Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook News

E-Lectra protagonista nella joint venture Power4Future

Logo E-Lectra Logo Power4Future

Fincantieri SI, controllata di Fincantieri attiva nell’integrazione di sistemi di propulsione elettrica nei segmenti marino e terrestre, e Faist Electronics, controllata di Faist Group, specializzata nello sviluppo e fornitura di sistemi di accumulo di energia, hanno costituito la joint venture Poewr4Future.

Power4Future si dedicherà alla produzione di batterie al litio, un settore divenuto altamente strategico e fonte di vantaggio competitivo per i paesi che ne detengono la tecnologia.

Grazie ad un protocollo di intesa siglato con la Regione Lazio, Power4Future realizzerà a Piedimonte San Germano un sito per la produzione di accumulatori e la progettazione, assemblaggio, commercializzazione e servizi post-vendita di moduli e gruppi batteria. Nel sito saranno realizzati anche i dispositivi di controllo (come il battery management system, BMS) ed i sistemi ausiliari (come antincendio e condizionamento).

Verrà firmata anche una Convenzione Quadro con l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, per il finanziamento e co-finanziamento di attività di ricerca, dottorati industriali, assegni di ricerca, ricercatori a tempo determinato, per lo sviluppo di nuove tecnologie.

Fondamentale per la realizzazione della joint venture è stata E-Lectra che si occuperà di tutta la parte di ricerca e sviluppo di Power4Future.

E-Lectra è uno spin-off dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale fondata nel 2019, le cui competenze nel settore della mobilità elettrica hanno reso possibile l’accordo. Faist Electronics è infatti il principale azionista di E-Lectra.

E-Lectra è focalizzata sullo sviluppo di soluzioni tecnologiche avanzate per applicazioni in ambito automotive e, in generale, elettrificazione dei sistemi di trasporto.

L’elettrificazione in ambito automotive, i sistemi avanzati di storage al litio (dal design del pacco batteria, al BMS e gli algoritmi avanzati per la stima del SOC e SOH, fino ai sistemi di sicurezza attive e di identificazione predittiva del runaway termico), i sistemi di ricarica induttiva stazionaria e dinamica per veicoli elettrici in corrente continua (modulari ed ultra-fast fino a 350 kW) e alternata (fino a 22 kW), stazioni V2G (vehicle to grid) e sistemi di accumulo integrati nelle infrastrutture di ricarica ne rappresentano i principali ambiti di operatività.

Il team di Ricerca e Sviluppo di E-Lectra è formato da un gruppo di ingegneri esperti nel settore dei veicoli elettrici e dei sistemi di accumulo energetico, gran parte dei quali hanno anche conseguito il titolo di dottore di ricerca. Il gruppo è guidato da Giuseppe Tomasso, professore ordinario presso l'Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale, con una consolidata esperienza nel campo della progettazione e realizzazione di propulsori e attrezzature per veicoli ibridi ed elettrici.

I principali progetti di cui si occupa E-Lectra spaziano dai kart elettrici alle colonnine di ricarica dotate da un lato di tecnologie smart, come smart power, che limita la potenza di ricarica in funzione di quella realmente disponibile e smart network, per la gestione dell’energia nel caso di installazione di più punti di ricarica sulla stessa linea elettrica, e dall’altro di un aspetto estetico artistico curato da designer artisti internazionali per l’integrazione con il paesaggio ed il contesto architettonico. E-Lectra ha anche sviluppato il powertrain di Mole Urbana, il quadriciclo elettrico del designer Umberto Palermo.

Questi ambiti di specializzazione, gli stessi di Power4Future, fanno sì che E-Lectra sia un elemento di spicco all’interno del progetto, che prevede una produzione prevista cumulata di 2 GWh in 5 anni, dando un importante contributo alla decarbonizzazione, tematica alla base del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

Riferimenti:

E-Lectra

Power4Future

Enel Crowdsourcing Platform - openinnovability®

La piattaforma crowdsourcing di Enel openinnovability.com consente a studenti, ricercatori e innovatori in tutto il mondo di risolvere challenges tecnologiche e/o riguardanti la sostenibilità ambientale e sociale.

All'interno del sito è possibile trovare le sfide attualemente attive oltre a quelle passate e risolte (per comprenderne il tenore), mentre nella sezione I Have a Project è possibile inviare ad Enel progetti ed idee innovativi non legati a specifiche esigenze.

Registrandosi gratuitamente al sito si può contribuire alle challenges, partecipando ad una community qualificata e avendo la possibilità di vincere collaborazioni e premi economici.

Alcune risorse utili sulla piattaforma openinnovability:

Open Innovability - Presentazione

Open Innovability User Guide

Come funziona l'innovazione in Enel (video, 2:02)

Come funziona il crowdsourcing in Enel (video, 2:35)

ENEATech Call

ENEATech ha creato la prima ENEATech Call rivolta ad imprese ad alta tecnologia che vogliono espandersi o che sono in formazioni. La call è aperta a piccole imprese, stratup, PMI innovative, spin-off e spin-out che operano nei settori Deep Tech, Healthcare, Green, Energy & Circular Economy e Information Technology.
Per informazioni e per partecipare compilando il form di applicazioni visitare: ENEATech Call

Digital Transformation delle PMI (MISE)

Inizio call: 15 dicembre 2020

I progetti ammissibili alle agevolazioni devono essere diretti alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi dei soggetti proponenti mediante l’implementazione di: tecnologie abilitanti individuate dal Piano nazionale impresa 4.0. (advanced manufacturing solutions, addittive manufacturing, realtà aumentata, simulation, integrazione orizzontale e verticale, industrial internet, cloud, cybersecurity, big data e analytics) e/o tecnologie relative a soluzioni tecnologiche digitali di filiera, finalizzate all’ottimizzazione della gestione della catena di distribuzione e della gestione delle relazioni con i diversi attori, al software, alle piattaforme e applicazioni digitali per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio; ed ad altre tecnologie, quali sistemi di e-commerce, sistemi di pagamento mobile e via internet, fintech, sistemi elettronici per lo scambio di dati (electronic data interchange-EDI), geolocalizzazione, tecnologie per l’in-store customer experience, system integration applicata all’automazione dei processi, blockchain, intelligenza artificiale, internet of things.

Per maggiori informazioni: Digital Transformation

Smart Money: l’incentivo per le nuove startup innovative (INVITALIA)

Inizio call: 16 dicembre 2020

L’incentivo Smart Money ha l’obiettivo di facilitare l’incontro tra startup innovative e la rete degli incubatori e degli altri soggetti abilitati per rafforzare la presenza delle startup in Italia e supportare le potenzialità delle imprese innovative in difficoltà nell’affrontare l’emergenza epidemiologica da COV1D-19. Possono presentare domanda di agevolazione le startup innovative costituite da meno di 24 mesi e iscritte alla sezione speciale del registro delle imprese. Devono avere sede in Italia, essere di piccole dimensioni e trovarsi in una delle seguenti fasi: avviamento dell’attività, sperimentazione dell’idea d’impresa (pre-seed) o nella fase di test del mercato finale per misurare l’interesse per il prodotto/servizio (seed).

Per maggiori informazioni: Smart Money

[Ultima modifica: martedì 5 ottobre 2021]