Stampa la pagina Condividi su Google Condividi su Twitter Condividi su Facebook Prospettive

Efficacia Esterna

Dai dati Alma laurea 2018 relativi ai laureati nel 2016, il tasso di occupazione (def. Istat) risulta pari al 32,3 (19,5), il tasso di disoccupazione (def. Istat) pari al 25,9 (13,6) , in parentesi il dato riferito al 2016. A livello nazionale per tutti i CdS della medesima classe. I laureati 2015, nell'indagine Alma laurea 2016 mostrano un tasso di occupazione pari al 62,2, il tasso di disoccupazione pari al 11
Rispetto ai dati delle sedi limitrofe (medesima classe), l'Univ. del Molise mostra un tasso di occupazione pari a 37,9 ed un tasso di disoccupazione pari a 26,5, Napoli Parthenope,mostra un tasso di occupazione pari a 53,2 ed un tasso di disoccupazione pari a 17,3, Roma Foro Italico mostra un tasso di occupazione pari a 76,8 ed un tasso di disoccupazione pari a 6,5, in ultimo Roma Tor Vergata 71,9 e 12,7.
Al quesito "Efficacia della laurea nel lavoro svolto (%)" i dati mostrano un valore pari a 56,3 % (25) molto efficace e 31,3 % (33,3) abbastanza efficace (dato indagine 2016); Il quesito "soddisfazione per il lavoro svolto", in una scala da 1 a 10 registra un valore di 7,3, in linea con anni precedenti.
La retribuzione media è di circa 600 euro, nelle tipologie di azienda il settore privato raggiunge il 81,3% delle preferenze,contro il 6,3 del pubblico. La tipologia di attività lavorativa secondo le definizioni alma laurea, in maggioranza "parasubordinato" e "non standard" 57,3% e "senza contratto" il 25%. Il 61,1% degli occupati ha notato un miglioramento nel proprio lavoro dovuto alla laurea, in particolare ritiene molto 56,3%, e poco/per nulla 12,5% adeguata la formazione professionale acquisita all'università.

I laureati triennali in Scienze Motorie di Cassino del 2016, pertanto, rispetto alle medie nazionali, risultano lavorare ad un anno in minor percentuale rispetto alla media nazionale, sebbene sia da rilevare che il dato dell'univ. Molise è in linea con l'Ateneo di Cassino. Da un nostro recente studio, l'offerta lavorativa nei territori di provenienza dei laureati triennali risulta assai frammentata: ben 1452 ASD (Associazioni Sportive Dilettantistiche) iscritte al registro CONI nelle province limitrofe), di associazioni nazionali con rappresentanza locale, di privati, costituisce un mercato del lavoro in continua trasformazione composto da realtà di piccole dimensioni spesso non inclini a cercare educatori o tecnici qualificati.

L'Ateneo ha un servizio di job placement http://www.unicas.it/IMPRESA-E-TERRITORIO/Info che ha funzioni di sportello informativo ed è dotato anche di una piattaforma d'interfaccia tra studenti/laureati e enti http://www.sysjob.unicas.it. Il CdS ha inoltre un referente per il job placement. L'Ateneo, nell'ambito di UNICLAMOrienta, organizza ogni anno il Career Day, giornata che ha il compito di mettere in contatto le aziende con i laureati. Da segnalare che, per le piccole dimensioni delle imprese che offrono lavoro nell'ambito motorio-sportivo e per le loro caratteristiche di organizzazioni non-profit, l'evento risulta non offrire significative opportunità ai laureati in Scienze Motorie.
E' inoltre attivo, il servizio "Jobsoul" http://www.jobsoul.it/studenti-e-laureati .




Accompagnamento al lavoro

Gli obiettivi dell’attività di placement dei laureati sono:
• favorire la realizzazione personale e professionale dei laureati;
• contribuire a facilitare l’incontro tra domanda e offerta di laureati/competenze;
• contribuire a soddisfare i fabbisogni di capitale umano del sistema produttivo.
Le attività di placement sono pianificate e gestite secondo una logica di filiera basata sull’idea che orientamento in entrata, in itinere e in uscita debbano essere parte di una strategia coerente di Ateneo. Un momento centrale di attuazione di questa filosofia è il Career Day, organizzato in collaborazione con Centro Universitario per l’Orientamento (CUORI) allo scopo di orientare le scelte formative anche in funzione degli sbocchi occupazionali disponibili.
La maggior parte delle iniziative vengono gestite centralmente dall’Ufficio Job Placement in collaborazione con alcuni partner istituzionali. Al fine di garantire un’adeguata flessibilità, iniziative riguardanti ambiti professionali specifici sono organizzate e gestite direttamente dai dipartimenti o dai corsi di laurea.
Le attività di placement si caratterizzano per l’impegno particolare profuso nel sostenere l’imprenditorialità dei laureati, vista sia come strumento per promuovere l’occupabilità sia come meccanismo di valorizzazione della conoscenza generata attraverso la didattica e la ricerca.
Lo spettro dei servizi erogati all’utenza universitaria in collaborazione con partner interni ed esterni (figure 1 e 2), necessariamente più articolato in funzione delle varie tipologie di utenza, è di seguito elencato:

• attivazione e gestione delle convenzione per i tirocini (figura 3)
• gestione dei tirocini post laurea (figura 4)
• gestione delle attività informativa sulle offerte di lavoro e di stage tramite l’invio di email a target specifici
• identificazione di percorsi per l'inserimento lavorativo e il sostegno all’occupabilità dei laureati
• informazioni guidata circa le opportunità di inserimento lavorativo e formative
• supporto alla stesura del Curriculum Vitae
• approfondimento della conoscenza del mercato del lavoro di riferimento
• approfondimento delle tecniche di ricerca del lavoro
• definizione di un piano di azione per la ricerca del lavoro
• supporto alla realizzazione del progetto professionale
• organizzazione di corsi di educazione imprenditoriale rivolti a studenti, laureandi e laureati di tutte le discipline (corso Four Steps to Entrepreneurship)
• accompagnamento alla creazione d’impresa
• organizzazione eventi (Career Day, seminari, incontri informativi) finalizzati all’incontro D e O
• implementazione e gestione di piattaforma telematiche volte a favorire l’incontro di D e O (AlmaLaurea, Porta Futuro)
• attività di monitoraggio dell’inserimento occupazionale dei laureati basata sulle indagini AlmaLaurea

Tra le azioni principali portate avanti dall’Ufficio di recente vanno ricordate:
 L’organizzazione di incontri sulla redazione del CV e sul colloquio di lavoro in collaborazione con LazioDisco e l’associazione ex alunni (Alaclam)
 L’organizzazione del Career Day che ha riscontrato grande interesse tra gli interlocutori aziendali non solo di prossimità territoriale.
 L’implementazione della piattaforma AlmaLaurea per la gestione del placement che, nel rispetto della vigente normativa in materia di intermediazione, assicura un’articolata ed efficace circolazione delle informazioni.
 L’organizzazione della seconda edizione del corso di educazione imprenditoriale.
 L’adesione all’edizione 2018 della Start up Cup competition.
 Il monitoraggio, ad uso dei corsi di laurea, del Nucleo di Valutazione e del Presidio della Qualità, dell’inserimento occupazionale dei laureati basato sull’ultima indagini AlmaLaurea disponibile.
 Attività di promozione dell’apprendistato di alta formazione/ricerca in collaborazione con Anpal servizi.
 La partecipazione alle borse finalizzate all’incontro con le imprese interessate al reclutamento

Opinioni dei laureati

Dai dati AlmaLaurea relativi alle opinioni dei laureati nel 2017 (moduli compilati 91/95 2016, 86/92 laureati) circa il giudizio sull'esperienza universitaria (quesiti “Sono complessivamente soddisfatto del corso di laurea? - si iscriverebbe di nuovo all'Università ?), la percentuale delle risposte positive (decisamente si - Si, allo stesso corso dell'Ateneo) risulta pari a 44 e 81,33 contro il 32 e 68,6 (2016) ed il 42,1 e 81,6 % (2015). Risulta alta la soddisfazione nei confronti dei rapporti con i docenti (decisamente si 30,8% (25,6, 21,1), più si che no 67 %(62,6, 63,2)) (tra parentesi il dato 2016, 2015);
Le valutazioni circa le strutture (aule e biblioteche) risultano complessivamente positive, le aule informatiche risultano adeguate per il 29, 7 %(2016 23,3); risultano inoltre positivi i giudizi relativi alle strutture per lo svolgimento delle altre attività didattiche (laboratori, attività pratiche) sempre adeguate 24% (11,2) %, spesso adeguate 57% (52,8), in parentesi il dato 2016.
[Ultima modifica: lunedì 2 dicembre 2019]