Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook Presidente del CdS

Prof. Giuseppe Russo

Struttura organizzativa e responsabilità a livello di Ateneo

Per la struttura organizzativa e articolazioni interne di Ateneo si rimanda al link sottostante.
Per quanto riguarda la conduzione del Corso di Studio in Economia e Diritto d'Impresa gli uffici preposti sono strutturati come segue:
- Presidente del Corso di Studio: il Presidente del Corso di Studio è eletto tra i professori afferenti al Dipartimento di Economia e Giurisprudenza responsabili di attività formative del Corso di Laurea Magistrale. Partecipano all'elezione del Presidente i professori ed i ricercatori in ruolo nel Dipartimento, che siano responsabili di attività formative del Corso di Laurea Magistrale. Le elezioni del Presidente sono indette dal Direttore del Dipartimento, con proprio decreto, nel quale, in conformità delle regole contenute nel Regolamento del Dipartimento di Economia e Giurisprudenza, sono indicati il termine e le modalità di presentazione delle candidature. Il Presidente dura in carica tre anni ed è rieleggibile una sola volta.
Il Presidente ha facoltà di designare tra i professori di ruolo del Dipartimento ed i ricercatori, che siano responsabili di attività formative del Corso di Laurea Magistrale, un Presidente, che lo sostituisce nelle sue funzioni nei casi di impedimento o di assenza.
- Consiglio del corso di studio: il Consiglio del corso di studio, cui sono attribuite le funzioni di cui all'art. III.2, comma 26, dello Statuto ed ogni altra assegnatale dai regolamenti di Ateneo è istituito dal Dipartimento, ai sensi dell'art. III.2, comma 24, dello Statuto dell'Università di Cassino e del Lazio Meridionale.
Il Consiglio è composto dal Presidente, un numero di docenti di ruolo del Dipartimento, responsabili di attività formative del Corso di Laurea Magistrale. Esso:
1. esprime al Dipartimento il proprio parere in materia di ordinamento didattico, di offerta formativa, di manifesto degli studi e di copertura delle attività formative per quanto di sua competenza;
2. propone al Dipartimento l'attivazione di programmi integrati di studio anche al fine del rilascio di titoli doppi, multipli o congiunti, di iniziative di cooperazione interuniversitaria, di attivazione di insegnamenti svolti in lingua diversa dall'italiano;
3. definisce le modalità di funzionamento del corso, provvedendo anche alla suddivisione dei corsi di lezione in semestri e alla determinazione degli orari dei corsi ai sensi dell'art. 11 del presente Regolamento e degli appelli di esame, al fine di garantire un'organizzazione equilibrata ed efficiente degli impegni didattici degli studenti;
4. coordina i contenuti delle attività formative e sovrintende al loro svolgimento nel rispetto della libertà di insegnamento di cui all'art. 33 della Costituzione;
5. organizza i servizi di orientamento e tutorato;
6. delibera in materia di gestione delle carriere degli studenti;
7. propone alle strutture di riferimento l'impiego dei contributi studenteschi e di altri eventuali fondi disponibili per la formazione;
8. formula al Dipartimento proposte sulle esigenze didattiche necessarie alla programmazione del personale docente;
9. valuta la congruenza tra numero di CFU assegnati alle attività formative dall'ordinamento didattico ed i programmi di studio e di esame indicati dai docenti e può formulare proposte di modifica dei programmi non congrui ai titolari delle attività formative.
10. assume le iniziative atte a migliorare l'organizzazione della didattica;
11. svolge ogni altra funzione ad essa attribuita dai regolamenti di Ateneo.

Organizzazione e responsabilità della AQ a livello del Corso di Studio

Il gruppo AQ risulta essere così composto:
RAFFAELE TREQUATTRINI
GIUSEPPE RECINTO
MONICA FRAGNOLI
Rappresentante degli studenti ELENA DI FOLCO

Compiti:
- Verifica il corretto svolgimento delle attività previste nonché il perseguimento degli obiettivi fissati dal CdS per la formazione;
- Dialoga con la Commissione Paritetica docenti/studenti e con il Presidio della Qualità;
- Dialoga con il Coordinatore del Corso di Studio, per l'individuazione delle azioni di miglioramento.
[Ultima modifica: mercoledì 7 novembre 2018]