Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook Presentazione del corso

Obiettivi formativi specifici del Corso e descrizione del percorso formativo

Il corso prevede un primo anno finalizzato alla acquisizione delle conoscenze anatomiche e biochimiche atte a comprendere le basi del funzionamento del corpo umano in movimento nonché degli aspetti psicologici e pedagogici che possono motivare l'attenzione al corpo e alla propensione allo sport e all'attività motoria. Le attività di tirocinio di questo primo anno saranno concentrate sul favorire l'accesso personale degli studenti alla pratica di primo livello di una o più discipline motorie e sportive. Nel corso del primo anno, la didattica delle attività motorie e sportive sarà inizialmente focalizzata sulla conoscenze delle discipline sportive. Al termine del primo anno, gli studenti saranno avviati a profili di tecnica e didattica di specifiche discipline motorie e sportive, in corsi per piccoli gruppi effettuati presso adeguate strutture sportive. Il secondo anno, oltre a completare la preparazione di base attraverso l'acquisizione di conoscenze fisiologiche, sarà centrato sulle conoscenze dei legami tra attività motoria e salute, con particolare attenzione ai temi della tutela sanitaria dell'attività motoria e sportiva e dello sviluppo dell'individuo nelle età della vita, e sulla riflessione sui metodi della didattica dell'attività motoria e sportiva. In questo secondo anno si prevede la possibilità di fornire agli studenti una opzione tra profili alternativi di approfondimento (distinti nei raggruppamenti di discipline affini e integrative A12, A13, A14, A15, A16, A17, A18 previste nell'ordinamento) che, avvalendosi delle esperienze scientifiche e didattiche e dei contatti internazionali dei Docenti in servizio nel Dipartimento di Scienze Umane, Sociali e della Salute e negli altri corsi di studio dell'Ateneo di Cassino e del Lazio Meridionale, possano arricchire la formazione degli studenti nell'area dei metodi pedagogici (A12), della misura tecnica delle prestazioni (A13, A18), della analisi e promozione culturale (A14, A15, A17) ed economica (A16) dello sport e del movimento. Infine, in questo anno gli studenti avranno l'opportunità di completare la loro formazione tecnica seguendo un secondo corso per piccoli gruppi di tecnica e didattica di specifiche discipline motorie e sportive. Le attività pratiche svolte in questo anno di corso saranno integrate da attività di tirocinio finalizzate all'insegnamento degli aspetti fondamentali di specifiche discipline motorie e sportive a soggetti di diversa età e genere.
Le attività del terzo anno sono invece finalizzate alla conoscenza degli aspetti teorici ed applicativi dell'allenamento e della valutazione funzionale e nutrizionale dell'atleta e del soggetto allenato o del praticante attività motorie e sportive nel tempo libero, della qualità ambientale e sicurezza degli impianti sportivi, della ortopedia e traumatologia dello sport e del movimento e dei fondamenti legislativi ed economici alla base della struttura e funzionamento delle organizzazioni sportive. Nel corso di quest'ultimo anno, saranno inoltre affrontati gli aspetti sociali che possono motivare l'attenzione al corpo e alla propensione allo sport e all'attività motoria. In insegnamenti del terzo anno vanno ad inserirsi i settori contenuti nel raggruppamento A11, che comprende le discipline affini e integrative considerate necessarie per il completamento del curriculum di tutti gli studenti.
L'insegnamento della lingua inglese, che si ritiene fondamentale per una corretta fruizione delle conoscenze tecniche e scientifiche disponibili a livello mondiale, ma anche per l'esercizio dell'attività in un mondo che vede una sempre maggiore presenza di atleti e praticanti di lingua non italiana a tutti i livelli, sarà offerto in un corso nella seconda parte del secondo anno, che affronta sia le basi linguistiche, che gli aspetti specifici del mondo dello sport e dell'attività motoria.
Per quanto riguarda le conoscenze informatiche, agli studenti sarà richiesto il conseguimento di conoscenze informatiche pari a quelle richieste per la certificazione ECDL.
Per quanto riguarda le "Discipline motorie e sportive" i 25 CFU di attività condotte in strutture adeguate per dimensioni e caratteristiche tecniche all'attività prevista e al numero degli studenti saranno raggiunte attraverso l'integrazione di a) la frequenza ad attività pratiche per piccoli gruppi svolte nell'ambito degli insegnamenti fondamentali relativi ai SSD interessati; b) la frequenza a due distinti corsi per piccoli gruppi di tecnica e didattica di specifiche discipline motorie e sportive al 1° e 2° anno; c) la partecipazione ad attività di tirocinio finalizzate alla pratica sportiva, alla didattica dello sport e all'allenamento. Il corso di laurea prevede che una parte dei CFU possano essere acquisiti attraverso esperienze Erasmus condotte in corsi di laurea attivi presso sedi universitarie europee convenzionate
Infine, massima libertà di scelta sarà lasciata agli studenti tra i corsi attivi presso l'Ateneo per le attività a scelta libera (art. 10, comma 5, lettera a).

Autonomia di giudizio

I laureati sanno giudicare:
* l'appropriatezza di programmi di attività motoria o di allenamento in funzione di età, genere, obiettivi e condizione fisica della specifica utenza
* l'adeguatezza tecnica e igienico-sanitaria di strutture e attrezzature sportive per lo svolgimento di specifici programmi di attività motoria e sportiva
* la gravità di eventuali infortuni o segni di patologia acuta che si presentino durante lo svolgimento delle attività e la necessità di ricorrere tempestivamente all'assistenza sanitaria
* l'insorgenza di situazioni di disagio e di volontà di abbandono dell'attività da parte dell'utenza
L'acquisizione di autonomia di giudizio sarà realizzata principalmente attraverso attività esercitative e pratiche; si prevede l'utilizzo anche di modalità didattiche di seminari tra pari con assistenza di docenti e/o di tutor.
I risultati di apprendimento attesi relativi all'autonomia di giudizio saranno valutati fondamentalmente attraverso prove in itinere o relazioni sulle attività di tirocinio o attività per piccoli gruppi.

Abilità comunicative

I laureati sono in grado di:
* sintetizzare e riferire contenuti acquisiti nel percorso formativo o nella lettura di testi ed articoli scientifici anche in modo autonomo
* utilizzare un linguaggio corretto e appropriato nel relazionarsi a soggetti di diversa età, abilità, genere, condizione socio-culturale
* motivare, coinvolgere e rassicurare gli utenti individuali e di gruppo in tutte le fasi di svolgimento dell'attività motoria e sportiva
* utilizzare termini tecnici appropriati alle diverse tipologie di attività motoria e alle diverse discipline sportive
All'acquisizione di abilità comunicative contribuiscono in particolare gli insegnamenti degli ambiti psicologico, pedagogico e sociologico di base e caratterizzante.
I risultati di apprendimento attesi relativi alle abilità comunicative di giudizio saranno valutati fondamentalmente attraverso l'organizzazione di lezioni e seminari tra pari con assistenza di docenti e/o di tutor. Le abilità comunicative sono inoltre oggetto di valutazione nella prova finale.

Capacità di apprendimento

I laureati hanno:
* maturato interesse all'acquisizione di conoscenze come mezzo per l'arricchimento della propria professionalità
* sviluppato motivazione all'aggiornamento costante
* sviluppato apertura all'integrazione e capacità di estrapolazione tra saperi tecnici e saperi umanistici
* acquisito coscienza delle opzioni disponibili per studi successivi e motivazione ad intraprenderli
Le capacità di apprendimento saranno valutate attraverso la realizzazione di approfondimenti su argomenti trattati a lezione e seminari tra pari con assistenza di docenti e/o di tutor, la redazione di tesine e relazioni sulle attività tirocinio e la preparazione e discussione della prova finale.

Conoscenze richieste per l'accesso

Per l'accesso al Corso di Laurea sono richieste conoscenze a livello di scuola media superiore di chimica, biologia, fisica, nonchè conoscenze di attualità e di cultura generale e sportiva e abilità di ragionamento logico.
Si prevede che lo studente che accede al Corso di Laurea presenti motivazioni ed attitudini positive per le attività motorie e sportive.
Tali conoscenze sono oggetto di valutazione nella prova di ingresso selettiva propedeutica all'immatricolazione, che potrà essere costituita da prove o test scritti e/o colloquio orale.

Per l'accesso al Corso di Laurea è richiesta la conoscenza della lingua italiana (per gli studenti di nazionalità straniera è richiesto il Livello B del Quadro di riferimento europeo delle lingue moderne del Consiglio d'Europa).

Caratteristiche della prova finale

La prova finale si comporrà di due parti: nella prima il candidato discuterà con la Commissione situazioni pratiche di didattica, istruzione, allenamento all'attività motoria o alle discipline sportive, emerse sulla base della esperienza maturata durante i tirocini e le attività pratiche; nella seconda il candidato proporrà alla Commissione, anche assistito da strumenti multimediali, una breve sintesi didattica di una pubblicazione scientifica, di un capitolo di libro di testo o di un estratto di altra pubblicazione concordata con le strutture didattiche di riferimento.

Motivazioni dell'inserimento nelle attività affini di settori previsti dalla classe o Note attività affini

Per quanto la disciplina MED/42, si ravvisa nelle competenze del settore la possibilità di affiancare ai contenuti di base della disciplina anche contenuti di integrazione e approfondimento che possono arricchire il profilo dello studente, sia in generale che per uno specifico profilo statistico-epidemiologico.
Per le discipline pedagogiche M-PED/02 e M-PED/04, si ritiene che nel progetto formativo proposto dal presente corso queste possano essere proficuamente intese come integrazione per uno specifico profilo formativo di approfondimento pedagogico (Gruppo A12).
Per le discipline economiche SECS-P/08 e SECS-P/10, si ritiene che nel progetto formativo proposto dal presente corso queste possano essere proficuamente intese come integrazione per uno specifico profilo formativo di approfondimento economico-organizzativo (Gruppo A16).
Per la disciplina MED/01, affiancata a contenuti specifici di MED/42, si ritiene che nel progetto formativo proposto dal presente corso, questa possa essere proficuamente intesa come integrazione per uno specifico profilo formativo di approfondimento statistico-epidemiologico (Gruppo A18).

Note relative alle attività di base

I settori e gli intervalli di crediti per questo tipo di attività sono selezionati per consentire, oltre alla realizzazione del ciclo formativo previsto con una sufficiente flessibilità di applicazione, anche la massima efficienza nel riconoscimento delle attività formative già acquisite da studenti che decidano di transitare dal previgente percorso formativo Classe 33 secondo DM 509/99.

Note relative alle attività caratterizzanti

I settori e gli intervalli di crediti per questo tipo di attività sono selezionati per consentire, oltre alla realizzazione del ciclo formativo previsto con una sufficiente flessibilità di applicazione, anche la massima efficienza nel riconoscimento delle attività formative già acquisite da studenti che decidano di transitare dal previgente percorso formativo Classe 33 secondo DM 509/99, anche in considerazione del fatto che molti dei settori riportati alle attività formative "affini e integrative" nella Classe 33 del DM 509/99 figurano oggi tra i settori delle attività formative caratterizzanti.

Dati di ingresso, di percorso e di uscita

(1) Immatricolazione e trasferimenti in entrata al II e III anno

L'attrattività rimane il punto forte del CdS. Il Corso nell'aa 2017-18 prevede il numero programmato (180 posti totali con 2 posti riservati a cittadini extraEU) al fine di garantire una adeguata qualità dell'offerta didattica anche in relazione alle risorse disponibili; dal 2002 ad oggi, il numero degli studenti presenti al test preselettivo di ingresso è in crescita, nel 2018 gli studenti iscritti al test preselettivo sono stati 368 (323 nel 2017) (345 nel 2016). Nel 2017/18 le neo immatricolazioni risultano 173 (fonte gomp), nell'aa 2016/17 172; rispetto alle richieste di trasferimento in entrata da altri corsi di studio in Scienze Motorie di altro Ateneo italiano, nel 2017 risultano 5 trasferimenti in ingresso al II anno, nel 2018, 2 al II anno e 3 al III anno.

(2) Caratteristiche degli Studenti in Ingresso: Genere, Provenienza geografica, scolastica e origine sociale (titolo studio genitori)

Dall'analisi dei dati ottenuti dal sistema informatico di gestione della didattica di Ateneo (GOMP), gli immatricolati provengono in prevalenza dal Liceo Scientifico, Ragioneria, Perito Commerciale e da Liceo Classico e Linguistico.
Relativamente ai trasferimenti in entrata nel 2017 e 2018, risultano provenienti dall'Ateneo dell'Aquila, Univ. Molise, Roma TorVergata e Foro Italico e San Raffaele Telematica.
Come già evidenziato negli anni precedenti, la provenienza è prevalentemente di tipo scientifico con conseguente miglioramento delle conoscenze pregresse nelle materie di base utili per il percorso formativo del CdS.
La provenienza regionale è in linea con i dati dell'anno accademico precedente, circa il 35% degli immatricolati provenie da altre regioni; si conferma una significativa attrattività a livello della Campania (in prevalenza -provincia di Caserta).
Per quanto riguarda il titolo di studi dei genitori, dai dati AlmaLaurea (Indagine_laureati 2018), la percentuale della risposta “laurea per uno o entrambi i genitori” riferita alla domanda sul titolo di studi dei genitori risulta pari ad un valore di 16,9 minore rispetto al dato registrato nel 2017 (circa 19%). Inoltre i dati Alma Laurea confermano il carattere di forte attrazione del CdS verso classi sociali quali quelle media impiegatizia, media autonoma e del lavoro esecutivo (circa 85%) rispetto al 13,7 % (classe elevata).

(3) Iscritti totali, CFU acquisiti, media dei voti
Dai dati relativi agli iscritti totali, si evidenzia che dall'aa 2015 risulta pressoché stabile il numero di studenti iscritti.
Nel 2017 gli studenti iscritti risultavano 532, nel 2016, 537 e nel 2015, 521 (fonte gomp). Si evidenzia inoltre che il numero di CFU acquisiti al I anno è stato pari a 4024 (coorte 2017-18), contro i 4458 per gli iscritti aa2016-17 (è prevista un'ultima sessione 17-18 nel mese di gennaio).
Relativamente alle votazioni medie riportate, per la coorte AA 2017-18 la media dei voti riportati in tutti gli insegnamenti del I anno, è risultata pari a 24,39 in leggero rialzo rispetto a quanto registrato per la coorte anno accademico precedente (24,29).

(4) Abbandoni e trasferiti in uscita
Dai dati del sistema informatico di ateneo, nell'aa 2017-18 risultano 36 abbandoni di neo-immatricolati aa 2016-17, contro i 22 abbandoni della coorte precedente, relativamente agli abbandoni da II a III anno per la coorte 2015-16 risultano 22 abbandoni.
Relativamente ai trasferimenti ad altro CdS dopo il I anno, il valore risulta pari a circa il 7% degli immatricolati puri per gli immatricolati della coorte AA 2016 (fonte ANS).

(5) Laureati
La laureabilità in corso del CdS risulta elevata negli ultimi anni (nel 2016-17 circa il 72% degli avvii di carriera), rispetto al dato nazionale e area geografica. Fonte GOMP, nell'aa 2016-17, 61 laureati in corso (71 nel 2015), 21 FC 1 anno. Il dato dei laureati 2017-18 non è ancora disponibile.

(6) Mobilità internazionale (in entrata e uscita)
La mobilità internazionale è fortemente incentivata dal CdS, grazie a numerosi accordi con Università Europee). Risulta in crescita il numero dei CFU acquisiti all'estero degli studenti che partecipano a progetti di mobilità internazionale.

Efficacia Esterna

Dai dati Alma laurea 2018 relativi ai laureati nel 2016, il tasso di occupazione (def. Istat) risulta pari al 32,3 (19,5), il tasso di disoccupazione (def. Istat) pari al 25,9 (13,6) , in parentesi il dato riferito al 2016. A livello nazionale per tutti i CdS della medesima classe. I laureati 2015, nell'indagine Alma laurea 2016 mostrano un tasso di occupazione pari al 62,2, il tasso di disoccupazione pari al 11
Rispetto ai dati delle sedi limitrofe (medesima classe), l'Univ. del Molise mostra un tasso di occupazione pari a 37,9 ed un tasso di disoccupazione pari a 26,5, Napoli Parthenope,mostra un tasso di occupazione pari a 53,2 ed un tasso di disoccupazione pari a 17,3, Roma Foro Italico mostra un tasso di occupazione pari a 76,8 ed un tasso di disoccupazione pari a 6,5, in ultimo Roma Tor Vergata 71,9 e 12,7.
Al quesito "Efficacia della laurea nel lavoro svolto (%)" i dati mostrano un valore pari a 56,3 % (25) molto efficace e 31,3 % (33,3) abbastanza efficace (dato indagine 2016); Il quesito "soddisfazione per il lavoro svolto", in una scala da 1 a 10 registra un valore di 7,3, in linea con anni precedenti.
La retribuzione media è di circa 600 euro, nelle tipologie di azienda il settore privato raggiunge il 81,3% delle preferenze,contro il 6,3 del pubblico. La tipologia di attività lavorativa secondo le definizioni alma laurea, in maggioranza "parasubordinato" e "non standard" 57,3% e "senza contratto" il 25%. Il 61,1% degli occupati ha notato un miglioramento nel proprio lavoro dovuto alla laurea, in particolare ritiene molto 56,3%, e poco/per nulla 12,5% adeguata la formazione professionale acquisita all'università.

I laureati triennali in Scienze Motorie di Cassino del 2016, pertanto, rispetto alle medie nazionali, risultano lavorare ad un anno in minor percentuale rispetto alla media nazionale, sebbene sia da rilevare che il dato dell'univ. Molise è in linea con l'Ateneo di Cassino. Da un nostro recente studio, l'offerta lavorativa nei territori di provenienza dei laureati triennali risulta assai frammentata: ben 1452 ASD (Associazioni Sportive Dilettantistiche) iscritte al registro CONI nelle province limitrofe), di associazioni nazionali con rappresentanza locale, di privati, costituisce un mercato del lavoro in continua trasformazione composto da realtà di piccole dimensioni spesso non inclini a cercare educatori o tecnici qualificati.

L'Ateneo ha un servizio di job placement http://www.unicas.it/IMPRESA-E-TERRITORIO/Info che ha funzioni di sportello informativo ed è dotato anche di una piattaforma d'interfaccia tra studenti/laureati e enti http://www.sysjob.unicas.it. Il CdS ha inoltre un referente per il job placement. L'Ateneo, nell'ambito di UNICLAMOrienta, organizza ogni anno il Career Day, giornata che ha il compito di mettere in contatto le aziende con i laureati. Da segnalare che, per le piccole dimensioni delle imprese che offrono lavoro nell'ambito motorio-sportivo e per le loro caratteristiche di organizzazioni non-profit, l'evento risulta non offrire significative opportunità ai laureati in Scienze Motorie.
E' inoltre attivo, il servizio "Jobsoul" http://www.jobsoul.it/studenti-e-laureati .




https://www2.almalaurea.it/cgi-php/universita/statistiche/framescheda.php?anno=2017&corstipo=L&ateneo=70007&facolta=tutti&gruppo=tutti&pa=70007&classe=10033&postcorso=0600106202200001&isstella=0&annolau=1&disaggregazione=&LANG=it&CONFIG=occupazione

Orientamento in ingresso

L'attività di orientamento in ingresso viene erogata in sinergia dal C.U.Ori, (Centro Universitario per l’Orientamento) e dalle strutture competenti sulla didattica (Dipartimenti e Corsi di Studio). Gli strumenti per l'orientamento a disposizione degli studenti sono i seguenti.

1) Incontri di orientamento, Open days di Ateneo, di Area, di Corsi di Studio
Organizzazione di incontri presso le sedi dell’Ateneo (Cassino e Frosinone) finalizzati a fornire agli studenti le informazioni generali sull’Ateneo e quelle particolari sull’offerta formativa dei Corsi di Studio. Tali incontri si strutturano anche attraverso lo strumento delle mini-lezioni, per rendere la comunicazione più efficace con gli studenti delle scuole.
A tali incontri in situ, si sono affiancati anche incontri e riunioni operative nelle scuole, in particolare con i dirigenti scolastici, i docenti referenti per l’orientamento e il corpo docente coinvolto a vario titolo in questa mission.
L’attività si svolge tipicamente dal mese di gennaio al mese di maggio presso le diverse aree. In particolare, nel mese di marzo viene organizzato l'open-day di ateneo "UnicasOrienta", presso il Campus Folcara a Cassino.
Il C.U.Ori, su richiesta delle Scuole, partecipa anche a open day organizzati presso gli istituti scolastici per presentare l’offerta didattica dell’Ateneo, i servizi disponibili, le facilities delle diverse are didattiche. La proposta della nostra offerta formativa in questo ambito ha tenuto e tiene conto dei bisogni formativi e informativi degli studenti, previa compilazione da parte degli istituti di un format specifico propedeutico al nostro incontro. Obiettivo principale delle iniziative realizzate è stato quello di fornire agli studenti gli strumenti necessari per una scelta informata e consapevole del percorso di studi universitario più adatto alle loro abilità, attitudini e vocazioni, riconosciute e sviluppate attraverso la partecipazione attiva a progetti, iniziative e contest, definiti in coordinamento con i Docenti delle Scuole che hanno aderito alle varie proposte.

2) Convenzioni e progetti con le scuole
Nell'ambito degli accordi quadro con l'Ufficio Scolastico Regionale e Provinciale, sono attivate convenzioni ed accordi con le scuole del territorio per realizzare progetti di orientamento e formazione che si sviluppino nel corso dell’intero anno scolastico anche nell’ambito dell’Alternanza Scuola-Lavoro. Le azioni previste in tali progetti vanno dagli incontri di presentazione e training sul test per l’ingresso, ai cicli di seminari per studenti e/o docenti dell’Istituto tenuti da docenti dell’Ateneo, fino alla realizzazione di ricerche, prototipi, materiale didattico in collaborazione tra Università e Scuola. L’azione di collaborazione delle scuole si esplicita anche nella partnership di supporto in progetti presentati in ambiti competitivi di finanziamento Ministeriale.

3) Produzione di materiale per l'orientamento e realizzazione di siti per il web-orientamento
Informazioni utili all'orientamento sono reperibili sulla guida all'orientamento di Ateneo, disponibile in formato cartaceo presso le segreterie e in formato elettronico sul portale del Centro (www.cuori.unicas.it).
Per avviare l’attività di web-orientamento è stata costruita una sezione ad-hoc sul portale del Centro (www.cuori.unicas.it) che contiene informazioni sui test di ingresso, video di ragazzi testimonial, laureati presso l’Ateneo e link utili a strumenti di autovalutazione. In collaborazione con AlmaLaurea, è stato modificato l’applicativo "AlmaOrientati" per offrire gratuitamente un test personalizzato, e scientificamente robusto, a tutti gli studenti della scuola superiore.
http://www.unicas.it/didattica/orientamento.aspx

Orientamento e tutorato in itinere

Sportelli di Orientamento e Tutorato (servizio SOT).

Grazie al fondo giovani del MIUR, viene attivato ogni anno un sistema di Sportelli di Orientamento e Tutorato presso tutte le sedi di Ateneo. Gli sportelli sono gestiti da studenti di Laurea Magistrale, ai quali viene erogata una borsa ad hoc per tale attività, con il coordinamento e la supervisione del personale del Centro per l'Orientamento, la collaborazione delle segreterie didattiche e del Centro per i Rapporti Internazionali. Gli sportelli offrono servizi di orientamento alle matricole e di tutorato per gli studenti già iscritti.

http://www.unicas.it/siti/centri-di-servizio-di-ateneo/cuori-centro-universitario-per-orientamento/sportelli-di-orientamento-e-tutorato.aspx

Assistenza per lo svolgimento di periodi di formazione all'esterno (tirocini e stage)

Previo parere favorevole del Consiglio di Corso di Studi è possibile la stipula di accordi per lo svolgimento di tirocini esterni. Lo svolgimento dei tirocini è definito da norme di Ateneo che prevedono anche una copertura assicurativa a carico dell'Università. Il riconoscimento dei crediti per le attività di Tirocinio esterne sono deliberate dal Consiglio, previa autorizzazione del docente referente per i tirocini nominato da parte della Commissione per la didattica. Nella procedura di riconoscimento viene individuato un referente nell'azienda ospitante e un docente di riferimento interno al CdS che seguono congiuntamente l'andamento e l'efficacia del periodo di formazione esterna. Al termine dell'attività, agli studenti ed all'ente/azienda ospitante viene sottoposto un questionario di valutazione di fine tirocinio.
http://www.unicas.it/job-placement-e-trasferimento-tecnologico/ufficio-job-placement-e-creazione-dimpresa/tirocini-curriculari.aspx

Assistenza e accordi per la mobilità internazionale degli studenti

Gli studenti iscritti al Corso di Studi usufruiscono dei servizi del Centro Rapporti Internazionali erogati a favore di tutti gli studenti dell’Ateneo. Tramite il Centro, gli studenti hanno in particolare la possibilità di svolgere un periodo di studio presso atenei partner. Gli studenti interessati presentano domanda in risposta a un bando di Ateneo, pubblicato con cadenza annuale, tipicamente all’inizio del secondo semestre di studi di ogni anno a valere per l’anno accademico successivo.

Con modalità analoga, gli studenti hanno la possibilità di svolgere un periodo di tirocinio presso imprese pubbliche e private con sede all’estero. Tirocinio che può essere svolto anche nei 12 mesi successivi al conseguimento del titolo di studio finale. Gli studenti interessati presentano domanda in risposta a un bando di Ateneo, pubblicato con cadenza semestrale.

Un contributo finanziario viene assegnato agli studenti in mobilità vincitori di borsa di studio, a valere su fondi Erasmus+ e su fondi destinati all’Ateneo con questo scopo specifico dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.

Per tutte queste attività, l’assistenza amministrativa e, per quanto di sua competenza, quella organizzativa vengono garantite dal Centro Rapporti Internazionali dell’Ateneo.

Gli accordi per la mobilità internazionale che permettono agli studenti di sostenere esperienze presso atenei esteri sono di norma stipulati a livello di Dipartimento, se non di Ateneo. L’elenco aggiornato degli accordi è disponibile sul sito internet di Ateneo, nelle pagine dedicate all’internazionalizzazione al link:
http://www.unicas.it/internazionalizzazione/opportunità-allestero/accordi-internazionali.aspx

A questi si aggiungono gli accordi per mobilità Erasmus di cui l’elenco aggiornato è disponibile nell’allegato al bando annuale:
http://www.unicas.it/internazionalizzazione/opportunità-allestero/bandi-per-la-mobilità-(1).aspx

Gli studenti che desiderano trascorrere un periodo di studio presso un ateneo statunitense con sede a New York hanno infine la possibilità di concorrere per un posto alloggio gratuito presso la residenza universitaria "College Italia", di cui l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale è comproprietario nell’ambito del consorzio internazionale H2CU. Un apposito bando viene pubblicato tre volte all’anno, sempre a cura del Centro Rapporti Internazionali che ne segue gli aspetti amministrativi e organizzativi, in accordo con il consorzio H2CU.

Più in generale, il Centro per i Rapporti Internazionali fornisce supporto amministrativo e gestionale a tutti i programmi di mobilità. In particolare pianifica e supervisiona il calendario dei bandi di mobilità, fornisce informazioni sulle opportunità di mobilità internazionale (anche tramite le pagine del sito web di Ateneo dedicate all’internazionalizzazione unicas.it/internazionalizzazione), gestisce le procedure amministrative relative agli studenti in mobilità, assicura la visibilità e la trasparenza delle procedure e dei risultati.

A livello di Dipartimento, un docente delegato ai Rapporti Internazionali coordina le attività internazionali degli studenti dei corsi afferenti al dipartimento stesso e ottimizza i modelli di mobilità in relazione agli obiettivi formativi dei corsi di studio e alle esigenze linguistiche degli studenti. Il docente delegato si avvale poi della collaborazione dei docenti del dipartimento referenti per ciascun partner internazionale di pertinenza della struttura. I docenti referenti forniscono informazioni e supporto in materia di piano delle attività formative agli studenti in mobilità destinati alle sedi di cui essi hanno la responsabilità.

Per facilitare il processo di riconoscimento dei CFU acquisiti all’estero, a partire dall’anno accademico 2017-2018, i Learning Agreement vengono firmati dal coordinatore del CdS di afferenza dello studente, e non più dal delegato ai Rapporti Internazionali del Dipartimento.
http://www.unicas.it/internazionalizzazione.aspx

Accompagnamento al lavoro

Gli obiettivi dell’attività di placement dei laureati sono:
• favorire la realizzazione personale e professionale dei laureati;
• contribuire a facilitare l’incontro tra domanda e offerta di laureati/competenze;
• contribuire a soddisfare i fabbisogni di capitale umano del sistema produttivo.
Le attività di placement sono pianificate e gestite secondo una logica di filiera basata sull’idea che orientamento in entrata, in itinere e in uscita debbano essere parte di una strategia coerente di Ateneo. Un momento centrale di attuazione di questa filosofia è il Career Day, organizzato in collaborazione con Centro Universitario per l’Orientamento (CUORI) allo scopo di orientare le scelte formative anche in funzione degli sbocchi occupazionali disponibili.
La maggior parte delle iniziative vengono gestite centralmente dall’Ufficio Job Placement in collaborazione con alcuni partner istituzionali. Al fine di garantire un’adeguata flessibilità, iniziative riguardanti ambiti professionali specifici sono organizzate e gestite direttamente dai dipartimenti o dai corsi di laurea.
Le attività di placement si caratterizzano per l’impegno particolare profuso nel sostenere l’imprenditorialità dei laureati, vista sia come strumento per promuovere l’occupabilità sia come meccanismo di valorizzazione della conoscenza generata attraverso la didattica e la ricerca.
Lo spettro dei servizi erogati all’utenza universitaria in collaborazione con partner interni ed esterni (figure 1 e 2), necessariamente più articolato in funzione delle varie tipologie di utenza, è di seguito elencato:

• attivazione e gestione delle convenzione per i tirocini (figura 3)
• gestione dei tirocini post laurea (figura 4)
• gestione delle attività informativa sulle offerte di lavoro e di stage tramite l’invio di email a target specifici
• identificazione di percorsi per l'inserimento lavorativo e il sostegno all’occupabilità dei laureati
• informazioni guidata circa le opportunità di inserimento lavorativo e formative
• supporto alla stesura del Curriculum Vitae
• approfondimento della conoscenza del mercato del lavoro di riferimento
• approfondimento delle tecniche di ricerca del lavoro
• definizione di un piano di azione per la ricerca del lavoro
• supporto alla realizzazione del progetto professionale
• organizzazione di corsi di educazione imprenditoriale rivolti a studenti, laureandi e laureati di tutte le discipline (corso Four Steps to Entrepreneurship)
• accompagnamento alla creazione d’impresa
• organizzazione eventi (Career Day, seminari, incontri informativi) finalizzati all’incontro D e O
• implementazione e gestione di piattaforma telematiche volte a favorire l’incontro di D e O (AlmaLaurea, Porta Futuro)
• attività di monitoraggio dell’inserimento occupazionale dei laureati basata sulle indagini AlmaLaurea

Tra le azioni principali portate avanti dall’Ufficio di recente vanno ricordate:
 L’organizzazione di incontri sulla redazione del CV e sul colloquio di lavoro in collaborazione con LazioDisco e l’associazione ex alunni (Alaclam)
 L’organizzazione del Career Day che ha riscontrato grande interesse tra gli interlocutori aziendali non solo di prossimità territoriale.
 L’implementazione della piattaforma AlmaLaurea per la gestione del placement che, nel rispetto della vigente normativa in materia di intermediazione, assicura un’articolata ed efficace circolazione delle informazioni.
 L’organizzazione della seconda edizione del corso di educazione imprenditoriale.
 L’adesione all’edizione 2018 della Start up Cup competition.
 Il monitoraggio, ad uso dei corsi di laurea, del Nucleo di Valutazione e del Presidio della Qualità, dell’inserimento occupazionale dei laureati basato sull’ultima indagini AlmaLaurea disponibile.
 Attività di promozione dell’apprendistato di alta formazione/ricerca in collaborazione con Anpal servizi.
 La partecipazione alle borse finalizzate all’incontro con le imprese interessate al reclutamento
http://www.unicas.it/job-placement-e-trasferimento-tecnologico.aspx

Eventuali altre iniziative

Il nostro corso è promotore dell'adesione dell'Università di Cassino al network europeo EAS - The Dual Career Network che, dal 2004, coordina e promuove la collaborazione tra università e enti che sostengono, in Europa, programmi di doppia carriera (dual career) per gli studenti-atleti.

Nel 2018 il nostro corso di studi è partner del progetto europeo intitolato "Athletic migration: Dual Career and qualification in sports (AMID)"

Il progetto AMID è finanziato dall'Unione Europea e si propone di offrire un valore immediato attraverso l'erogazione di forme di supporto agli atleti, in particolare quelli in trasferta, in uno dei paesi dell'EU durante la loro doppia carriera – Dual Career - nello studio e nello sport.


Opinioni studenti

La commissione per la didattica ha discusso gli esiti dei questionari della didattica, riferiti all'aa 2016-17, nella seduta del 12 giugno2018.
Precedentemente, i questionari erano stati valutati dalla gruppo AQ del corso di studi.
(i verbali delle riunioni risultano depositati presso la segreteria didattica)

Vengono messe in evidenza alcune anomalie riscontrate nella lettura dei grafici:

a) alcuni insegnamenti nell'ambito degli sport pratici (scherma), sono riportati nei grafici in doppio, dato che lo stesso insegnamento risulta con codici differenti in base alla tipologia di opzione da parte dello studente (insegnamento obbligatorio o a scelta).
b) nei grafici viene riportato come insegnamento la prova finale;
c) il limitato numero di questionari compilati relativamente ad alcuni moduli.

Le domande poste nei questionari di valutazione si riferiscono ai vari aspetti: qualità generale dell'insegnamento e soddisfazione complessiva, qualità della docenza ed interesse verso la materia.

1. Le conoscenze preliminari possedute sono risultate sufficienti per la comprensione degli argomenti previsti nel programma d'esame?
2. Il carico di studio dell'insegnamento è proporzionato ai crediti assegnati?
3. Il materiale didattico (indicato e disponibile) è adeguato per lo studio della materia?
4. Le modalità di esame sono state definite in modo chiaro?
5. Gli orari di svolgimento di lezioni, esercitazioni e altre eventuali attività didattiche sono rispettati?
6. Il docente stimola / motiva l'interesse verso la disciplina?
7. Il docente espone gli argomenti in modo chiaro?
8. Le attività didattiche integrative (esercitazioni, tutorati, laboratori, etc…) sono utili all'apprendimento della materia?
9. L'insegnamento è stato svolto in maniera coerente con quanto dichiarato sul sito Web del corso di studio?
10. Il docente è reperibile per chiarimenti e spiegazioni?
11. E' interessato/a agli argomenti trattati nell'insegnamento?
12. Sono complessivamente soddisfatto di come è svolto questo insegnamento?

La modalità di calcolo del punteggio di ogni questionario somministrato è stata la seguente, Decisamente no (punteggio): 0; Più no che si (punteggio): 0,33; Più si che no (punteggio): 0,67; Decisamente si (punteggio) 1.

Il commento generale sull'andamento dei giudizi forniti dagli studenti frequentanti, tramite i questionari per la valutazione della didattica rispecchia quello dell'anno precedente, il giudizio è globalmente positivo. Dall'analisi delle medie di tutte le risposte (30012) (quesito 12), relativo alla soddisfazione complessiva per gli insegnamenti, non emergono infatti evidenti situazioni critiche. Le risposte, mostrano una netta soddisfazione degli studenti per la maggior parte dei corsi proposti, con nessun insegnamento che ottiene punteggi significativi al di sotto del valore di 0,67; risultano con i valori più bassi (0,667 e 0,693) solo due insegnamenti nell'ambito degli approfondimenti. In ultimo è da evidenziare una crescita del valore della mediana calcolata sulle medie di tutti gli insegnamenti, nel 2016 0,814 contro lo 0,78 registrato nel 2015.

Nello specifico i quesiti (6-7) relativi alla non chiarezza del docente ed al fatto che stimoli l'interesse dello studente verso la materia, il giudizio complessivo è buono, la mediana risulta per entrambi pari a circa 0,82 in crescita rispetto all'anno precedente (0,79), i quesiti (2-3) relativi al carico di studio per insegnamento e all'adeguatezza del materiale reso disponibile per lo studio, la mediana risulta rispettivamente pari a 0,78 e 0,788, in crescita rispetto ai valori del 2015 (0,76 e 0,75). Relativamente ai quesiti 9-11, ottima è stata la valutazione, la valutazione mediana raggiunge per entrambi un valore superiore a 0,8, raggiungendo il valore massimo di 0,835 nel quesito 11, in crescita rispetto ai valori anno precedente. E' da rilevare il valore mediano più basso nel quesito 1, rispetto alle conoscenze preliminari, che evidenzia un valore pari a 0,734 in lieve crescita rispetto al valore del 2015 (0,71); in particolare per tale quesito, i valori medi più critici si registrano per alcuni moduli di attività di approfondimento del II anno.

Relativamente ai questionari per gli studenti non frequentanti i quesiti 5,6,7,8,9,10 sono stati omessi, i valori mediani più bassi sono registrati sui quesiti 1 e 2 (0,639 e 0,68), per i restanti, i valori mediani sono sempre superiori a 0,7. Il coordinatore mette inoltre in evidenza che alcune anomalie presenti nei grafici dell'anno precedente (nei grafici 2015 risultavano inseriti alcuni insegnamenti a frequenza obbligatoria) sono state risolte. Il grafico iniziale che raccogli le medie di tutte le risposte, registra un valore mediano di 0,512, in linea con quanto emerso nel 2015, evidenziando le maggiori criticità rispetto ad un solo insegnamento del II anno e del III anno.

Rispetto ai questionari sulle strutture:
questionari docenti (16), in generale la valutazione è positiva, alta la percentuale di esiti negativi (più no che si) circa l'organizzazione complessiva dell'orario delle lezioni ed esami, la mancanza di conoscenze preliminari e di modalità di coordinamento sui diversi insegnamenti.
questionari studenti freq. (308), non si registrano per alcun quesito valori negativi superiori al 4% nelle risposte negative (decisamente no), e valori superiori al 10% (più no che si), fatta eccezione per il quesito relativo all'adeguatezza delle attrezzature per la didattica (12%).
suggerimenti studenti freq (2074) e non (1116), richiedono con maggiore frequenza una maggiore disponibilità di materiale didattico, inserire prove intermedie e l'anticipo del materiale per le lezioni.
http://www.unicas.it/didattica/valutazione/archivio/valutazione-della-didattica-aa-20162017/dipartimento-di-scienze-umane,-sociali-e-della-salute/scienze-motorie-l-22-(3-anni).aspx

Struttura organizzativa e responsabilità a livello di Ateneo


Struttura organizzativa e le responsabilità a livello di Ateneo e nelle sue articolazioni interne http://www.unicas.it/ateneo/organizzazione.aspx

Organizzazione e responsabilità della AQ a livello del Corso di Studio

Gruppo per l'Assicurazione di Qualità
Responsabile Prof. Giovanni Capelli (PO_SSD MED/42)
Componenti Prof. Francesco Misiti (membro), Daniele Farina (studente), dott.ssa Cinzia Guadagnino (manager didattico).

Il Gruppo per l'Assicurazione di Qualità del Corso di Studio, al fine di verificare il corretto ed efficace svolgimento delle attività didattiche, in stretta collaborazione con il Presidente del CdS, la Commissione Paritetica e con il Presidio della Qualità, si riunisce almeno due volte l'anno in concomitanza con il termine dei semestri, e in occasione della redazione del rapporto di riesame annuale .
I compiti del gruppo AQ sono : monitoraggio delle attività del Consiglio di Corso di Studi, verifica del perseguimento degli obiettivi, messa a punto e attuazione dei processi di AQ, interazioni con il Presidio Qualità e gli altri attori dell'AQ di Ateneo


Gruppo di Riesame
Componenti Prof.ri Giovanni Capelli, Bruno Federico (Presidente Cds), Francesco Misiti, Daniele Farina (studente), dott.ssa Cinzia Guadagnino (manager didattico), Dott. Carmine Calce, presidente CUS Cassino (membro esterno).

Il gruppo del riesame ha la funzione di redigere, 1) scheda di monitoraggio annuale; 2) rapporto del riesame ciclico, il coordinatore del CdS è responsabile della stesura della scheda e del riesame ciclico. Le modalità ed i tempi della stesura della scheda di monitoraggio annuale e del rapporto di riesame ciclico sono definiti annualmente nelle apposite linee guida del presidio di qualità.

Consiglio di Corso di Studi
nel mese di febbraio, porta in discussione i seguenti punti:
1. analisi del contenuto della relazione della Commissione Paritetica;
2. analisi delle variazioni intercorse negli indicatori ANS;
3. analisi dell'avanzamento delle azioni di miglioramento precedentemente messe in campo e valutarne l'efficacia alla luce delle analisi svolte;
4. proposte per adeguamenti alle azioni ancora in corso e/o pianificare nuove azioni, esplicitando tempi e responsabilità del processo.
nel mese di maggio, porta in discussione gli esiti dei questionari della valutazione didattica dell'anno precedente, resi disponibili dal presidio di qualità

Opinioni dei laureati

Dai dati AlmaLaurea relativi alle opinioni dei laureati nel 2017 (moduli compilati 91/95 2016, 86/92 laureati) circa il giudizio sull'esperienza universitaria (quesiti “Sono complessivamente soddisfatto del corso di laurea? - si iscriverebbe di nuovo all'Università ?), la percentuale delle risposte positive (decisamente si - Si, allo stesso corso dell'Ateneo) risulta pari a 44 e 81,33 contro il 32 e 68,6 (2016) ed il 42,1 e 81,6 % (2015). Risulta alta la soddisfazione nei confronti dei rapporti con i docenti (decisamente si 30,8% (25,6, 21,1), più si che no 67 %(62,6, 63,2)) (tra parentesi il dato 2016, 2015);
Le valutazioni circa le strutture (aule e biblioteche) risultano complessivamente positive, le aule informatiche risultano adeguate per il 29, 7 %(2016 23,3); risultano inoltre positivi i giudizi relativi alle strutture per lo svolgimento delle altre attività didattiche (laboratori, attività pratiche) sempre adeguate 24% (11,2) %, spesso adeguate 57% (52,8), in parentesi il dato 2016. http://www2.almalaurea.it/cgi-php/universita/statistiche/framescheda.php?anno=2017&corstipo=L&ateneo=70007&facolta=tutti&gruppo=tutti&pa=70007&classe=10033&corso=tutti&postcorso=0600106202200001&isstella=0&isstella=0&disaggregazione=&LANG=it&CONFIG=profilo

Opinioni enti e imprese con accordi di stage / tirocinio curriculare o extra-curriculare

La ricognizione delle opinioni di enti che hanno ospitato studenti per i tirocini viene svolto mediante questionario (vedi link).

Il CdS si propone il miglioramento del sistema di feed-back da parte delle organizzazioni presso cui gli studenti svolgono i tirocini. Le attività da intraprendere nel corso del prossimo AA, prevedono: 1) di continuare la somministrazione di questionari, 2) interviste telefoniche e 3) la costruzione di strumenti e di sistemi di rilevazione atti a meglio comprendere le necessità formative in relazione con i luoghi di potenziale occupazione. http://www.unicas.it/media/2024934/Questionario-valutazione-per-l-ente.pdf

Programmazione dei lavori e scadenze di attuazione delle iniziative

Il Consiglio di corso di studio del CdS si riunisce generalmente con cadenza mensile, prima della riunione del Consiglio di Dipartimento di afferenza. Il Presidente convoca la riunione trasmettendo l'OdG, la data e l'ora di convocazione ed il luogo. La convocazione viene inviata per conoscenza a tutti i titolari di insegnamento nel CdS. Nel corso della riunione le pratiche studenti, raccolte dalla segreteria didattica, vengono analizzate collegialmente ed eventualmente approvate.

Le scadenze nell'AA:

luglio:pianificazione/organizz. attività I semestre
novembre-marzo: attività orientamento
ottobre-gennaio: definizione manifesto
gennaio:pianificazione/organizz. attività II semestre
febbraio:Monitoraggio indicatori ANS e analisi relazione commissione paritetica
marzo-maggio: stesura scheda SUA-cds, valutazione questionari didattica
settembre: scadenza SUA-cds
ottobre-novembre: stesura scheda monitoraggio annuale

In aggiunta alle attività sopraelencate, il Consiglio di corso di studio organizza:
- in corrispondenza con l'uscita del bando Erasmus, incontri per promuovere i soggiorni di studio all'estero, invitando agli incontri studenti/dottorandi che hanno frequentato le sedi convenzionate (aprile);
- incontri di orientamento per le matricole all'inizio delle lezione del I anno (novembre);
- incontri di orientamento per le attività di tirocinio (gennaio, aprile e settembre);

Riesame annuale

La Scheda di Monitoraggio Annuale viene predisposta dal gruppo del riesame, come dettagliato nei quadri precedenti. Le modalità ed i tempi della stesura della scheda di monitoraggio annuale e riesame ciclico sono definiti annualmente nelle apposite linee guida del presidio di qualità. http://www.unicas.it/ateneo/presidio-di-qualita/linee-guida.aspx

Il Corso di Studio in breve

Il corso di Laurea Triennale in Scienze Motorie (L-22) prevede un primo anno finalizzato alla acquisizione delle conoscenze anatomiche e biochimiche atte a comprendere le basi del funzionamento del corpo umano in movimento nonché il contesto sociale e gli aspetti psicologici e pedagogici che possono motivare l'attenzione al corpo e alla propensione allo sport e all'attività motoria. Le attività di tirocinio di questo primo anno saranno concentrate sul favorire l'accesso personale degli studenti alla pratica sportiva. Nel corso del primo anno, la didattica delle attività motorie e sportive sarà focalizzata sulla teoria, tecnica e didattica del movimento umano. Al termine del primo anno gli studenti sono avviati a profili di tecnica e didattica di specifiche discipline motorie e sportive, in corsi per piccoli gruppi effettuati presso le strutture sportive dell'Ateneo, in particolare quelle del Campus Folcara di Cassino. Il secondo anno, oltre a completare la preparazione di base attraverso lo studio della fisiologia umana, sarà centrato sulle conoscenze dei legami tra attività motoria e salute, con particolare attenzione ai temi della tutela sanitaria, dell'attività motoria e sportiva e dello sviluppo dell'individuo nelle età della vita, e sulla riflessione sui metodi della didattica dell'attività motoria e sportiva. Nel modulo di medicina dello sport saranno trattati i rischi connessi all'attività motoria e sportiva o alla adozione di sostanze e pratiche mediche utilizzabili ai fini di doping. Gli studenti possono inoltre optare tra profili alternativi di approfondimento nell'area dei metodi pedagogici, della misura tecnica delle prestazioni, della analisi e promozione culturale ed economica dello sport e del movimento. Nel corso della seconda parte del secondo anno, particolare attenzione sarà rivolta allo studio della lingua inglese. Le attività pratiche svolte in questo anno di corso saranno integrate da attività di tirocinio che potranno essere finalizzate all'insegnamento degli aspetti fondamentali di specifiche discipline motorie e sportive a soggetti di diversa età e genere ma anche all'allenamento nelle stesse. Le attività del terzo anno sono invece finalizzate alla conoscenza degli aspetti teorici ed applicativi dell'allenamento e della valutazione funzionale e nutrizionale dell'atleta e del soggetto allenato o del praticante attività motorie e sportive nel tempo libero, della qualità ambientale e sicurezza degli impianti sportivi, della ortopedia e traumatologia dello sport e del movimento e dei fondamenti legislativi ed economici alla base della struttura e funzionamento delle organizzazioni sportive.Data la particolare tipologia del Corso di Laurea, la scelta del numero programmato è motivata dalla necessità di garantire una fruizione ottimale delle lezioni ed un utilizzo proficuo delle strutture sportive a disposizione degli studenti.
I laureati potranno trovare occupazione come operatori tecnici specializzati nell'ambito delle attività di società sportive, organizzazioni del terzo settore o di altre attività di impresa pubblica, cooperativa o privata nel campo dei servizi alla persona legati agli stili di vita attivi, al raggiungimento e mantenimento del benessere psico-fisico attraverso l'educazione e la cultura del movimento e dello sport e all'avviamento e alla pratica di diverse discipline sportive ai vari livelli di prestazione.


MODALITÀ DI ACCESSO:

Prova di ammissione: numero programmato (accesso subordinato al superamento di un concorso)
Periodo del test: metà – fine settembre http://www.unicas.it/siti/corsi/scienze-motorie.aspx

Relazione Nucleo di Valutazione per accreditamento

E' la trasformazione dell'omonimo corso di laurea e se ne propone l'attivazione nell'a.a. 2008/2009. I criteri seguiti nella trasformazione del corso sono descritti esaurientemente. La trasformazione prevede una consistente riduzione del numero totale di esami, con conseguente aumento del numero medio di CFU acquisibili con ciascun esame. E' previsto l'insegnamento della lingua inglese. I numeri di studenti immatricolati nello scorso triennio (l'accesso è programmato a livello locale) mostrano che la proposta è sostenuta da un'adeguata domanda studentesca. Il Nucleo ritiene la progettazione corretta e compatibile con le risorse di docenza e di strutture a essa destinabili. Come peraltro evidenziato nel documento "Motivazioni alla base della trasformazione dei Corsi di laurea e laurea specialistica attivi ai sensi del D.M. 509/99 nei corrispondenti corsi di laurea e di laurea magistrale ai sensi del D.M. 270/04" (Allegato 3.1 al verbale della riunione del Consiglio della Facoltà di Scienze motorie tenutasi il 19/12/2007), la compatibilità delle attuali risorse di docenza dovrà essere verificata dopo la definizione dei requisiti di docenza per i corsi di studio relativi alle scienze motorie.

Modalità di svolgimento della prova finale

1. Come da ordinamento del CdL, la prova finale si comporrà di due parti: nella prima il candidato discuterà con la Commissione situazioni pratiche di didattica, istruzione, allenamento all'attività motoria o alle discipline sportive, emerse sulla base dell'esperienza maturata durante i tirocini, le attività tecnico-pratiche e le attività a prevalente carattere tecnico-applicativo; nella seconda il candidato proporrà alla Commissione, anche assistito da strumenti multimediali, una breve sintesi didattica di una pubblicazione scientifica, di un capitolo di libro di testo o di un estratto di altra pubblicazione concordata con un docente secondo le modalità definite dalla commissione per la didattica del CdL.
2. Le procedure e i tempi sia per l'assegnazione dell'argomento oggetto di prova di verifica finale sia per la presentazione di tutta la documentazione vengono deliberati annualmente dalla Commissione per la didattica del CdL in collaborazione con l'Ufficio Didattico e vengono resi noti con congruo anticipo.
3. La Commissione perviene alla valutazione conclusiva tenendo conto dell'intera carriera dello studente all'interno del CdL, dei tempi e delle modalità di acquisizione dei CFU, delle valutazioni di merito relative alle attività formative e dell'esito delle prove inerenti la prova finale stessa di cui al comma 1.
Agli studenti iscritti a tempo pieno o tempo parziale la Commissione può attribuire fino ad un massimo di 11 punti.
Il punteggio attribuito risulta dalla somma di: fino a 4 punti per la prima parte della prova finale di cui al comma 1 di questo articolo (prova pratica); fino a ulteriori 4 punti per la seconda parte della prova finale di cui al comma 1 di questo articolo (prova teorica); 1 ulteriore punto alla prova teorica se il materiale oggetto della presentazione è in lingua straniera (inglese, francese, spagnolo, tedesco). Per quanto riguarda i rimenenti 2 punti, questi sono attribuiti sulla base del tempo impiegato per completare il Corso di studi. In particolare saranno assegnati: 2 punti agli studenti che conseguono il titolo di studio entro la durata legale prevista dal Piano delle Attività Formative ( P.A.F.), 1 punto agli studenti che conseguono il titolo di studio con un anno di ritardo sulla durata legale prevista e 0 punti agli studenti che conseguono il titolo di studio con 2 o più anni di ritardo sulla durata legale prevista. http://www.unicas.it/siti/corsi/scienze-motorie/laurearsi/la-prova-finale.aspx

Consultazione con le organizzazioni rappresentative - a livello nazionale e internazionale - della produzione di beni e servizi, delle professioni (Consultazioni successive)

Organizzazioni consultate o direttamente o tramite documenti:

- Associazione Italiana Arbitri, sezione di Frosinone
- Comitato Italiano Paralimpico, Regione Lazio
- Società Calcio Frosinone Calcio, Frosinone
- Federazione Italiana Bocce (FIB)-Comitato Regionale Lazio
- Sporting Club Cassino, Cassino
- Azienda Sanitaria Frosinone ASL, Dipartimento di Prevenzione, Frosinone
- Centro Universitario Teatrale (CUT), Cassino
- Centro Universitario Sportivo (CUS), Cassino
- Federazione Italiana Pallacanestro in Carrozzina (FIPIC)
- Azienda Human Lab, Veroli (Fr)
- ASD Juve Caserta Academy, Caserta
- Sport Euro Mediterranean Agency, Roma
- Mediterranean Handball Confederation
- Med-EX HPL
- Cosmed-Metabolic Company
- ALP Trauma Clinic, Madonna di Campiglio, TN
- CO.NA.P.E.F.S (Collegio Nazionale dei Professori di Educazione Fisica e Sportiva)
- Assemblea Generale della Conferenza dei Corsi di Laurea di Scienze Motorie

Durante i diversi incontri sono state messe a fuoco le diverse tematiche professionali in cui sono coinvolti i laureati in Scienze Motorie e quanto emerso ha fornito preziose indicazioni per il futuro lavoro di aggiornamento del corso di laurea.
Gli enti/aziende coinvolte negli incontri hanno dato piena disponibilità all'organizzazione dei tirocini esterni al fine di colmare le criticità circa le conoscenze pratiche evidenziate dagli studenti.
In particolare, gli incontri e la collaborazione scientifica sviluppata con la Med-EX, azienda sanitaria specializzata nella promozione di programmi di prevenzione primaria sui corretti stili di vita, attraverso check-up e la prescrizione di attività fisica, ha permesso di coinvolgere studenti delle scienze motorie e dottorandi anche nelle attività di ricerca dell'azienda, che risulta partner sanitario ufficiale della Scuderia Ferrari.
Al termine degli incontri si è deciso di tenere costantemente informate le organizzazioni consultate sulle attività del Corso di studi. Ciò sia attraverso comunicazioni istituzionali, che dal sito web dell'Ateneo.

Si segnala altresì che i corsi di studio in Scienze motorie vantano una serie di accordi e convenzioni - tuttora in vigore - riguardanti l'attività didattica, la ricerca ed il riconoscimento di qualifiche professionali sportive effettuate estesamente anche negli anni passati con strutture sanitarie pubbliche e private, associazioni sportive e federazioni, associazioni no-profit, istituti scolastici. In particolare, riguardo l'attività didattica, il corso di studi ha un continuo scambio di informazioni con la Federazione Italiana Kickboxing, ASD Yacht Club-Gaeta, Associazione il Campo del Cinabro-Roma, Federazione Italiana Badminton, Federazione Italiana Tiro con l'Arco, Federazione italiana Gioco Bridge, Federazione Italiana Nuoto Paralimpico, Federazione Italiana Golf, Federazione Italiana Pesistica. Convenzioni stipulate con alcuni degli Enti suddetti, consentono agli studenti di Scienze motorie di conseguire, già nel corso degli studi, i brevetti d'istruttore in varie discipline sportive.

Per il futuro, in linea con quanto già fatto nell'anno accademico precedente, allo scopo di favorire lo scambio di informazioni tra il CdS e le parti interessate, si è deciso di prevedere numerosi incontri e tavoli tematici con le parti, anche attraverso incontri più finalizzati e ristretti ad aree culturali affini, con una riunione conclusiva annuale di approfondimento da fissare entro il mese di dicembre, durante la quale vengono discusse le possibili modifiche agli obiettivi formativi, ai percorsi formativi e agli Ordinamenti didattici e al nuovo Manifesto degli Studi.

Verbali degli incontri sono agli atti della segreteria Didattica del Dipartimento d'afferenza.

Modalità di ammissione

Prova di ammissione: numero programmato (accesso subordinato al superamento di un concorso);
La commissione valuterà i candidati sulla base di:
-esito di una prova a carattere culturale mediante test scritto che verterà su conoscenze a livello di scuola secondaria superiore di chimica, biologia, fisica, nonchè conoscenze di attualità e di cultura generale e sportiva e abilità di ragionamento logico;
-voto di diploma di maturità e i voto acquisiti rispettivamente nel terzultimo e penultimo anno della scuola secondaria superiore nelle seguenti materie: Italiano, Matematica, e due materie a scelta del candidato.

Nel bando pubblicato all'inizio di luglio sul sito web dell'Ateneo, vengono indicati il numero dei posti, il livello e tipologia delle conoscenze richieste, la data e ora del test scritto, i termini per la pubblicazione della graduatoria, nonchè per gli studenti utilmente collocati in graduatoria le procedure necessarie per perfezionare l'iscrizione.
Periodo del test: metà/fine settembre
[Ultima modifica: mercoledì 30 novembre 2016]