Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook Generale

Photo Generale

Struttura organizzativa e responsabilità a livello di Ateneo

Struttura organizzativa e responsabilità a livello di Ateneo e nelle sue articolazioni interne

Organizzazione e responsabilità della AQ a livello del Corso di Studio

Gruppo per l'Assicurazione di Qualità
Responsabile Prof. Giovanni Capelli (PO_SSD MED/42)
Componenti Prof. Francesco Misiti (membro), Daniele Farina (studente), dott.ssa Cinzia Guadagnino (manager didattico).

Il Gruppo per l'Assicurazione di Qualità del Corso di Studio, al fine di verificare il corretto ed efficace svolgimento delle attività didattiche, in stretta collaborazione con il Presidente del CdS, la Commissione Paritetica e con il Presidio della Qualità, si riunisce almeno due volte l'anno in concomitanza con il termine dei semestri, e in occasione della redazione del rapporto di riesame annuale .
I compiti del gruppo AQ sono : monitoraggio delle attività del Consiglio di corso di studi, verifica del perseguimento degli obiettivi, messa a punto e attuazione dei processi di AQ,interazioni con il Presidio Qualità e gli altri attori dell'AQ di Ateneo

Gruppo di Riesame
Componenti Prof.ri Giovanni Capelli, Bruno Federico (Presidente), Francesco Misiti, Sig. Daniele Farina (studente), dott.ssa Cinzia Guadagnino (manager didattico), Dott. Carmine Calce , presidente CUS Cassino (membro esterno).

Il gruppo del riesame ha la funzione di redigere, 1) scheda di monitoraggio annuale; 2) rapporto del riesame ciclico, il coordinatore del CdS è responsabile della stesura della scheda e del riesame ciclico. Le modalità ed i tempi della stesura della scheda di monitoraggio annuale e del rapporto di riesame ciclico sono definiti annualmente nelle apposite linee guida del presidio di qualità.


Consiglio di corso di studio
nel mese di febbraio, porta in discussione i seguenti punti:
1. analisi del contenuto della relazione della Commissione Paritetica;
2. analisi delle variazioni intercorse negli indicatori ANS;
3. analisi dell'avanzamento delle azioni di miglioramento precedentemente messe in campo e valutarne l'efficacia alla luce delle analisi svolte;
4. proposte per adeguamenti alle azioni ancora in corso e/o pianificare nuove azioni, esplicitando tempi e responsabilità del processo.
nel mese di maggio, porta in discussione gli esiti dei questionari della valutazione didattica dell'anno precedente, resi disponibili dal presidio di qualità
[Ultima modifica: giovedì 31 ottobre 2019]