Localizzazione degli impianti: vincoli urbanistici, idraulici ed ambientali.

    2. Stazioni di sollevamento, pompe centrifughe ed altri tipi di pompe. Pretrattamenti: grigliatura, stacciatura, dissabbiatura-disoleatura. Equalizzazione. Separazione a gravità: sedimentazione, coagulazione-flocculazione, flottazione naturale. Sistemi di aerazione: calcolo e verifica della capacità di ossigenazione.

    3. Trattamenti biologici: Principi generali. Crescita batterica, rimozione del substrato, depurazione aerobica, anossica ed anaerobica. Costanti cinetiche e stechiometriche e loro determinazione sperimentale.

    4. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa sospesa per la rimozione dell'inquinamento organico biodegradabile: Tempo di residenza cellulare, carico del fango e carico volumetrico, calcolo della biomassa, concentrazione di biomassa e portate di ricircolo, caratteristiche di sedimentabilità del fango, produzione di fango di supero, fabbisogno di ossigeno.

    5. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa sospesa per la rimozione dell'azoto e del fosforo. Nitrificazione e denitrificazione con biomasse sospese. Batteri autotrofi, ruolo del tempo di residenza cellulare in nitrificazione. Cinetica della nitrificazione, dimensionamento dei reattori, calcolo dei fabbisogni di ossigeno. Denitrificazione (uso di carbonio interno, esterno ed endogeno); processi di pre-denitrificazione: definizione dei ricircoli di miscela aerata e di fango; processi di post-denitrificazione.

    6.Processi chimico-fisici di rimozione del fosforo e dell'azoto: Precipitazione chimica P con processi di pre, post e co-precipitazione. Rimozione biologica del fosforo; ruolo e condizioni di crescita dei batteri fosforo-cumulanti. Rendimenti di rimozione conseguibili con le diverse alternative. Criteri di scelta.

    7. Dimensionamento dei processi biologici a biomassa adesa. Sistemi innovativi (i.e. MBBR, MBR, SBR etc)

    8. Trattamenti di affinamento: filtrazione su sabbia e su tela, adsorbimento su carbone attivo, ozonizzazione. Disinfezione mediante clorazione, uso di PAA, radiazioni UV. Riuso di acque reflue per usi civili, agricoli ed industriali. Requisiti di qualità.

    9. Linea fanghi: Calcolo dei quantitativi di fango. Caratteristiche chimico-fisiche e reologiche dei fanghi. Requisiti ed obiettivi della linea di trattamento e sua impostazione generale. Dimensionamento dei processi di stabilizzazione biologica del fanghi: Processi aerobici con e senza ispessimento in simultanea; calcolo del volume dei reattori, del fabbisogno di ossigeno e dei quantitativi di fango stabilizzato e di surnatante. Digestione anaerobica mesofila e termofila. Volume dei digestori, processi monostadio e bistadio; produzione ed uso del biogas. Bilancio di massa di fanghi e surnatanti e impatti sulla linea acque.

    10. Condizionamento e disidratazione dei fanghi: filtrabilità, comprimibilità, loro determinazione sperimentale. Letti di essiccamento, filtrazione (filtri a vuoto, filtri pressa a camere, filtri pressa a nastro), centrifugazione.

    11. Normativa sugli inquinamenti idrici: Obbiettivi di qualità dei corpi idrici. Limitazioni in zone sensibili. Sostanza pericolose. Limiti allo scarico nell’ambiente ed all’immissione nelle reti fognarie.

    Testi:
    L. Bonomo –TRATTAMENTI DELLE ACQUE REFLUE – Ed. McGraw-Hill (2008);
    Metcalf & Eddy (curatori edizione italiana: B. Eramo, P. Serini) – Ingegneria delle acque reflue-Trattamento e riuso 4/ed – Ed. McGraw-Hill.

    Valutazione:
    Per accedere alla prova orale è necessario aver ultimato l'elaborato di progetto assegnato in classe.
    La valutazione consiste nella discussione dell'elaborato di progetto assegnato durante il corso e successivamente in una verifica sui temi trattati a lezione ed esercitazione. Tale verifica consiste in una conversazione tecnica volta a far emergere la capacità di affrontare autonomamente un problema di progettazione individuando la migliore applicazione delle conoscenze acquisite.

  • Insegnamento RIFIUTI SOLIDI E BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI (90888)

    Secondo anno di Ingegneria dell'ambiente e del territorio (LM-35), Curriculum unico
    Crediti Formativi Universitari (CFU): 9,00

    Programma:
    Gestione integrata del ciclo dei rifiuti. Aspetti normativi. Caratteristiche chimiche e fisiche delle diverse classi di rifiuto. Raccolta differenziata e raccolta indifferenziata. Conferimento e trasporto.
    Allocazione ottimale dei cassonetti. Sistemi di tariffazione. Impianti di selezione. Fasi di riduzione delle dimensioni, separazione e compattazione. Cicli adoperati negli impianti di produzione del CDR. Trattamenti biologici: impianti di compostaggio e impianti di digestione anaerobica. Principi della combustione dei rifiuti. Impianti di trattamento termico: incenerimento, pirolisi, gassificazione.
    Smaltimento sul terreno: discarica controllata. Produzione e captazione del biogas . Sistemi di drenaggio del percolato.

    Caratterizzazione di sedimenti e siti contaminati. Tipi di contaminanti. Indagini, analisi di rischio e tecniche di bonifica. Trattamenti in situ ed ex situ. Tecnologie di incapsulamento. Landfarming e Biopile. Air-sparging. Bioventing. Fitodepurazione. Sistemi di lavaggioe. Trattamenti termici.

    Testi:
    1. G. d'Antonio: Trattamento dei rifiuti solidi urbani - tecniche e sistemi di smaltimento finale
    2. G. d'Antonio: INGEGNERIA SANITARIA AMBIENTALE - esercizi e commento di esempi numerici
    3. G. Tchobanoglous: Integrated Solid Waste Management: Engineering Principles and Management Issues
    4. L. Bonomo: BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI - Caratterizzazione e tecnologie di risanamento. Edizioni Hoepli

    Valutazione:
    La valutazione consiste nella discussione dei casi studio affrontati durante il corso e successivamente in una verifica sui temi trattati a lezione ed esercitazione. Tale verifica consiste in una conversazione tecnica volta a far emergere la capacità di affrontare autonomamente un problema di progettazione individuando la migliore applicazione delle conoscenze acquisite.


  • Insegnamento INGEGNERIA SANITARIA AMBIENTALE (90429)

    Terzo anno di Ingegneria civile e ambientale (L-7), Curriculum unico
    Crediti Formativi Universitari (CFU): 6,00

    Programma:
    Principi di Ecologia e di Igiene.
    Rappresentazione e controllo dell’ambiente: componenti ambientali, strategie per la salvaguardia e la gestione dell’ambiente, cenni sulle procedure per la Valutazione di Impatto Ambientale.
    Caratteristiche di qualità dei corpi idrici: obiettivi di qualità ambientale e per specifica destinazione, classificazione delle risorse superficiali e sotterranee.
    Acque di approvvigionamento: caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche, normativa, principi dei processi di trattamento. Inquinamento dei corpi idrici: fonti, effetti, capacità di autodepurazione.
    Acque reflue: caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche, carichi inquinanti, disciplina degli scarichi, normativa, principi dei processi depurativi, smaltimento finale.
    Inquinamento del suolo: fonti, effetti. Rifiuti solidi: caratteristiche, normativa, fasi della gestione, principi dei sistemi di smaltimento.
    Inquinamento dell’atmosfera: fonti, effetti, principali inquinanti, normativa, principi dei sistemi di trattamento.

    Testi:
    P. Sirini. Ingegneria Sanitaria Ambientale. Ed. McGraw-Hill-Giuseppe d’Antonio – Ingegneria sanitaria ambientale - Esercizi e commento di esempi numerici, Editore: HOEPLI (2007)-H. S. Peavy, D. R. Rowe and G. Tchobanoglous – Environmental Engineering – Ed. McGraw-Hill (1985)-Willi J. Masschelein - Unit Processes in Drinking Water Treatment (Environmental Science and Pollution Control Series) – Ed. Marcel Dekker (1992).


    Valutazione:
    La valutazione consiste nella discussione dei casi studio affrontati durante il corso e successivamente in una verifica sui temi trattati a lezione ed esercitazione. Tale verifica consiste in una conversazione tecnica volta a far emergere la capacità di affrontare autonomamente un problema di progettazione individuando la migliore applicazione delle conoscenze acquisite.


Prenotazione appello

E' possibile prenotarsi ad un appello d'esame, collegandosi al portale studenti.

Elenco appelli d'esame disponibili

  • Denominazione insegnamento: 31455 IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE - INGEGNERIA CIVILE 31520 IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE - INGEGNERIA DELL'AMBIENTE E DEL TERRITORIO 31455 IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE - Ingegneria Civile 31520 IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE - Ingegneria dell'ambiente e del territorio 31455 IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE - Ingegneria dell'ambiente e del territorio 31455 IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE NESSUNA CANALIZZAZIONE - Ingegneria Civile 31455 IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE NESSUNA CANALIZZAZIONE - Ingegneria dell'ambiente e del territorio - (2019/2020)
    Data e ora appello: 15/09/2020, ore 09:00
    Luogo: aula 1N1
    Tipo prova: prova orale
    Prenotabile: dal 08/10/2019 al 07/09/2020 (prenota l'appello)

Ricercatore di Ingegneria Sanitaria Ambientale presso l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale (UNICLAM). Laureato in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II (UNINA) nel maggio del 2012 ed ha conseguito il titolo di Dottore di ricerca in Analisi dei Sistemi Ambientali presso UNINA nel 2016 con il riconoscimento del Label Europeo. Vincitore del Premio Internazionale Remtech 2017. Nell’ambito di differenti progetti Europei ha acquisito esperienza di ricerca all’estero in diversi centri (Czech Technical University- Czech University of Life Sciences Prague - The Solar Energy Research Center in Almeria–CIESOL). E’ stato esperto di valutazione per l’accreditamento periodico delle università nell’ambito del sistema AVA.

Trattamento integrato di matrici solide contaminante da composti inorganici e valutazione dell’efficienza dei processi chimico/fisico/biologico. Studio dei meccanismi di rimozione dei contaminanti emergenti nei processi di depurazione convenzionali. Applicazione dei processi di ossidazione avanzata nel trattamento dei contaminanti non trattabili mediante processi biologici.

RIVISTE INTERNAZIONALI
1. Senneca, O., Cortese, L., Di Martino, R., Fabbricino, M., Ferraro, A., Race, M., & Scopino, A. (2020). Mechanisms affecting the delayed efficiency of cement based stabilization/solidification processes. Journal of Cleaner Production, Volume 261, 10 July 2020, 121230 https://doi.org/10.1016/j.jclepro.2020.121230
2. Bianco, F., Race, M., Papirio, S., Esposito, G. (2020). Removal of polycyclic aromatic hydrocarbons during anaerobic biostimulation of marine sediments. Science of The Total Environment, 709, 136141.
3. Race, M., Spasiano, D., Luongo, V., Petrella, A., Fiore, S., Pirozzi, F., Fratino, U., Piccinni, A. F., (2019) Simultaneous treatment of agro-food and asbestos-cement waste by the combination of dark fermentation and hydrothermal processes, International Biodeterioration & Biodegradation, Volume 144, October 2019, 104766. https://doi.org/10.1016/j.ibiod.2019.104766
4. Siciliano, A., Russo, D., Spasiano, D., Marotta, R., Race, M., Fabbricino, M., Galdiero E., Guida, M. (2019). Chronic toxicity of treated and untreated aqueous solutions containing imidazole-based ionic liquids and their oxydized by-products. Ecotoxicology and Environmental Safety, 180, 466-472. doi: 10.1016/j.ecoenv.2019.05.048
5. Race, M., Marotta, R., Fabbricino, M., Pirozzi, F., Andreozzi, R., Guida, M., Siciliano, A. (2019). Assessment of optimal conditions for the restoration and recovery of agricultural soil. Journal of hazardous materials, 373, 801-809. doi: 10.1016/j.jhazmat.2019.04.007
6. Galdiero, E., Carotenuto, R., Siciliano, A., Libralato, G., Race, M., Lofrano, G., Fabbricino, M., Guida, M. (2019). Cerium and erbium effects on Daphnia magna generations: A multiple endpoints approach. Environmental Pollution, Volume 254, Part A, November 2019, 112985. https://doi.org/10.1016/j.envpol.2019.112985
7. Ferraro, A., Massini, G., Miritana, V. M., Signorini, A., Race, M., Fabbricino, M. (2019). A simplified model to simulate bioaugmented anaerobic digestion of lignocellulosic biomass: Biogas production efficiency related to microbiological data. Science of The Total Environment 691, 885-895. https://doi.org/10.1016/j.scitotenv.2019.07.051
8. Pontoni, L., Race, M., van Hullebusch, E. D., Fabbricino, M., Esposito, G., Pirozzi, F. (2019). Data of OECD soil and leachate resulting from irrigation with aqueous solution containing trace metals at increasing sodium concentration. Data in Brief, 25, 104276. https://doi.org/10.1016/j.dib.2019.104276
9. Pontoni, L., Race, M., van Hullebusch, E. D., Fabbricino, M., Esposito, G., Pirozzi, F. (2019). Effect of sodium concentration on mobilization and fate of trace metals in standard OECD soil. Environmental Pollution, 250, 839-848. https://doi.org/10.1016/j.envpol.2019.04.070
10. De Medici, D., Komínková, D., Race, M., Fabbricino, M., Součková, L. (2019). Evaluation of the potential for caesium transfer from contaminated soil to the food chain as a consequence of uptake by edible vegetables. Ecotoxicology and environmental safety, 171, 558-563. https://doi.org/10.1016/j.ecoenv.2019.01.015
11. Petrella, A., Spasiano, D., Rizzi, V., Cosma, P., Race, M., De Vietro, N. (2019). Thermodynamic and kinetic investigation of heavy metals sorption in packed bed columns by recycled lignocellulosic materials from olive oil production. Chemical Engineering Communications, 1-16. https://doi.org/10.1080/00986445.2019.1574768
12. Spasiano, D., Luongo, V., Race, M., Petrella, A., Fiore, S., Apollonio, C., Pirozzi F.,Fratino U., Piccinni, A. F. (2019). Sustainable bio-hydrothermal sequencing treatment for asbestos-cement wastes. Journal of hazardous materials, 364, 256-263. doi: 10.1016/j.jhazmat.2018.10.025
13. Petrella, A., Spasiano, D., Cosma, P., Rizzi, V., Race, M. (2019). Evaluation of the hydraulic and hydrodynamic parameters influencing photo-catalytic degradation of bio-persistent pollutants in a pilot plant. Chemical Engineering Communications, 1-11.
https://doi.org/10.1080/00986445.2018.1555534
14. Petrella, A., Spasiano, D., Race, M., Rizzi, V., Cosma, P., Liuzzi, S., De Vietro, N. (2019). Porous Waste Glass for Lead Removal in Packed Bed Columns and Reuse in Cement Conglomerates. Materials, 12(1), 94. doi: 10.3390/ma12010094.
15. Petrella, A., Spasiano, D., Rizzi, V., Cosma, P., Race, M., De Vietro, N. (2018). Lead ion sorption by perlite and reuse of the exhausted material in the construction field. Applied Sciences, 8(10), 1882. https://doi.org/10.3390/app8101882
16. Wadgaonkar, S. L., Ferraro, A., Race, M., Nancharaiah, Y. V., Dhillon, K. S., Fabbricino, M., Esposito G., Lens, P. N. (2018). Optimization of Soil Washing to Reduce the Selenium Levels of Seleniferous Soil from Punjab, Northwestern India. Journal of environmental quality. November 2018;47(6):1530-1537. doi: 10.2134/jeq2018.05.0187.
17. Race, M., Ferraro, A., Fabbricino, M., La Marca, A., Panico, A., Spasiano, D., Pirozzi, F. Ethylenediamine-N, N′-Disuccinic Acid (EDDS)—Enhanced Flushing Optimization for Contaminated Agricultural Soil Remediation and Assessment of Prospective Cu and Zn Transport. International journal of environmental research and public health, 15(3), 543. (2018). doi:10.3390/ijerph15030543
18. Fabbricino, M., Ferraro, A., Luongo, V., Pontoni, L., Race, M. Soil Washing Optimization, Recycling of the Solution, and Ecotoxicity Assessment for the Remediation of Pb-Contaminated Sites Using EDDS. Sustainability, 10(3), 636. (2018). doi:10.3390/su10030636
19. Gurung, B., Race, M., Fabbricino, M., Komínková, D., Libralato, G., Siciliano, A., Guida, M. (2018). Assessment of metal pollution in the Lambro Creek (Italy). Ecotoxicology and environmental safety, 148, (2018) 754-762.doi.org/10.1016/j.ecoenv.2017.11.041
20. Komínková, D., Fabbricino, M., Gurung, B., Race, M., Tritto, C., Ponzo, A. (2018). Sequential application of soil washing and phytoremediation in the land of fires. Journal of Environmental Management, 206, (2018) 1081-1089. doi.org/10.1016/j.jenvman.2017.11.080
21. Race, M., Applicability of alkaline precipitation for the recovery of EDDS spent solution. Journal of Environmental Management, 203, (2017) 358-363.doi.org/10.1016/j.jenvman.2017.08.013
22. Onotri L., Race M., Clarizia L., Guida M., Alfè M., Andreozzi R., Marotta R., Solar photocatalytic processes for treatment of soil washing wastewater, Chemical Engineering Journal 318 (2017), 10-18. doi:10.1016/j.cej.2016.04.053.
23. Satyro S., Race M., Marotta R., Dezotti M., Guida M., Clarizia L., Photocatalytic processes assisted by artificial solar light for soil washing effluent treatment, Environmental Science and Pollution Research, 24(7), (2017) 6353-6360. 10.1007/s11356-016-6431-9 .
24. M. Race, R. Marotta, M. Fabbricino, F. Pirozzi, R. Andreozzi, L. Cortese, P. Giudicianni Copper and zinc removal from contaminated soils through soil washing process using ethylenediaminedisuccinic acid as a chelating agent: A modeling investigation, Journal of Environmental Chemical Engineering 4.3 (2016) 2878-2891.doi:10.1016/j.jece.2016.05.031.
25. Spasiano, D., Siciliano, A., Race, M., Marotta, R., Guida, M., Andreozzi, R., Pirozzi, F. Biodegradation, ecotoxicity and UV 254/H2O2 treatment of imidazole, 1-methyl-imidazole and N, N'-alkyl-imidazolium chlorides in water. Water research, 106, (2016) 450-460 doi.org/10.1016/j.watres.2016.10.026.
26. Satyro, S., Race, M., Di Natale, F., Erto, A., Guida, M., Marotta, R. Simultaneous removal of heavy metals from field-polluted soils and treatment of soil washing effluents through combined adsorption and artificial sunlight-driven photocatalytic processes. Chemical Engineering Journal, 283, (2016)1484-1493, doi.org/10.1016/j.cej.2015.08.039.
27. Race M., Nábělková J., Fabbricino M., Pirozzi F., Raia P., Analysis of Heavy Metal Sources for Urban Creeks in the Czech Republic, Water, Air, Soil Pollution226(10) (2015), 322, doi:10.1007/s11270-015-2579-z.
28. Satyro S., Race M., Marotta R., Dezotti M., Spasiano D., Mancini G., Fabbricino M.. Simulated solar photocatalytic processes for the simultaneous removal of EDDS, Cu(II), Fe(III) and Zn(II) in synthetic and real contaminated soil washing solutions. Journal of Environmental Chemical Engineering 2.4 (2014) 1969–1979, doi.org/10.1016/j.jece.2014.08.017

VOLUMI INTERNAZIONALI
1. Clarizia, L., Race, M., Onotri, L., Di Somma, I., Fiorentino, N., Andreozzi, R., Marotta, R. Removal of Copper, Iron and Zinc from Soil Washing Effluents Containing Ethylenediaminedisuccinic Acid as Chelating Agent Through Sunlight Driven Nano-TiO2-Based Photocatalytic Processes. In Nanotechnologies for Environmental Remediation pp. 239-253 (2017). Springer International Publishing.doi.org/10.1007/978-3-319-53162-5_8
2. Papirio S., Frunzo L., Mattei M.R., Ferraro A., Race M., D’Acunto B., Pirozzi F., Esposito G., Heavy metal removal from wastewaters by biosorption: mechanisms and modeling, In E. Rene, E. Sahinkaya, A. Lewis, P. Lens (eds) Sustainable Heavy Metal Remediation. Environmental Chemistry for a Sustainable World, volume 8 pp. 25-63 (2017), Springer, Cham, doi.org/10.1007/978-3-319-58622-9_2.
RIVISTE NAZIONALI
1. M. Race, L. Pontoni, M. Fabbricino, J. Nabelkova, F. Pirozzi . La valutazione della contaminazione nei sedimenti dei torrenti di Praga. ECO Bonifiche Rifiuti e Demolizione pp. 32-35.

VOLUMI NAZIONALI
1. Pirozzi F., d’Antonio G., Fabbricino M., Frunzo L., Luongo V., Panico A., Pontoni L., Race M. (2014) Sistema integrato di trattamento di reflui bufalini volto al recupero idrico ed al risparmio energetico. In: Bioreattori a Membrana (MBR) per il Trattamento delle Acque Reflue – BioMAc 2014, d’Antonio G., Fabbricino M., Pirozzi F. Eds. ASTER, Salerno (IT), 171-191.
LIBRI NAZIONALI
1. Andreozzi R., d’Antonio G., Esposito G., Fabbricino M., Frunzo L., Luongo V., Pianese D., Pirozzi F., Panico A., Pontoni L., Race M. (2015). Sistema Integrato di Trattamento di Reflui Bufalini Volto al Recupero Idrico ed al Risparmio Energetico. ASTER, Salerno (Italia) ISBN: 9781326217525.

CONVEGNI INTERNAZIONALI
1. Bianco F., Race M., Papirio S., Esposito G. (2019), Removal of polycyclic aromatic hydrocarbons from contaminated marine sediments by anaerobic biostimulation. Sustainable Use and Management of Soil, Sediment and Water Resources, 15th International Conference, 20-24 May, Antwerp Belgium
2. Ferraro A., Massini G., Mazzurco Miritana V., Panico A., Pontoni L, Race M., Signorini A., Fabbricino M., Pirozzi F. (2019) Bioaugmentation process for PAHs contaminated soil remediation through microbial inocula from anaerobic treatment of lignocellulosic substrate. 16th International Conference on Environmental Science and Technology, CEST – 4-7 September– Rhodes(GREECE).
3. Ferraro A., Massini G., Mazzurco Miritana V., Signorini A., Race M., Fabbricino M. (2018) A simplified model to simulate a bioaugmented anaerobic digestion of lignocellulosic biomass. WaterEnergyNEXUS conference – 14-17 November 2018– Salerno(ITALY).
4. Gurung B., Kominkova D., Race M., Fabbricino M. (2017), Distribution, mobility and bindingbehaviorsoftoxic metals in thewater-sediment environment of the Lambro Creek, SouthernItaly, 14th IWA/IAHR International Conference on Urban Drainage- ICUD - 10-15 September , Prague (CZECH REPUBLIC)
5. Spasiano D., Onotri L., Race M., Clarizia L., Marotta R., Pirozzi F., Andreozzi R., (2016)Soil Washing Wastewater Treatment By Means Of Sustainable Photocatalytic Processes, X international Symposium on Sanitary and Environmental Engineering (SIDISA-SIBESA)”- 19-23 June - Roma, (ITALY).
6. Race M., Andreozzi R., Di Somma I., Fabbricino M., Marotta R., Onotri L., Pirozzi F., Siciliano A. (2015) Solar Photocatalytic Processes For Soil Washing Wastewater Treatment. 4th European Conference on Environmental Applications of Advanced Oxidation Processes – EAAOP4 – 21 – 24 October, Athens (GREECE).
7. Satyro S.; Marotta R.; Race M., Dezotti M.; Andreozzi R.;(2015) Simultaneous Removal Of Edds, Cu, Fe And Zn From Soil Washing Waste Through Combined Photocatalytic Treatments, II Congresso Iberoamericano de Processos Oxidativos Avançados 3 - 6 November - Belo Horizonte.(BRAZIL).
8. Satyro, S.; Race, M.; Di Somma, I.; Dantas, R. F., Dezotti M.; Andreozzi, R.,. (2014) Removal of Cu, Fe, Zn and EDDS from a Soil Washing Stream through Photocatalytic Processes,. XX Brazilian Congress of Chemical Engineering. - COBEQ – 19-22 October Florianopolis.(BRAZIL).

CONVEGNI NAZIONALI
1. Bianco F., Race M., Papirio S., Esposito G. (2019) Rimozione di idrocarburi policiclici aromatici da sedimenti marini contaminati attraverso tecniche di biostimolazione e desorbimento termico - SiCon - 12-14 February – Brescia (ITALY)
2. Race M.; Siciliano A.; Pontoni L.; M. Guida M.; Fabbricino M. (2018) Fate and effects of two isothiazolinones on activated sludges: bioindicative and toxicity studies - 8th Biannual ECOtoxicology MEeting (BECOME 201 8th Biannual ECOtoxicology MEeting (BECOME 201 th Biannual ECOtoxicology MEeting (BECOME 2018) Managing aquatic and terrestrial environments: an ecotoxicological perspective
3. Siciliano A.; Galdiero E.; Race M.; Fabbricino M.; Libralato G.; Guida M. (2018) Multigenerational effects and bioaccumulation of two rare earth elements on Daphnia magna - 8th Biannual ECOtoxicology MEeting (BECOME 201 8th Biannual ECOtoxicology MEeting (BECOME 201 th Biannual ECOtoxicology MEeting (BECOME 2018) Managing aquatic and terrestrial environments: an ecotoxicological perspective
4. Libralato G., Aliberti F., Galdiero E., Liguori R., Gurung B., Race M.,Fabbricino M., Komínková D., Siciliano A., Guida M., (2017) Valutazione Della Qualità Delle Acque, Dei Sedimenti E Del Biota Del Fiume Lambro (Salerno, Campania), Congresso Nazionale Società Nazionale di Igiene 22-25 November – Torino (ITALY)
5. Iavazzo P., Ferraro A., Marziano M., Conte B., Spada V., Sciarrillo R., Guarino C., F. Pirozzi F., Race M. (2016) Test di laboratorio e di campo sull’applicabilità di tecniche di phytoremediation integrata e di soil-washing per la bonifica di suoli contaminati da metalli pesanti, Workshop su: Siti Contaminati. Esperienze negli interventi di risanamento – SiCon - 11-13 February – Brescia (ITALY)

[Ultima modifica: mercoledì 30 novembre 2016]