Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook Servizi di supporto Laziodisu

Questi interventi sono rivolti agli studenti diversamente abili, le cui condizioni di invalidità creano obiettive maggiori difficoltà per completare il ciclo di studi intrapreso.

Gli interventi realizzati dall’Adisu hanno come destinatari gli studenti con invalidità riconosciuta pari o superiore al 66%.

In favore di questa categoria di studenti sono previsti sia interventi di natura economica (es. bando di concorso per contributi in denaro necessari per acquistare attrezzature specialistiche, materiale didattico differenziato ecc.), sia servizi di supporto volti a favorire, comunque, l’inserimento degli studenti diversamente abili nella vita universitaria.

Gli studenti diversamente abili con invalidità pari o superiore al 66% hanno diritto all’esonero totale dalle tasse e dai contributi universitari e devono versare, per l’iscrizione, una tariffa ridotta a titolo di rimborso spese di amministrazione.

Attraverso appositi avvisi annuali agli studenti portatori di handicap, con invalidità pari o superiore al 66%, possono essere concessi contributi in denaro per l’acquisto di:

    • attrezzature specialistiche
    • materiale didattico differenziato
    • strumenti idonei a superare particolari difficoltà individuali

Inoltre, l’Adisu, attraverso l’erogazione di un contributo annuale all’Ufficio Studenti in Situazione di Disabilità, partecipa attivamente all’erogazione di specifici servizi quali l’interpretariato LIS (Lingua Italiana dei Segni) e i Servizi alla persona.

I servizi erogati direttamente dal Centro Universitario Disabilità e Handicap sono ricompresi in:

call center telefonico e web;
coordinamento e raccordo attività di accoglienza studenti;
gestione pratiche amministrative in favore di studenti disabili;
attività di tutorato specializzato;
attività di tutorato alla pari;
attività di counseling psicologico;
attività di accompagnamento.

Link all pagina Laziodisu

[Ultima modifica: mercoledì 30 novembre 2016]