Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook Presentazione del corso

Obiettivi formativi specifici del Corso e descrizione del percorso formativo

Il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica dell'Università degli Studi di Cassino si propone di formare un ingegnere meccanico con una preparazione fortemente caratterizzata nella progettazione meccanica, nell'automazione e produzione industriale e nella gestione dell'energia e dell'ambiente. Il percorso formativo si avvarrà anche di appositi curricula per poter approfondire specifiche tematiche e consentirà al laureato magistrale di approfondire la sua formazione post-lauream (dottorato, master).
Gli obiettivi formativi specifici del percorso di studio sono focalizzati, nel rispetto delle norme vigenti, della sicurezza e dell'ambiente, sullo sviluppo e l'applicazione di strumenti avanzati e di modelli per:
la progettazione e la verifica di componenti, processi e sistemi meccanici;
la progettazione e la gestione di componenti e sistemi energetici;
l'automazione industriale, la gestione della produzione e l'organizzazione aziendale;
Le principali competenze acquisite durante il corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica riguardano quindi:
- la progettazione, organizzazione, gestione e controllo dei processi produttivi secondo i criteri di economicità, sicurezza e rispetto ambientale;
- identificazione delle proprietà dei materiali in relazione all'impiego, ai processi produttivi e ai trattamenti;
- organizzazione del processo produttivo contribuendo a definire le modalità di realizzazione, di controllo e collaudo del prodotto;
- la progettazione di strutture, apparati e sistemi, essendo in grado di analizzare le risposte alle sollecitazioni meccaniche, termiche, elettriche e di altra natura
- la progettazione, assemblaggio, collaudo e predisposizione alla manutenzione di componenti, di macchine e di sistemi termotecnici di varia natura;
- ideazione, miglioramento, gestione e controllo di un sistema di gestione della qualità e della sicurezza per la conduzione dei processi.
Il laureato magistrale in ingegneria meccanica è in grado di occuparsi in maniera approfondita della progettazione e della produzione meccanica - anche con riferimento al migliore utilizzo dei nuovi materiali - della realizzazione e della gestione di macchine, degli impianti e dei sistemi produttivi delle industrie meccaniche ed elettromeccaniche; quindi, è capace di operare in modo specialistico nella progettazione meccanica, nella progettazione, controllo ed automazione del processo produttivo, nella gestione di problematiche ambientali e di quelle relative all'uso dell'energia, in ambito tecnico-commerciale, nella manutenzione di impianti e macchine, nelle attività di laboratori di misura e certificazione, nel settore dell'assistenza clienti per prodotti e servizi.
I settori tipici di attività sono la conversione dell'energia termica, la progettazione e gestione di apparecchiature ed impianti che utilizzano l'energia termica, la progettazione e il controllo del processo produttivo, l'analisi di sicurezza ed i sistemi qualità.

Autonomia di giudizio

La Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica può essere conferita a studenti che abbiano acquisito la capacità di integrare le conoscenze e gestire la complessità, nonché di formulare giudizi sulla base di informazioni limitate o incomplete, includendo la riflessione sulle responsabilità sociali ed etiche collegate all'applicazione di conoscenza e giudizio. Tali obiettivi sono ottenuti attraverso l'elaborazione, con crescente grado di autonomia, di progetti, esercizi, ed applicazioni. Le capacità di giudizio vengono inoltre ampliate attraverso incontri e colloqui con esponenti del mondo del lavoro promossi con l'organizzazione di seminari, conferenze, visite aziendali. La tesi di laurea magistrale, infine, rappresenta il momento più alto in cui lo studente, confrontandosi con un contesto caratteristico dell'Ingegneria Meccanica, elabora idee originali e innovative, assumendosi il compito, durante la discussione, di illustrarle e sostenerne la validità.
In particolare, i laureati magistrali in Ingegneria Meccanica all'Università di Cassino al termine del percorso formativo sono in grado di:
- identificare, localizzare e ottenere i dati richiesti attraverso ricerche bibliografiche e l'utilizzo di basi di dati ed altre fonti di informazione;
- di progettare e condurre indagini analitiche, attraverso l'uso di modelli teorici e sperimentali
- valutare criticamente dati e trarre conclusioni;
- indagare l'applicazione di tecnologie nuove ed emergenti nel settore dell'ingegneria meccanica;
- operare analisi (misure, prove meccaniche, ecc.) e valutazioni (studi di fattibilità,audit, ecc.) anche in un contesto di gruppo.

Abilità comunicative

La Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica può essere conferita a studenti che sappiano comunicare in modo chiaro e preciso lo sviluppo e le conclusioni delle loro attività, nonchè le conoscenze e le valutazioni ad esse sottese, a interlocutori specialisti e non specialisti.
L'acquisizione di tali abilità comunicative è stimolata attraverso la richiesta di esposizione dei risultati ottenuti durante le sessioni di esercitazione, l'elaborazione di progetti e le attività di laboratorio a colleghi studenti e a docenti. Potranno essere previste delle sessioni di tipo seminariale in cui singoli studenti o gruppi di essi sono incaricati di illustrare un tema o un progetto.
Anche le modalità di verifica degli esami sono fondamentali nel valutare e stimolare le differenti abilità comunicative degli allievi. Queste infatti sono a seconda delle specificità del modulo formativo differenziate in prove orali/scritte, testuali/grafiche, individuali/gruppo, risposta chiusa/aperta. Infine, l'esposizione dei risultati del lavoro di tesi magistrale rappresenta un fondamentale momento in cui lo studente elabora le proprie capacità comunicative, oggetto di valutazione specifica in sede di conferimento del voto di laurea.
Pertanto al termine del percorso formativo i laureati magistrali in Ingegneria Meccanica dell'Università di Cassino sono in grado di:
- lavorare e comunicare efficacemente in contesti nazionali e internazionali;
- operare efficacemente come leader di un gruppo che può essere composto da persone competenti in diverse discipline a differenti livelli.

Capacità di apprendimento

La Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica può essere conferita a studenti che abbiano sviluppato capacità di apprendimento tali da consentire loro di impostare in modo autonomo lo studio di discipline ingegneristiche e di base anche non contemplate nel proprio curriculum. Gli studi di ingegneria da sempre hanno avuto l'obiettivo di fornire metodi e capacità per affrontare problemi di natura tecnico-ingegneristica non necessariamente uguali o simili a quelli affrontati durante gli studi. Pertanto la capacità di affrontare ulteriori studi dopo la laurea magistrale sia autonomi che mediante percorsi formativi post-laurea magistrale è nella tradizione del laureato magistrale in ingegneria.
Le attività formative del corso di studi mirano a fornire, piuttosto che informazioni dettagliate ed esaustive sulle problematiche tecniche dell'ingegneria meccanica, una metodologia ed una capacità di affrontare problemi ingegneristici non necessariamente uguali o simili a quelli affrontati durante gli studi. Tale approccio ha il preciso scopo di favorire lo sviluppo della continua capacità di apprendimento e di avere l'attitudine di affrontare ulteriori studi anche dopo la laurea magistrale sia autonomi che mediante percorsi formativi post-laurea. Inoltre la capacità di apprendimento viene stimolata durante il corso di studi mediante attività di sintesi ed attività progettuali, presenti in molti insegnamenti, in cui occorre raccogliere in modo autonomo informazioni, elaborarle ed acquisire in modo autonomo ulteriori conoscenze. Infine, nel lavoro per la preparazione della tesi, viene sviluppata la capacità del singolo di costruire le necessarie nuove competenze, non incluse nei programmi di studio, attraverso ricerche, studi e applicazioni autonomamente condotti.
Al termine del percorso formativo i laureati magistrali in Ingegneria meccanica dell'Università di Cassino posseggono pertanto:
- la capacità di integrare le conoscenze provenienti anche da settori diversi da quello dell'ingegneria meccanica e di gestire la complessità;
- l'attitudine ad aggiornarsi continuamente mediante la lettura di riviste e testi specialistici (in lingua italiana e inglese) basata sulla consapevolezza della continua evoluzione delle tecniche applicabili;
- una capacità di comprendere le implicazioni non tecniche (soprattutto in termini ambientali ed economici) della pratica ingegneristica.

Conoscenze richieste per l'accesso

In accordo con le linee guida tracciate dalla Conferenza dei Presidi delle Facoltà di Ingegneria, il soddisfacimento dei requisiti curriculari per l'accesso alla laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica si ritiene automaticamente soddisfatto per tutti gli studenti in possesso di una laurea di primo livello della classe 10 (DM 509) o L-9 (DM 270). Per gli studenti in possesso di un titolo di primo livello o equivalente in altre classi, i requisiti curriculari necessari per l'accesso sono definiti, nel Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica, in termini di numero minimo di CFU nei SSD di base e nei SSD caratterizzanti, da possedere all'atto dell'iscrizione alla Laurea Magistrale. Secondo quanto previsto dalla normativa vigente è esclusa la possibilità di attribuire Obblighi Formativi Aggiuntivi.
Le conoscenze richieste per l'accesso sono, oltre alle materie di base (chimica, fisica, matematica, informatica) tipiche dell'ingegneria, quelle caratterizzanti l'ingegneria meccanica con particolare riferimento alle conoscenze di base della termodinamica, delle macchine, dei sistemi energetici, delle misure meccaniche, della meccanica applicata, del disegno meccanico, delle costruzioni di macchine, delle tecnologie meccaniche e degli impianti meccanici. E' auspicabile inoltre che l'allievo abbia una conoscenza seppur elementare dell'elettrotecnica e dei controlli meccanici, della chimica dei materiali e della metallurgia, della meccanica del continuo (con particolare riferimento al comportamento statico e dinamico delle strutture e dei fluidi), delle problematiche inerenti la sicurezza, l'energia e l'ambiente.
La verifica dell'adeguatezza della preparazione personale del singolo studente è altresì demandata a specifiche procedure descritte in dettaglio nel Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica.

E' prevista inoltre la conoscenza della lingua inglese almeno al livello B2 definito dal Common European Framework of Reference for Languages. Il possesso di tale requisito viene verificato all'atto dell'immatricolazione in base alle procedure descritte nel Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale.

Caratteristiche della prova finale

Il laureando, alla fine del percorso formativo, elabora una tesi di carattere progettuale/metodologico, relativo all'oggetto del tirocinio o ad una delle materie trattate nei corsi di insegnamento, sotto la guida di un relatore. La tesi viene discussa nella prova finale per il conseguimento della Laurea Magistrale.

Note relative alle altre attività

Il range previsto per i crediti a scelta consente, nel rispetto degli obiettivi formativi del corso di Laurea Magistrale, una maggiore flessibilità in caso di trasferimenti da altri corsi di laurea dell'Ateneo o di altri Atenei. La modularità dei corsi adottata nella Facoltà di Ingegneria dell'Università degli Studi di Cassino (9 CFU) consente infatti a studenti trasferiti di inserire in carriera non solo uno, ma al più due insegnamenti a scelta.

Come precisato nelle Conoscenze richieste per l'accesso tra i requisiti di ingresso è prevista la conoscenza della lingua inglese (livello B2 definito dal Common European Framework of Reference for Languages). Il possesso di tale requisito viene verificato all'atto dell'immatricolazione in base alle procedure descritte nel Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica. L'esperienza DM 509 già attuata nel corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica di un corso curriculare di lingua inglese con esame idoneativo è risultata poco efficace e quindi non è stata riproposta nei nuovi Corsi 270. Sono comunque previsti, come in passato, corsi di approfondimento gratuiti per studenti che vogliano migliorare le proprie conoscenze ed abilità linguistiche. Sono inoltre previsti moduli didattici e seminari tecnici in lingua inglese all'interno dei corsi curriculari per approfondire e migliorare l'inglese tecnico.

Il massimo numero di crediti riservati dall'Ateneo alle Attività art.10, comma 5 lett. d è pari 9 per questo corso di laurea Magistrale; pertanto l'intervallo effettivo dei CFU riservato alle altre attività formative è pari a 22-36.

Dati di ingresso, di percorso e di uscita

La presente scheda è stata redatta considerando sia i dati disponibili nella banca dati GOMP, sia il valore degli indicatori disponibili nel monitoraggio annuale SMA (Scheda di Monitoraggio Annuale).

1. NUMEROSITA': Il numero di avvii di carriera al primo anno, pari a 27, rappresenta un dato abbastanza negativo rispetto ai valori (35-40) registrati nei tre anni accademici precedenti. Tale riduzione negli avvii di carriera si riflette, in parte, anche nella riduzione del numero totale di iscritti che passa da 136 a 121.

2. CARRIERA e CONSEGUIMENTO TITOLO
La percentuale dei laureati entro la durata nominale del corso conferma il trend positivo registrato negli anni precedenti; in particolare, nell anno accademico 2018-2019 tale percentuale è del 59.4%, ossia molto più elevata di quella di area geografica (41,8 %) e nazionale (44,5 %).
La percentuale di chi ha conseguito almeno 40 CFU al I anno si è quasi dimezzata nell'anno accademico 2017/2018 (18,9 %) rispetto all'anno precedente (34,3 %), evidenziando, quindi, una criticità. Analogamente, anche la percentuale di chi ha conseguito almeno 20 CFU al I anno è diminuita passando dall' 85,7 % al 67,6 %.

Efficacia Esterna

La presente scheda è stata redatta considerando sia i dati disponibili Alma Laurea, sia il valore degli indicatori disponibili nel monitoraggio annuale SMA (Scheda di Monitoraggio Annuale).

Dopo tre anni dalla laurea lavorano l'88% dei laureati; a cinque anni dalla laurea il 100%. I valori degli indicatori ANVUR riportati nella scheda SMA rilevano invece un valore pari al 100% a tre anni dalla laurea.
Coloro che lavorano ad 1 anno nel 100% dei casi lavorano presso aziende private. Il 68% lavora nelle industrie, il 38% nel settore dei servizi.
Il 54% lavorano nel centro Italia. https://www2.almalaurea.it/cgi-php/universita/statistiche/framescheda.php?anno=2018&corstipo=LS&ateneo=70007&facolta=tutti&gruppo=tutti&pa=70007&classe=11036&postcorso=0600107303400001&isstella=0&annolau=tutti&disaggregazione=&LANG=it&CONFIG=occupazione

Orientamento in ingresso

L'attività di orientamento in ingresso viene erogata in sinergia dal C.U.Ori, (Centro Universitario per l'Orientamento) e dalle strutture competenti sulla didattica (Dipartimenti e Corsi di Studio). Gli strumenti per l'orientamento a disposizione degli studenti sono i seguenti.

1) Incontri di orientamento, Open days di Ateneo, di Area, di Corsi di Studio
Organizzazione di incontri presso le sedi dell'Ateneo (Cassino e Frosinone) finalizzati a fornire agli studenti le informazioni generali sull'Ateneo e quelle particolari sull'offerta formativa dei Corsi di Studio. Tali incontri si strutturano anche attraverso lo strumento delle mini-lezioni, per rendere la comunicazione più efficace con gli studenti delle scuole.
A tali incontri in situ, si sono affiancati anche incontri e riunioni operative nelle scuole, in particolare con i dirigenti scolastici, i docenti referenti per l'orientamento e il corpo docente coinvolto a vario titolo in questa mission.
L'attività si svolge tipicamente dal mese di gennaio al mese di maggio presso le diverse aree. In particolare, nel mese di marzo viene organizzato l'open-day di ateneo "UnicasOrienta", presso il Campus Folcara a Cassino.
Il C.U.Ori, su richiesta delle Scuole, partecipa anche a open day organizzati presso gli istituti scolastici per presentare l'offerta didattica dell'Ateneo, i servizi disponibili, le facilities delle diverse are didattiche. La proposta della nostra offerta formativa in questo ambito ha tenuto e tiene conto dei bisogni formativi e informativi degli studenti, previa compilazione da parte degli istituti di un format specifico propedeutico al nostro incontro. Obiettivo principale delle iniziative realizzate è stato quello di fornire agli studenti gli strumenti necessari per una scelta informata e consapevole del percorso di studi universitario più adatto alle loro abilità, attitudini e vocazioni, riconosciute e sviluppate attraverso la partecipazione attiva a progetti, iniziative e contest, definiti in coordinamento con i Docenti delle Scuole che hanno aderito alle varie proposte.

2) Convenzioni e progetti con le scuole
Nell'ambito degli accordi quadro con l'Ufficio Scolastico Regionale e Provinciale, sono attivate convenzioni ed accordi con le scuole del territorio per realizzare progetti di orientamento e formazione che si sviluppino nel corso dell'intero anno scolastico anche nell'ambito dell'Alternanza Scuola-Lavoro. Le azioni previste in tali progetti vanno dagli incontri di presentazione e training sul test per l'ingresso, ai cicli di seminari per studenti e/o docenti dell'Istituto tenuti da docenti dell'Ateneo, fino alla realizzazione di ricerche, prototipi, materiale didattico in collaborazione tra Università e Scuola. L'azione di collaborazione delle scuole si esplicita anche nella partnership di supporto in progetti presentati in ambiti competitivi di finanziamento Ministeriale.

3) Produzione di materiale per l'orientamento e realizzazione di siti per il web-orientamento
Informazioni utili all'orientamento sono reperibili sulla guida all'orientamento di Ateneo, disponibile in formato cartaceo presso le segreterie e in formato elettronico sul portale del Centro (www.cuori.unicas.it).
Per avviare l'attività di web-orientamento è stata costruita una sezione ad-hoc sul portale del Centro (www.cuori.unicas.it) che contiene informazioni sui test di ingresso, video di ragazzi testimonial, laureati presso l'Ateneo e link utili a strumenti di autovalutazione. In collaborazione con AlmaLaurea, è stato modificato l'applicativo "AlmaOrientati" per offrire gratuitamente un test personalizzato, e scientificamente robusto, a tutti gli studenti della scuola superiore.

http://www.unicas.it/didattica/orientamento.aspx

Orientamento e tutorato in itinere

Sportelli di Orientamento e Tutorato (servizio SOT).

Grazie al fondo giovani del MIUR, viene attivato ogni anno un sistema di Sportelli di Orientamento e Tutorato presso tutte le sedi di Ateneo. Gli sportelli sono gestiti da studenti di Laurea Magistrale, ai quali viene erogata una borsa ad hoc per tale attività, con il coordinamento e la supervisione del personale del Centro per l'Orientamento, la collaborazione delle segreterie didattiche e del Centro per i Rapporti Internazionali. Gli sportelli offrono servizi di orientamento alle matricole e di tutorato per gli studenti già iscritti.
Dunque, lo "Sportello Tutorato" è da intendersi come un vero e proprio sportello di "prima informazione" e di "servizio", in cui tutti gli studenti possono interloquire direttamente con un loro collega, iscritto alla Laurea Magistrale, con una maggiore esperienza del funzionamento della facoltà.
Attraverso lo sportello, gli studenti possono avere informazioni sui dipartimenti, sui servizi offerti agli studenti (biblioteca, mensa, parcheggio, Borse di studio, tirocini), sul sistema didattico basato sui Crediti Formativi Universitari, sui Manifesti dei vari Corsi di Laurea, sul Calendario Accademico,sugli orari, ecc.
I servizi tipicamente erogati dallo Sportello Tutorato sono i seguenti:
- iscrizioni al test di ingresso;
- immatricolazione al primo anno;
- informazioni relative a procedure amministrative
- raccolta dispense e tracce degli esami;
- erogazione di modulistica varia;
- raccolta di segnalazioni.
Il contatto che nasce tra i tutor e gli studenti attraverso la fornitura dei suddetti servizi permette poi ai tutor di svolgere vere e proprie azioni di counseling a sostegno degli studenti in difficoltà o durante le fasi di scelta in itinere.
L'attività dello sportello è quindi da inquadrare nel quadro più ampio delle azioni di orientamento messe in atto dall'Ateneo e dall'Area Ingegneria per seguire durante tutte le fasi (ingresso, itinere, post-laurea). Infatti lo sportello e i tutor sono coinvolti direttamente anche nelle seguenti attività di orientamento in ingresso ed in uscita:
Unicas Orienta;
OpenDays;
Test di Ingresso settembre.

Gli obiettivi principali delle attività di tutorato ed orientamento in itinere messe in atto sono:
-assistere gli studenti nelle fasi di iscrizione al test e immatricolazione;
-informare gli studenti su borse di studio, tasse,ecc ;
-assistere gli studenti lungo l'intero corso di studi orientandoli nelle scelte durante del corso di studi e nel passaggio dalla laurea alla laurea magistrale.
Il principale strumento di tutorato ed orientamento in itinere è uno Sportello specificatamente istituito per tutti i CdS di Area Ingegneria.
Lo "Sportello Tutorato" è nato per sopperire alla mancanza di informazioni che servono ad uno studente per "vivere" i dipartimenti ed utilizzarne appieno i servizi. Normalmente, tali informazioni vengono fornite da studenti con maggior esperienza, e difficilmente vengono chieste ai docenti, spesso visti come figure troppo lontane.

http://www.unicas.it/siti/centri-di-servizio-di-ateneo/cuori-centro-universitario-per-orientamento/sportelli-di-orientamento-e-tutorato.aspx

Assistenza per lo svolgimento di periodi di formazione all'esterno (tirocini e stage)

L'Area didattica di Ingegneria prevede per i propri studenti e laureati numerose opportunità di tirocinio, che oltre a rappresentare una proficua possibilità per la formazione dello studente attraverso il conferimento dei crediti necessari al conseguimento della laurea, sono anche rivolti alla qualificazione professionale dello studente già laureato. I tirocini formativi e di orientamento sono regolati dal D.M. 25 marzo 1998 n. 142 che chiarisce ambiti e modalità applicative dell'art. 18 della legge 196 del 24 giugno 1997.
Sono previsti:
TIROCINIO CURRICULARE
rivolto agli studenti di laurea e laurea magistrale
TIROCINIO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO
rivolto agli studenti laureati da non più di 18 mesi
TESI IN AZIENDA
rivolto agli studenti del vecchio ordinamento e agli studenti di laurea e laurea magistrale

Nel Manifesto degli Studi del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica sono previsti 3 CFU dedicati al tirocinio curriculare e 12 CFU dedicati alla preparazione della tesi. Il tirocinio (con l'eventuale prosecuzione nelle attività di tesi, che possono essere svolte in collaborazione con l'azienda coinvolta nel tirocinio) è un periodo di formazione in azienda che offre allo studente l'occasione per un primo approccio con il mondo del lavoro in vista di future scelte occupazionali. Inoltre, l'attività di tirocinio permette allo studente di acquisire, secondo il proprio piano delle attività formative (PAF), i crediti formativi universitari (CFU) grazie ai quali raggiungere il titolo di studio ed una professionalità "aziendale" da poter spendere opportunamente sul mercato del lavoro.
Infine, a partire da quest'anno, viene pubblicato un bando di concorso per consentire agli studenti più brillanti provenienti dal corso di Laurea in Ingegneria industriale di svolgere un'attività progettuale di eccellenza (18 CFU) presso un'azienda di elevato profilo, presso un ente di ricerca non universitario oppure all'estero.

Per fornire il necessario supporto agli studenti impegnati in attività all'esterno, la Commissione Didattica (in particolare il suoo referente per il Job Placement) si coordina con il Delegato Rettorale al Job Placement e con la struttura di Ateneo deputata al rapporto con le imprese (Ufficio Job Placement e creazione di impresa).
In particolare, la struttura di Ateneo si occupa dell'attivazione e gestione delle convenzione per i tirocini e la loro pubblicizzazione attraverso il portale di Ateneo. La Commissione Didattica, coordinandosi con la Segreteria Didattica di Area Ingegneria, gestisce lo svolgimento delle attività di tirocinio a partire dalla fase di valutazione del progetto formativo, fino alla fase finale di valutazione ex-post, effettuata tramite questionari somministrati al tirocinante, al tutor universitario e al tutor aziendale.
La Commissione Didattica, inoltre, pubblicizza presso gli studenti le opportunità di tirocini offerte da aziende del settore metalmeccanico tramite segnalazioni con la mailing list degli studenti e la pagina FB di Ingegneria Industriale. http://www.unicas.it/job-placement-e-trasferimento-tecnologico/ufficio-job-placement-e-creazione-dimpresa/tirocini-curriculari.aspx

Assistenza e accordi per la mobilità internazionale degli studenti

"Assistenza e accordi per la mobilità internazionale degli studenti"

Gli studenti iscritti al Corso di Studi usufruiscono dei servizi del Centro Rapporti Internazionali erogati a favore di tutti gli studenti dell Ateneo. Tramite il Centro, gli studenti hanno in particolare la possibilità di svolgere un periodo di studio presso atenei partner. Gli studenti interessati presentano domanda in risposta a un bando di Ateneo, pubblicato con cadenza annuale, tipicamente all inizio del secondo semestre di studi di ogni anno a valere per l anno accademico successivo.

Con modalità analoga, gli studenti hanno la possibilità di svolgere un periodo di tirocinio presso imprese pubbliche e private con sede all estero. Tirocinio che può essere svolto anche nei 12 mesi successivi al conseguimento del titolo di studio finale. Gli studenti interessati presentano domanda in risposta a un bando di Ateneo, pubblicato con cadenza semestrale.

Un contributo finanziario viene assegnato agli studenti in mobilità vincitori di borsa di studio, a valere su fondi Erasmus+ e su fondi destinati all Ateneo con questo scopo specifico dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.

Per tutte queste attività, l assistenza amministrativa e, per quanto di sua competenza, quella organizzativa vengono garantite dal Centro Rapporti Internazionali dell Ateneo.

Gli accordi per la mobilità internazionale che permettono agli studenti di sostenere esperienze presso atenei esteri sono di norma stipulati a livello di Dipartimento, se non di Ateneo. L elenco aggiornato degli accordi è disponibile sul sito internet di Ateneo, nelle pagine dedicate all internazionalizzazione al link:
http://www.unicas.it/internazionalizzazione/opportunità-allestero/accordi-internazionali.aspx

A questi si aggiungono gli accordi per mobilità Erasmus di cui l elenco aggiornato è disponibile nell allegato al bando annuale:
http://www.unicas.it/internazionalizzazione/opportunità-allestero/bandi-per-la-mobilità-(1).aspx

Gli studenti che desiderano trascorrere un periodo di studio presso un ateneo statunitense con sede a New York hanno infine la possibilità di concorrere per un posto alloggio gratuito presso la residenza universitaria "College Italia", di cui l Università di Cassino e del Lazio Meridionale è comproprietario nell ambito del consorzio internazionale H2CU. Un apposito bando viene pubblicato tre volte all anno, sempre a cura del Centro Rapporti Internazionali che ne segue gli aspetti amministrativi e organizzativi, in accordo con il consorzio H2CU.

Più in generale, il Centro per i Rapporti Internazionali fornisce supporto amministrativo e gestionale a tutti i programmi di mobilità. In particolare pianifica e supervisiona il calendario dei bandi di mobilità, fornisce informazioni sulle opportunità di mobilità internazionale (anche tramite le pagine del sito web di Ateneo dedicate all internazionalizzazione unicas.it/internazionalizzazione), gestisce le procedure amministrative relative agli studenti in mobilità, assicura la visibilità e la trasparenza delle procedure e dei risultati.

A livello di Dipartimento, un docente delegato ai Rapporti Internazionali coordina le attività internazionali degli studenti dei corsi afferenti al dipartimento stesso e ottimizza i modelli di mobilità in relazione agli obiettivi formativi dei corsi di studio e alle esigenze linguistiche degli studenti. Il docente delegato si avvale poi della collaborazione dei docenti del dipartimento referenti per ciascun partner internazionale di pertinenza della struttura. I docenti referenti forniscono informazioni e supporto in materia di piano delle attività formative agli studenti in mobilità destinati alle sedi di cui essi hanno la responsabilità.

Per facilitare il processo di riconoscimento dei CFU acquisiti all estero, a partire dall anno accademico 2017-2018, i Learning Agreement vengono firmati dal coordinatore del CdS di afferenza dello studente, e non più dal delegato ai Rapporti Internazionali del Dipartimento.
http://www.unicas.it/internazionalizzazione.aspx

Accompagnamento al lavoro

Gli obiettivi dell'attività di placement dei laureati sono:
favorire la realizzazione personale e professionale dei laureati;
contribuire a facilitare l'incontro tra domanda e offerta di laureati/competenze;
contribuire a soddisfare i fabbisogni di capitale umano del sistema produttivo.
Le attività di placement sono pianificate e gestite secondo una logica di filiera basata sull'idea che orientamento in entrata, in itinere e in uscita debbano essere parte di una strategia coerente di Ateneo. Un momento centrale di attuazione di questa filosofia è il Career Day, organizzato in collaborazione con Centro Universitario per l'Orientamento (CUORI) allo scopo di orientare le scelte formative anche in funzione degli sbocchi occupazionali disponibili.
La maggior parte delle iniziative vengono gestite centralmente dall'Ufficio Job Placement in collaborazione con alcuni partner istituzionali. Al fine di garantire un'adeguata flessibilità, iniziative riguardanti ambiti professionali specifici sono organizzate e gestite direttamente dai dipartimenti o dai corsi di laurea.
Le attività di placement si caratterizzano per l'impegno particolare profuso nel sostenere l'imprenditorialità dei laureati, vista sia come strumento per promuovere l'occupabilità sia come meccanismo di valorizzazione della conoscenza generata attraverso la didattica e la ricerca.
Lo spettro dei servizi erogati all'utenza universitaria in collaborazione con partner interni ed esterni (figure 1 e 2), necessariamente più articolato in funzione delle varie tipologie di utenza, è di seguito elencato:

attivazione e gestione delle convenzione per i tirocini (figura 3)
gestione dei tirocini post laurea (figura 4)
gestione delle attività informativa sulle offerte di lavoro e di stage tramite l'invio di email a target specifici
identificazione di percorsi per l'inserimento lavorativo e il sostegno all'occupabilità dei laureati
informazioni guidata circa le opportunità di inserimento lavorativo e formative
supporto alla stesura del Curriculum Vitae
approfondimento della conoscenza del mercato del lavoro di riferimento
approfondimento delle tecniche di ricerca del lavoro
definizione di un piano di azione per la ricerca del lavoro
supporto alla realizzazione del progetto professionale
organizzazione di corsi di educazione imprenditoriale rivolti a studenti, laureandi e laureati di tutte le discipline (corso Four Steps to Entrepreneurship)
accompagnamento alla creazione d'impresa
organizzazione eventi (Career Day, seminari, incontri informativi) finalizzati all'incontro D e O
implementazione e gestione di piattaforma telematiche volte a favorire l'incontro di D e O (AlmaLaurea, Porta Futuro)
attività di monitoraggio dell'inserimento occupazionale dei laureati basata sulle indagini AlmaLaurea

Tra le azioni principali portate avanti dall'Ufficio di recente vanno ricordate:
L'organizzazione di incontri sulla redazione del CV e sul colloquio di lavoro in collaborazione con LazioDisco e l'associazione ex alunni (Alaclam)
L'organizzazione del Career Day che ha riscontrato grande interesse tra gli interlocutori aziendali non solo di prossimità territoriale.
L'implementazione della piattaforma AlmaLaurea per la gestione del placement che, nel rispetto della vigente normativa in materia di intermediazione, assicura un'articolata ed efficace circolazione delle informazioni.
L'organizzazione della seconda edizione del corso di educazione imprenditoriale.
L'adesione all'edizione 2018 della Start up Cup competition.
Il monitoraggio, ad uso dei corsi di laurea, del Nucleo di Valutazione e del Presidio della Qualità, dell'inserimento occupazionale dei laureati basato sull'ultima indagini AlmaLaurea disponibile.
Attività di promozione dell'apprendistato di alta formazione/ricerca in collaborazione con Anpal servizi.
La partecipazione alle borse finalizzate all'incontro con le imprese interessate al reclutamento
http://www.unicas.it/job-placement-e-trasferimento-tecnologico.aspx

Eventuali altre iniziative

Oltre ai servizi altrove descritti, il corso di studi organizza altre tipologie di iniziative volte a sostenere gli studenti nel loro avanzamento negli studi e nella conoscenza delle reali esigenze aziendali in termini di acquisizione di competenze e analisi dei profili professionali.
Tali iniziative sono basate su un proficuo rapporto di interazione con gli interlocutori aziendali particolarmente ampio e significativo e mirano a garantire un'ampia permeabilità con l'assetto produttivo tramite due strumenti principali:
- visite tecniche guidate presso stabilimenti aziendali, con cui le classi di studenti possono valutare direttamente sul campo le soluzioni ideate dall'azienda relativamente ai problemi di progettazione, produzione, verifica della qualità;
- seminari tecnici tenuti (eventualmente all'interno di corsi appartenenti al manifesto del corso di studi) da personale aziendale che mirano a completare l'analisi di argomenti e problematiche trattati durante l'erogazione di un corso illustrando come questi sono considerati e gestiti in ambito produttivo.
Visto il successo riscosso nel corso di laurea in Ingegneria Industriale, si è iniziata la videoregistrazione e la pubblicazione nei portali iTunesU e YouTube dei corsi del primo anno della Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica. Sono disponibili al momento oltre il 50% dei corsi del primo anno (https://www.youtube.com/c/UnicasIngegneriavideo). Nel 2017 il canale YouTube di Ingegneria è risultato essere il primo in Italia (ricerca Google. Parole chiave "Youtube Ingegneria" oppure "video Ingegneria").

Al fine di implementare la comunicazione docente/studenti e di migliorare la distribuzione del materiale didattico, è stata estesamente adottata la piattaforma Google Classroom (quasi tutti i corsi), secondo la seguente procedura:
- tutti gli studenti sono stati dotati di un account G Suite del tipo nomeutentegomp@studentmail.unicas.it
- gli account mail dei docenti sono stati fatti migrare nei server Google, dotando tutti i docenti della G Suite Educational
Quasi tutti i corsi sono stati attivati in Google Classroom.
I codici di accesso sono disponibili nella pagina FB di ingegneria Industriale e nella pagina dedicata del sito unicas, oltre ovviamente ad essere comunicati dal docente all'inizio del corso.

Al fine di incentivare la qualità della didattica e di valorizzare le attività di docenza, viene istituito il "Premio alla Didattica 2018 - Corsi di Studio in Ingegneria Industriale". Fra i ricercatori ed i professori associati che hanno un corso nel corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica e nel corso di Laurea Magistrale in ingegneria Gestionale, vengono selezionati 2 vincitori (un ricercatore ed un professore associato) considerando i seguenti parametri:
- valutazione degli studenti 2016/17.
- didattica "tradizionale" (ad esempio, libri pubblicati).
- didattica "innovativa" (ad esempio, videoregistrazione lezioni, utilizzo Classroom, utilizzo piattaforma Moodle etc).
- completezza delle informazioni pubblicate in GOMP (sia relativamente al docente che ai corsi).

Infine, sono state attivate numerose collaborazioni con le scuole secondarie superiori del territorio nell'ambito dell'Alternanza Scuola Lavoro. Fra i vari progetti attivati, quello sicuramente più importante dal punto di vista del numero di studenti coinvolti è quello dedicato alla pubblicazione di sottotitoli per le videoregistrazioni disponibili nel canale YouTube di Ingegneria.

Opinioni studenti

I risultati dei questionari relativi all'a.a 2018-19 confermano la soddisfazione degli studenti per tutti gli aspetti considerati nei questionari (insegnamenti, strutture e docenti).
L'attivazione del canale YouTube, che ha ha superato quest'anno i 10.000 followers, e l'adozione della piattaforma Google Classroom, per l'interazione docente/studenti e per la condivisione del materiale didattico, hanno riscosso un notevole apprezzamento.
Ulteriori dettagli relativi all'efficacia del processo formativo percepita dagli studenti sono descritti nella SMA (Scheda di Monitoraggio Annuale). https://www.unicas.it/didattica/valutazione-della-didattica/valutazione-della-didattica-aa-20182019/dipartimento-di-ingegneria-civile-e-meccanica/ingegneria-meccanica-lm-33-(2-anni).aspx

Struttura organizzativa e responsabilità a livello di Ateneo

Nel file PDF disponibile al link sottostante sono descritti:
- Strutture gestionali ed organizzative dell'Ateneo
- Strutture dell'Ateneo per la Valutazione e l'Assicurazione della Qualità
- Processi connessi alla conduzione del Corso di Studi e relative strutture responsabili
- Strutture preposte alle diverse funzioni connesse alla conduzione del Corso di Studi e loro composizione
- Funzioni particolari connesse alla conduzione del Corso di Studi e relative deleghe

Organizzazione e responsabilità della AQ a livello del Corso di Studio

Gli organi coinvolti nel processo di Assicurazione di Qualità (AQ) del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica sono:
- il Gruppo AQ;
- il Gruppo di Riesame.
Tali Gruppi interagiscono, attraverso i rispettivi responsabili, con:
- la Commissione Didattica dei Corsi di Studio di Ingegneria Industriale;
- la Commissione Paritetica docenti/studenti del Dipartimento DiCeM;
- il Presidio della Qualità di Ateneo.

GRUPPO AQ
Il Gruppo AQ si riunisce con cadenza tipica trimestrale ed ha come obiettivi:
- la verifica del corretto svolgimento delle attività previste nonché il perseguimento degli obiettivi fissati dal Corso di Studi per la formazione;
- il monitoraggio delle opinioni degli studenti e dei docenti, attraverso l'analisi dell'elaborazione dei questionari;
- la definizione e attuazione dei processi di AQ;

Tale gruppo è composto da:
- Prof. Gianpaolo Di Bona (Docente del CdS e Responsabile QA CdS)
- Prof. Luca Stabile (Docente del Cds)
- Prof. ssa Anna Rita Di Fazio (Docente del Cds)
- Dr.ssa Maria Pietroluongo (Tecnico Amministrativo e manager della didattica)
- Sig. Stefano Palma (Studente)

GRUPPO DI RIESAME
Il Gruppo di Riesame è costituito dagli stessi membri del Gruppo AQ, ai quali si aggiungono il Presidente del Corso di Studio (prof. Domenico Falcone).
Il Gruppo di riesame si riunisce con cadenza tipica bisettimanale nel periodo novembre-fine gennaio per la stesura dei rapporti di riesame annuale e ciclico, a partire dall'attività di monitoraggio condotta dal Gruppo AQ e dalla Commissione Paritetica.

COMMISSIONE PARITETICA
La Commissione Paritetica Docenti-Studenti è costituita da 6 docenti e 6 studenti del Dipartimento DiCeM e si riunisce con cadenza tipica bisettimanale nel periodo novembre-dicembre.
Con riferimento a tutti i Corsi di Studio afferenti a tale Dipartimento,tale Commissione svolge funzioni di monitoraggio e di individuazione di indicatori per la valutazione dell'offerta formativa, della qualità della didattica e dell'attività di servizio agli studenti. L'attività di tale Commissione è raccolta in una relazione annuale sottoposta all'approvazione del Consiglio di Dipartimento, strutturata in sezioni coerenti con le indicazioni dei documenti AVA dell'Anvur.

I Rapporti di Riesame sono disponibili al link indicato di seguito.
http://www.unicas.it/siti/dipartimenti/dicem/didattica/valutazione-e-dati-statistici/rapporti-di-riesame.aspx

Opinioni dei laureati

Con riferimento ai dati Alma Laurea:

La soddisfazione dei laureati nel corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica LM33 rimane elevato (circa il 97%). Il 100% dei laureati è soddisfatto del rapporto con il docente.
Hanno portato a termine il corso di laurea il 100% degli studenti, con un tempo medio di conseguimento del titolo pari a 3,1 anni. Il ritardo alla laurea è pari a 0,9.
Ulteriori valutazioni sono riportate all'interno della SMA (Scheda di Monitoraggio Annuale). http://www.unicas.it/didattica/valutazione-della-didattica/valutazione-della-didattica-aa-20172018/dipartimento-di-ingegneria-civile-e-meccanica/ingegneria-meccanica-lm-33-(2-anni).aspx

Opinioni enti e imprese con accordi di stage / tirocinio curriculare o extra-curriculare

E' stata attivata una procedura (descritta nel link dedicato ai tirocini curriculari) con cui rilevare le opinioni delle aziende con cui vengono attivati tirocini curriculari. Al momento non sono ancora disponibili i primi risultati. https://www.unicas.it/job-placement-e-trasferimento-tecnologico/ufficio-job-placement-e-creazione-dimpresa/tirocini-curriculari.aspx

Programmazione dei lavori e scadenze di attuazione delle iniziative

La Commissione per la Didattica dei Corsi di Studio dell'Ingegneria Industriale si riunisce con cadenza almeno mensile.
La preparazione delle riunioni segue solitamente la seguente procedura. Il Coordinatore, sentite le disponibilità dei membri della Commissione, convoca la riunione trasmettendo l'OdG ed il luogo. Nei giorni antecedenti alla riunione i responsabili della compilazione dei Piani Formativi contattano le segreterie per raccogliere la documentazione e, in collaborazione con il Coordinatore, iniziano il processo di elaborazione, eventualmente convocando gli studenti nel caso di piani formativi che presentino delle non conformità. Durante la riunione della Commissione, le varie pratiche vengono analizzate collegialmente ed eventualmente approvate, per essere quindi trasmesse alle Segreterie Didattiche ed alla Segreteria di Dipartimento.
In alcuni casi la Commissione Didattica si riunisce in composizione allargata, estendendo la convocazione a tutti i docenti titolari di un carico didattico all'interno dei Corsi di Studio gestiti dalla Commissione (ad esempio, in occasione dell'approvazione del Rapporto di Riesame, dell'approvazione dei Manifesti etc). In questi casi, il Coordinatore provvede ad inviare la convocazione a tutti i docenti titolari di un carico didattico all'interno dei Corsi di Studio gestiti dalla Commissione, allegando alla medesima tutta la documentazione che verrà discussa durante la riunione della Commissione nella composizione allargata.
Alcune attività sono delegate a componenti della Commissione oppure a colleghi aventi il carico didattico all'interno dei corsi coordinati dalla Commissione. Fra queste attività possiamo ricordare l'assistenza alla compilazione dei PAF, la gestione dei trasferimenti e dei passaggi di corso, il tutorato in itinere, l'orientamento in ingresso, la predisposizione degli orari, la gestione del sito web, l'internazionalizzazione, l'orientamento in uscita e la gestione dei tirocini. I colleghi delegati coadiuvano il Coordinatore nell'assistenza diretta degli studenti per le attività di competenza e nell'istruzione delle pratiche che vanno sottoposte all'analisi ed alla valutazione collegiale della Commissione.
Le scadenze che vanno considerate nella gestione del Corso di Studio sono:
30/11: Programmazione eventi orientamento
30/11: Redazione della Scheda di Monitoraggio Annuale
31/12: Inserimento Banca Dati SUA-CDS Scheda di Monitoraggio Annuale
07/06: Redazione della prima parte della Scheda Unica Annuale per i Corsi di Studio
30/09: Completamento della redazione della Scheda Unica Annuale per i Corsi di Studio

Riesame annuale

La modalità di svolgimento del lavoro ha previsto, da parte del coordinatore del gruppo, una pianificazione di una serie di incontri che prendessero in considerazione la sequenzialità della costruzione del rapporto di riesame. Pertanto, ciascuna riunione è stata strutturata nel seguente modo:
- preparazione da parte del coordinatore di una bozza dei contenuti da porre in discussione (da fornire prima ai partecipanti);
- brainstorming, per identificare le criticità e le soluzioni da proporre;
- sintesi degli argomenti proposti per l'inserimento nel documento di riesame;
- pianificazione della riunione successiva indicando le modalità e gli obiettivi da conseguire;
- stesura del report finale.

Il Gruppo di Riesame si è riunito, per la discussione degli argomenti riportati nei quadri delle sezioni di questo Rapporto di Riesame, operando come segue:

20 settembre
1. Discussione Preliminare sui contenuti e l'articolazione della scheda di monitoraggio;
2. Definizione della modalità di analisi dei dati e chiarimenti nella lettura degli stessi;
3. Definizione della modalità di validazione dei dati;

05 ottobre
1. Analisi dei dati presenti nel cruscotto SUA ed interpretazione degli stessi;
2. Analisi dei commenti per i vari indicatori;

11 ottobre
1. Approvazione delle Schede di Monitoraggio annuali

17 ottobre
Riunione per pianificare le attività legate alla predisposizione della scheda di monitoraggio annuale e della relazione della commissione paritetica per tutti i corsi di studio dell'Ateneo.

Il Corso di Studio in breve

Il Corso si propone di formare un ingegnere meccanico con una preparazione fortemente caratterizzata nella progettazione meccanica e nella gestione dell'energia e dell'ambiente. Il percorso formativo si avvarrà di appositi curricula per poter approfondire specifiche tematiche e consentirà al laureato magistrale di perfezionare la sua formazione post-lauream (dottorato, master).
Il laureato magistrale in ingegneria meccanica è in grado di operare nella progettazione meccanica, nella pianificazione, controllo e automazione del processo produttivo, nella gestione di problematiche ambientali e di quelle relative all'uso dell'energia, in ambito tecnico-commerciale, nella manutenzione di impianti e macchine, nelle attività di laboratori di misura e certificazione, nel settore dell'assistenza clienti per prodotti e servizi.
I settori tipici di attività sono la configurazione e la programmazione di sistemi ad alto contenuto di automazione, la pianificazione ed il controllo di processi e sistemi di produzione, la gestione del ciclo di vita dei materiali, la progettazione e gestione di apparecchiature ed impianti che utilizzano l'energia in tutte le sue forme.
Gli ambiti professionali tipici per i laureati magistrali in Ingegneria Meccanica sono quelli dell'innovazione e dello sviluppo della produzione meccanica, della progettazione meccanica avanzata, della pianificazione e della programmazione industriale, della gestione di sistemi complessi, sia nella libera professione sia nelle imprese manifatturiere o di servizi sia nelle amministrazioni pubbliche.
Gli obiettivi formativi specifici del percorso di studio sono focalizzati, nel rispetto delle norme vigenti, della sicurezza e dell'ambiente, sullo sviluppo e l'applicazione di strumenti avanzati e di modelli per:
- la progettazione e la gestione di componenti e sistemi energetici;
- la progettazione e la verifica di componenti, processi e sistemi meccanici.
I laureati magistrali potranno trovare occupazione presso industrie meccaniche ed elettromeccaniche, aziende ed enti per la produzione e la conversione dell'energia, imprese impiantistiche, industrie per l'automazione e la robotica imprese manifatturiere in generale per la produzione, l'installazione ed il collaudo, la manutenzione e la gestione di macchine, linee e reparti di produzione, sistemi meccanici complessi.
il corso di studi ha attivato da alcuni anni una serie di iniziative atte a migliorare il supporto didattico agli studenti e l'interazione CCS/studenti:
- sono in corso di videoregistrazione i corsi del primo anno; attualmente circa il 50% dei corsi del primo anno sono fruibili gratuitamente nei canali iTunesU dell'Ateneo e YouTube dell'Area didattica di ingegneria;
- sono state attivate una pagina Facebook ed un indirizzo Twitter per migliorare la comunicazione con gli studenti.
- quasi tutti i corsi sono disponibili attraverso Google Classroom, una piattaforma dedicata alla comunicazione docente/studenti ed alla condivisione di materiale didattico
http://www.unicas.it/ingegneria-meccanica

Relazione Nucleo di Valutazione per accreditamento

E' la trasformazione dell'omonimo corso di laurea specialistica e se ne propone l'attivazione nell'a.a. 2008/2009. I criteri seguiti nella trasformazione del corso sono descritti esaurientemente. E' previsto il mantenimento di interventi didattici mirati a studenti part-time e a studenti in ritardo sui tempi del percorso formativo a tempo pieno. I numeri di studenti immatricolati nello scorso triennio mostrano che la proposta è sostenuta da un'adeguata domanda studentesca. Il Nucleo ritiene la progettazione corretta e compatibile con le risorse di docenza e di strutture a essa destinabili.

Modalità di svolgimento della prova finale

La prova finale per il conseguimento del titolo di studio consiste nella discussione di un elaborato scritto. Tale elaborato deve vertere su contenuti propri di almeno una delle attività formative incluse nell'ordinamento didattico del corso di laurea, è predisposto dallo studente sotto la guida di un relatore e riguarda le seguenti attività:
- attività sperimentali e/o di simulazione numerica;
- attività di progettazione;
- tirocinio;
- ricerca bibliografica.
La richiesta di assegnazione dell'argomento oggetto della prova di verifica finale deve essere inoltrata dallo studente alla Commissione per la didattica del corso di laurea non prima di avere acquisito 60 crediti formativi.
L'elaborato può essere anche redatto in lingua inglese ed, in tal caso, dovrà contenere un sommario redatto in lingua italiana.
La commissione giudicatrice è nominata dal Direttore del Dipartimento, che ne designa anche il Presidente tra i docenti di ruolo dell'Ateneo afferenti al Corso di Studio.
La commissione perviene alla valutazione conclusiva, tenendo conto, oltre che della qualità del lavoro presentato alla discussione e della sua esposizione, anche dell'intera carriera dello studente all'interno del corso di studio, dei tempi e delle modalità di acquisizione dei crediti formativi universitari, delle valutazioni del profitto relative alle attività formative precedenti.
La Commissione determina un voto per l'esame finale che viene sommato alla media delle valutazioni di profitto, fornita dalla segreteria didattica in 110mi ed arrotondata al numero intero più vicino.
La procedura che la Commissione segue per determinare il voto per l'esame finale è la seguente.
a) Innanzitutto, su proposta del Presidente, la Commissione assegna da 0 a 2 punti sulla base dell'intera carriera dello studente, tenendo in conti i tempi di conseguimento del titolo a partire dalla prima immatricolazione (anche in altri atenei) e le modalità di acquisizione dei CFU, con attenzione particolare all'eventuale svolgimento di tirocini ed alla partecipazione ai programmi di mobilità internazionale.
b) Quindi, su proposta motivata del relatore, la Commissione assegna da 0 a 5 punti sulla base della qualità del lavoro svolto ed del grado di autonomia mostrato dallo studente.
c) Infine, la Commissione assegna da 0 a 2 punti sulla base della qualità dell'esposizione e della discussione .
La media delle valutazioni del profitto è quella pesata sulla base dei crediti delle singole valutazioni di profitto, relative alle attività precedenti alla prova finale. Eventuali attività formative prive di valutazione non concorrono al calcolo della media.
La commissione prende in considerazione la possibilità di assegnare la lode nel caso in cui la somma della media ponderata (su base 110) e del voto di tesi sia almeno pari a 112.

Consultazione con le organizzazioni rappresentative - a livello nazionale e internazionale - della produzione di beni e servizi, delle professioni (Consultazioni successive)

Le consultazioni con le parti interessate sono svolte annualmente. L'ultima consultazione è stata convocata dal Coordinatore d'Area di Ingegneria in data 13.03.2019 presso la sede dell'Università di Cassino in località Folcara.
La discussione si è focalizzata su soft skills e competenze trasversali.
In allegato il verbale relativo all'ultima consultazione e l'elenco delle aziende consultate e presenti all'incontro.

Modalità di ammissione

L'immatricolazione al corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica è subordinata alla verifica del possesso di requisiti curriculari e dell'adeguatezza della personale preparazione.
Il possesso dei requisiti curriculari si ritiene automaticamente verificato con il possesso di un titolo di primo livello appartenente alla classe delle Lauree in Ingegneria Industriale. In alternativa, lo studente deve avere acquisito prima dell'iscrizione un numero minimo di CFU nei settori-scientifico disciplinari di base della laurea triennale di continuità e caratterizzanti della laurea magistrale pari rispettivamente a 36 e 45.
L'adeguatezza della personale preparazione si ritiene automaticamente verificata nel caso di titolo di primo livello conseguito in un numero di anni pari al numero di anni previsti dalla sua tipologia di impegno (tempo pieno, non a tempo pieno).
L'adeguatezza della personale preparazione si ritiene automaticamente verificata:
- nel caso di titolo di primo livello conseguito con una votazione media pesata finale non inferiore a 27/30.
- nel caso di titolo di primo livello conseguito con una votazione media pesata finale superiore a 25/30 in un numero di anni non superiore al doppio del numero di anni previsti dalla sua tipologia di impegno (tempo pieno, non a tempo pieno).
Nel caso non sussistano le condizioni di cui ai tre commi precedenti la valutazione dell'adeguatezza della personale preparazione avviene tramite un esame di ammissione.
[Ultima modifica: mercoledì 30 novembre 2016]